Aprile 17, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Dall’Italia all’orgoglioso mattino

Dall’Italia all’orgoglioso mattino
  1. Generale Kisen
  2. Versare

Creato da:

A partire dal: Christopher Hoffmann

oli_cafesimov_210123_4c_1
Kirill Simov (a destra) e Christian Kaiser vogliono condividere la loro passione per il caffè con gli altri. ©Oliver Schepp

Il caffè non è solo l’alimento base e il motore della società operaia tedesca, ma ora è un prodotto di stile di vita. Ristoratori e baristi che si rispettino oggigiorno lavorano principalmente su macchine portafiltro. Ciò sarà di grande beneficio per Kirill Simov e la sua piccola azienda. Soprattutto, ora può condividere la sua passione per il fagiolo con molte persone di Giessen.

Tutto è iniziato in un piccolo caffè in Italia. Kirill Simov ha ordinato un caffè perché era in vacanza. Ha ottenuto un espresso completamente diverso da quello che si aspettava. “Il gusto è impareggiabile”, dice il 41enne. Oggi, molti anni dopo, Simov crea lui stesso tali esperienze di gusto e ispira i suoi simili. La sua passione si è trasformata in lavoro.

Con il suo “Coffee Simov”, il barista non si rivolge solo alle aziende locali in occasione di fiere o agli ospiti di tutti i tipi di matrimoni e feste di famiglia. Nel corso del tempo, Simov ha costruito altre importanti piattaforme attorno a Bean.

Sapere come muoversi e portafiltro

Ogni mese vengono importate in Germania 110.000 tonnellate di caffè e ogni tedesco ne beve 168 litri all’anno. Queste cifre del portale statistico Statista chiariscono quanto sia importante il caffè in Germania. Tuttavia, in passato, al caffè si prestava poca attenzione. Dopotutto, indipendentemente dal fatto che fluisca da macchine filtranti, pastiglie o capsule, deve soddisfare il suo scopo, che è quello di svegliarti. Oggi è diverso in molti posti. I baristi creano vere e proprie opere d’arte con la schiuma di latte, i buongustai pagano 40 euro al chilo, i torrefattori locali raffinano chicchi rari e le macchine portafiltro sono protagoniste nei caffè alla moda. In breve: il caffè è un prodotto lifestyle. E Simov ne trae vantaggio.

Il 41enne si è interessato al caffè molto prima di una vacanza in Italia. “Lavoro anche come tecnico nelle macchine da caffè dal 2008.” Dopo essere stato rianimato a Milano, comprò i fagioli e li portò in Germania. “Ma il risultato era tutt’altro che originale”, ha ricordato Simov. Così ha afferrato una vecchia macchina portafiltro – dopotutto era un tecnico – l’ha smontata e rimontata. Il caffè aveva un buon sapore, ma non quello che si aspettava.

Ma Simov non si è arreso, ha approfondito l’argomento e ha anche completato corsi per baristi. Nel 2013 si è sentito abbastanza talentuoso da condividere la sua passione con gli altri. “Ho comprato un bar mobile e sono andato prima ai festival di strada”. Nel corso del tempo, gli eventi sono diventati più grandi, le aziende hanno conosciuto Gießener e Simow sta servendo il caffè all’amministrazione regionale dell’Assia centrale alla fiera internazionale del settore immobiliare. Expo Real nel corso degli anni.

Questa mattina Simov siede nel suo ufficio con una mattinata orgogliosa. Un bar-caffetteria mobile e laboratorio è diventato una piccola sede aziendale in un vecchio aeroporto. Nell’atrio ci sono quasi una dozzina di macchine da caffè e macinini. “La ristorazione è ancora il nostro cuore, ma non l’unico”, afferma il fondatore dell’azienda. Ora vende anche macchine portafiltro di fascia alta e anche il servizio di riparazione fa parte dell’offerta, e non solo per i prodotti acquistati da lui. Sta andando bene, come insiste Simov. »Molte persone hanno acquistato vecchie macchine portafiltro ma si sono rese conto che non funzionavano correttamente. Non abbiamo alcun supporto tecnico nella zona. « Il 41enne non solo ripara e ripara prodotti di fascia alta del settore della ristorazione, ma anche normali macchine da caffè di privati. “Quasi l’80% sono portafiltri e il resto sono macchine completamente automatiche”.

Come dice Simov, l’ampliamento della sua offerta è nato in parte per necessità. “Durante il Corona virus, la consegna del cibo era quasi inattiva, quindi abbiamo pensato a cos’altro avremmo potuto offrire”. “Noi” siamo Simov da una parte sua moglie, che si occupa del back office, e Christian Kaiser dall’altra. Attualmente consegue un dottorato in economia presso l’Università Justus di Lipsia, Simov sostiene il suo lavoro autonomo. “Ci siamo incontrati a un matrimonio dove la griglia si è occupata”, afferma Kaiser. I due condividevano la passione per il caffè, e ora vogliono trasmetterla ad altri.

“Andiamo a prendere un caffè?” Nessun’altra bevanda è sinonimo di incontri e assembramenti come il cappuccino. Il gruppo “Koffi Simov” vuole anche stabilire più saldamente questa forma di comunità sotto forma di laboratori. Ad esempio, “Get Caffeinated: Introduzione a un mondo meraviglioso”. Un seminario di base e introduzione al caffè. “Per tutti coloro che hanno voglia di qualcosa di più del caos nero”, dice la homepage. Come sottolinea Kaiser, questi seminari non sono rivolti solo ai neofiti.

Seminario per privati ​​e ristoranti

Ne possono beneficiare anche ristoranti, aziende e baristi. » Abbiamo passione e know-how tecnico per il caffè. Vogliamo trasmetterlo”.

Puoi prendere il caffè sul serio e perderti in esso. Comprare macchine portafiltro per una piccola auto, pesare fino al milligrammo, scrivere articoli scientifici sulla macinatura, armeggiare con la temperatura. “Naturalmente ci sono nerd che modificano i parametri”, afferma Kaiser. Tuttavia, dal punto di vista tecnico, una macchina portafiltro da diverse migliaia di euro non è altro che una caffettiera costosa e attraente. “Ma possiamo differenziare meglio.”

Il suo collega Simov la vede così. » La qualità del caffè è notevolmente migliorata, sia in termini di chicchi che di tecnologia. Alla fine, però, una cosa conta più di ogni altra cosa: si assaggia.