Dicembre 7, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Studio: i fornitori di automobili devono affrontare problemi di liquidità

Molti fornitori si sono lamentati del fatto che la comunicazione e l'affidabilità con le case automobilistiche si sono notevolmente deteriorate dalla crisi del Corona.  (Immagine dell'icona)

Molti fornitori si sono lamentati del fatto che la comunicazione e l’affidabilità con le case automobilistiche si sono notevolmente deteriorate dalla crisi del Corona. (Immagine dell’icona)
Marijan Murad / dpa

La società di consulenza gestionale Horváth ha chiesto ai fornitori di automobili informazioni sull’aumento dei costi di produzione.

Tre quarti dei fornitori sono stati solo in parte in grado di trasferire energia, materie prime e costi di produzione notevolmente aumentati alle case automobilistiche, e quindi hanno dovuto affrontare sempre più problemi di liquidità.

Soprattutto, la comunicazione con le case automobilistiche e la loro affidabilità si è notevolmente deteriorata dalla crisi del Corona.

Secondo uno studio, i fornitori di automobili devono affrontare crescenti problemi di liquidità a causa dell’aumento dei costi di produzione. Tre quarti dei fornitori sono stati solo parzialmente in grado di trasferire energia, materie prime e costi di produzione notevolmente aumentati alle case automobilistiche, secondo la società di consulenza gestionale Horvath. Per lo studio, la società di consulenza gestionale ha intervistato i membri del consiglio di società di fornitori di automobili in tutto il mondo con un fatturato annuo compreso tra 250 milioni e 40 miliardi di euro. Secondo Horvath, il campione comprende anche 30 CEO e COO intervistati.

Molte aziende si sono lamentate del fatto che la comunicazione con le case automobilistiche e la loro affidabilità è cambiata da allora Crisi corona Significativamente deteriorato: “Ci sono enormi fluttuazioni nelle quantità richiamate e non c’è quasi alcuna trasparenza”, ha affermato l’esperto del settore Horvath Ralph Gidol. I rapporti tra fornitori e case automobilistiche, nonché con i loro fornitori, stanno diventando sempre più tesi. I fornitori sono “in un dilemma” tra i due: “Sebbene i loro clienti, produttori, richiedano un elevato grado di flessibilità con ordini in entrata altamente volatili, i fornitori si aspettano programmi coerenti per i prossimi cinque anni”.

READ  Porsche lascia il progetto di auto elettriche Artemis di Volkswagen

Leggi anche

La maggior parte delle aziende fornitrici ha creato scorte per poter rispondere più rapidamente. Due terzi di loro hanno anche cercato di risparmiare di più, migliorare le operazioni e addebitare maggiori costi. Ma solo alcuni dei membri del consiglio intervistati hanno effettivamente implementato con successo le azioni pianificate.

Il problema principale è la mancanza di personale

Ci sono state lamentele quasi unanimi sulla carenza di personale a tutti i livelli in tutte le località. La stragrande maggioranza delle aziende intervistate ha problemi a trovare e trattenere i dipendenti. Ciò significa già che i turni non possono essere riempiti in produzione.

Allo stesso tempo, i requisiti del prodotto diventeranno più complessi. Secondo lo studio, sempre più auto di alta qualità vengono prodotte in serie più piccole. In base a ciò, il 76% dei fornitori intervistati ha dovuto adeguare il proprio portafoglio a causa dell’elettricità e delle nuove esigenze dei clienti. Tuttavia, la sostenibilità di solito vale anche in termini di costi e catene di approvvigionamento, afferma Gaidol, “Esempi di cui sono l’elevata efficienza energetica menzionata per prima e la localizzazione pianificata dei fornitori”.

Leggi anche

ora / giorno