Agosto 11, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Studio: i pazienti con Covid-19 hanno maggiori probabilità di avere disturbi neurodegenerativi

Lo studio ha analizzato pazienti ricoverati e ambulatoriali danesi tra febbraio 2020 e novembre 2021, nonché pazienti affetti da influenza nel corrispondente periodo prima della pandemia. I ricercatori hanno utilizzato metodi statistici per calcolare il rischio relativo e i risultati sono stati disaggregati per stato di ricovero, età, sesso e comorbidità.

Il dottor Pardis Zarifkar, autore principale dello studio del Dipartimento di Neurologia del Rigshospitalet di Copenaghen, in Danimarca, ha spiegato: “Più di due anni dopo lo scoppio dell’epidemia di Covid-19, l’esatta natura e l’evoluzione dell’impatto del Covid-19 sulle malattie neurologiche è sconosciuto” ancora non descritto. Precedenti studi hanno trovato un’associazione con sindromi neurologiche, ma non è ancora noto se il Covid-19 influisca anche sull’incidenza di alcune malattie neurologiche e se differisca da altre infezioni respiratorie”.

Anche con l’influenza

Tuttavia, l’aumento del rischio per la maggior parte dei disturbi neurologici non era più alto nei pazienti con Covid-19 rispetto a quelli con diagnosi di influenza o altre malattie respiratorie. I pazienti con Covid-19 avevano un rischio 1,7 volte maggiore di ictus ischemico rispetto all’influenza e alla polmonite batterica nei pazienti di età superiore agli 80 anni.

L’incidenza di altre malattie neurodegenerative come la sclerosi multipla, la miastenia grave, la sindrome di Guillain-Barré e la narcolessia non è aumentata dopo Covid-19, influenza o polmonite.

Il dottor Pardis Zrivkar ha aggiunto: “Questi risultati miglioreranno la nostra comprensione degli effetti a lungo termine del Covid-19 sul corpo e del ruolo che l’infezione gioca nelle malattie neurodegenerative e nell’ictus”.