Dicembre 7, 2021

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Su ARD oggi: “Zero” con Heike Makatsch salta e inciampa alla partenza

  • a partire dalHarald Keeler

    Chiudere

Il film più venduto “Zero” va in onda oggi su Das Erste. Heike Makatsch suona nel futuro eppure è vicino al presente.

BERLINO – La TV che conta su ARD non potrebbe essere più aggiornata. È passata poco più di una settimana da quando i documenti bloccati dalla società Internet Facebook sono diventati pubblici. Testimoniano critiche interne ma costantemente respinte, di algoritmi che generano vortici di odio e regolamenti speciali per clienti di alto profilo che possono denunciare, disinformare e denigrare senza molestie. Perché il loro pacco digitale aumenta il numero di utenti.

Il film TV “Zero” (ARD), scritto da Johannes Betz basato sul romanzo di successo di Mark Ellsberg, andato in onda all’inizio come parte della serie “Near Future”, fa un salto nel futuro. Ci “occhiali Freemee” sono di gran moda. Montature che ricordano gli occhiali, ma hanno ampio accesso ai dati personali e li trasmettono a chi li indossa a prima vista.

In questo modo, la giornalista Cynthia Ponsant (Hike McCach) riconosce la sua controparte: “Jeffrey Pescor, nato nel 1983, in Canada, divorziato, un figlio”. Ulteriori informazioni sono disponibili per un pagamento di € 2,99 o per il riscatto di cinque Smart Points.

“Zero” oggi su ARD: Superato dagli sviluppi tecnici

Cynthia Ponsant sta cercando di tornare al lavoro dopo due anni di cure per il marito malato terminale. Nel frattempo sono successe molte cose. Distingui tra il web e il mondo reale? Il caporedattore di scherno Tony Brenner (Axel Stein). “Wow. Mi dispiace. ” Ride perché Cynthia mostra il suo ordine su carta.

L’anacronismo di Argh, questo ex giornalista stellare. Forse l’avrebbe rimandata a casa per posta se non fosse stato per un attacco di droni al corteo di automobili del Ministro degli Interni e della Cancelleria mentre parlavano e trasmettevano in diretta sugli schermi Tahrir. La responsabilità dell’azione è presa da un gruppo chiamato Zero, che si impegna a combattere i “polpi dei dati”. Cynthia ottiene il suo primo incarico: un retroscena su Zero.

“Zero” (ARD) – Giorno 1: Chi corre veloce sarà premiato

Freemee ha lanciato un altro prodotto innovativo. L’app offre ai suoi utenti un codice di condotta che migliora la compatibilità sociale a prima vista. Coloro che seguono i consigli sull’audio del computer ottengono punti intelligenti come bonus. Non è più futuristico, sappiamo qualcosa di simile dalla Cina.

Freemee vende dispositivi e app gratuitamente. Ma dietro l’altruismo in mostra, ci sono interessi molto diversi. Gli attivisti Zero stanno arrivando dietro il segreto. Alcuni incidenti hanno anche sollevato i sospetti di Cynthia. La tua ricerca sta andando in una nuova direzione, e non è priva di rischi. Presto arriveranno i primi decessi.

Fondamentalmente, è più che positivo quando film TV come “Zero” (ARD) o serie TV riprendono temi attuali e prendono invece una posizione time-critical, come nel caso di molte produzioni di programmi commerciali e provider di trasmissioni, con fantasy, horror e evitamento Siti di produzione e impegno per l’eccitazione. Sebbene il nuovo adattamento “Zero”, molto intenso rispetto all’originale, sia interessante dal punto di vista tematico, la realizzazione tecnica non è molto convincente.

“Zero” oggi su ARD: Berlino è morta

Perché il flusso narrativo di “Zero” sull’ARD è ripetutamente disturbato da fastidiosi bug. Non è credibile, ad esempio, che la cricca della scuola con un interesse per la tecnologia e la moda intorno alla figlia diciassettenne di Cynthia, Viola (Louise Emily Churches) si incontri regolarmente in una landa desolata.

La scena dell’evento è Berlino brutta, desolata e quasi deserta, senza alcuna spiegazione per l’apparente declino della vita pubblica. Ma se la drammaturgia della storia rende indispensabili i passanti, ovviamente sono subito presenti, grazie all’aiuto regista.

Le persone vivono e lavorano in stanze fresche e scarsamente arredate che vanno contro gli incentivi dei consumatori per le aziende coinvolte. A chi vendono la loro merce che nessuno sembra volere, nemmeno i circoli benestanti?

Diventa totalmente ridicolo quando un collega giornalista di Cynthia scrive sul muro con una mano sola con un netbook tra le braccia. Un grande traguardo se può continuare a lavorare per un giorno intero. E un adolescente che è completamente concentrato sul suo smartphone non dovrebbe notare che la cosa sta cadendo dalla sua mano?

trasmettere

“Zero”, mercoledì 3 novembre 2021, alle 20:15 al Das Erste E infatti in Libreria multimediale ARD.

In questo modo, la storia salta e inciampa ancora e ancora, non scorre liscia ed è riconoscibile come un dramma ordinato. Il regista del cortometraggio Oscar Jochen Alexander Fridank potrebbe aver avuto in mente proprio questo, seguendo l’idea di Brecht di distruggere le illusioni. Ma poi, mancava la necessaria coerenza e il suo lancio era in bilico tra i concetti.

La pubblicità del prodotto, ovviamente più familiare dei servizi di streaming come Netflix, non avrebbe alcun senso per Brecht. (Harald Keeler)