Aprile 23, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Svezia e adesione alla NATO: l’incendio del Sacro Corano è stato un sabotaggio del Cremlino? | Politica

Svezia e adesione alla NATO: l’incendio del Sacro Corano è stato un sabotaggio del Cremlino?  |  Politica

Se queste affermazioni sono vere, il Cremlino tenterà di sabotare la potenziale adesione della Svezia alla NATO con mezzi insidiosi, ma in qualche modo trasparenti.

I media svedesi hanno ora riferito che il clamoroso rogo del Corano a Stoccolma potrebbe essere stato avviato dalla Russia, forse dalla Svezia NATODiffamazione di un membro del presidente turco Recep Tayyip Erdogan (68). La Turchia sta ancora negando l’ingresso alla Svezia.

Sabato scorso l’estrema destra danese Rasmus Paludan ha bruciato il Corano vicino all’ambasciata turca. teoria media svedesi È ora che un giornalista svedese vicino alla piattaforma di propaganda russa RT potrebbe aver convinto Paludan a partecipare alla campagna con i soldi del Cremlino.

Il secondo fine: infastidire ulteriormente Erdogan con “prove” delle presunte prese di posizione anti-islamiche della Svezia. Un piano che per il momento ha funzionato: all’inizio della settimana, il tiranno turco ha dichiarato che dopo il rogo pubblico del Corano, la Svezia non poteva contare sull’appoggio del suo Paese per aderire.

Il tiranno turco Erdogan sta ancora guidando il blocco contro l'adesione della Svezia alla NATO

Il tiranno turco Erdogan sta ancora guidando il blocco contro l’adesione della Svezia alla NATO

Foto: Burhan Ozbilici/AP

Tempistica della campagna: nessuna coincidenza! Ciò è avvenuto prima di una visita programmata del ministro della Difesa svedese Pal Johnson in Turchia, che è stata annullata dopo l’incidente.

Il controverso giornalista che si dice abbia aiutato il Cremlino come burattino è Chang Frick. Tra le altre cose, si dice che abbia pagato la quota di iscrizione di Paludan per una manifestazione a Stoccolma nel giorno in questione. Lo stesso Paludan in seguito affermò che l’idea di bruciare il Corano era stata suggerita da Frick. Ma Frick lo nega: è noto per la sua posizione filo-russa.

Il governo svedese rimane ottimista

Nonostante le tensioni con la Turchia, il governo svedese rimane ottimista sull’adesione alla NATO. “C’è senza dubbio un’opportunità”, ha detto giovedì il primo ministro Ulf Kristersson, osando non fissare un calendario. “Ma spero che accada il prima possibile”.

Christerson ha detto all’agenzia di stampa TT che anche dopo l’incidente del Corano, la Turchia non ha detto esplicitamente che la porta era completamente chiusa alla Svezia. Anche i colloqui con la Turchia dalla scorsa estate hanno dato questa impressione. “Potremmo avere percezioni diverse di dove ci troviamo nel processo, ma non ci sono dubbi sull’obiettivo finale dell’operazione”, ha detto Christerson.

Christerson ha anche fatto riferimento alla pressione esercitata sulla Turchia dalla stragrande maggioranza dei paesi della NATO. Ma è la Turchia che prende la decisione turca e nessun altro.

Il primo ministro svedese Ulf Kristersson pensa ancora che ci siano buone possibilità di aderire

Il primo ministro svedese Ulf Kristersson pensa ancora che ci siano buone possibilità di aderire

Foto: TT News Agency/via Reuters

L’anno scorso, Svezia e Finlandia hanno chiesto di aderire all’Alleanza per la difesa. Finora, 28 dei 30 paesi della NATO hanno approvato le richieste. Mancano ancora solo Ungheria e Turchia.

“Sarebbe molto dannoso per la sicurezza svedese se ci volesse troppo tempo”, ha detto Kristersson. La situazione della sicurezza in Svezia è ora molto migliore di quanto non fosse prima della richiesta della NATO. Il capo del governo ha affermato che ora è necessario calmare la “situazione febbrile”. Sono sempre pronto a parlare con Erdogan”.