Luglio 4, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Studio: vaccino mRNA contro l’HIV negli studi sugli animali ‘molto promettente’ – Notizie Augsburg, Allgäu e Ulm

Cellule del sangue infette da HIVFoto: NIH/AFP/Archiv/dispensa

Un vaccino sperimentale contro l’HIV ha mostrato risultati promettenti negli studi sugli animali, secondo i ricercatori statunitensi. Il vaccino, che si basa sulla stessa tecnologia mRNA di alcuni vaccini corona, si è dimostrato sicuro nei test con le scimmie rhesus e ha ridotto il rischio di infezione del 79% per ogni esposizione, secondo lo studio “Nature Medicine” di giovedì.

Per poterlo testare sugli esseri umani, deve essere sviluppato un vaccino contro il virus HI, che può causare l’AIDS. Lo studio riporta che le scimmie hanno ricevuto più dosi del vaccino per un periodo di un anno. Nonostante l’elevata dose, gli animali hanno tollerato bene il farmaco e hanno manifestato solo effetti collaterali moderati, come una temporanea perdita di appetito.

Di conseguenza, gli anticorpi possono essere rilevati in tutti gli animali di prova fino alla 58a settimana. A partire dalla settimana 60, le scimmie rhesus sono state esposte al virus su base settimanale. Poiché le scimmie non sono suscettibili all’infezione da HIV, che è pericolosa per l’uomo, sono state infettate dal virus dell’immunodeficienza umana come l’HIV.

Dopo 13 settimane, secondo i ricercatori, due dei sette primati vaccinati non avevano contratto il virus. Mentre la malattia è comparsa nelle scimmie non vaccinate dopo circa tre settimane, è persistita per una media di otto settimane negli animali vaccinati. “Questo livello di riduzione del rischio può avere un impatto significativo sulla trasmissione del virus”, afferma lo studio.

Per lo studio, gli scienziati del National Institute of Allergy and Infectious Diseases (NIAID) degli Stati Uniti hanno lavorato con i ricercatori della società statunitense Moderna, che ha anche sviluppato un vaccino per la corona.

READ  Un semplice esame del sangue predice in modo affidabile lo sviluppo del cancro al fegato: una pratica curativa

“Nonostante quasi quattro decenni di sforzi da parte della comunità di ricerca globale, trovare un vaccino efficace per l’HIV rimane un obiettivo impegnativo da raggiungere”, ha affermato il coautore e direttore del NIAID Anthony Fauci. Il vaccino sperimentale a mRNA combina diverse proprietà che potrebbero superare le carenze dei precedenti vaccini candidati e rappresenta un “approccio promettente”.

Negli ultimi decenni la ricerca ha compiuto grandi passi avanti nella lotta contro il virus dell’epatite C. Mentre i farmaci antiretrovirali consentono ai malati di condurre una vita in gran parte normale, la premedicazione presa regolarmente fornisce un’ottima protezione contro le infezioni. Ad oggi non esiste ancora un vaccino efficace. Ciò sarà particolarmente importante per i paesi poveri con scarso accesso ai medicinali.