Maggio 19, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Studio: è improbabile che questo gruppo sanguigno prenda il Covid-19, ma infetta gli altri più spesso

– I ricercatori hanno scoperto nell’estate del 2020 che il gruppo sanguigno di un paziente può influenzare il rischio di infezione da corona. Uno studio francese suggerisce ora il ruolo del modello di donazione del sangue in questo.


Potresti anche conoscerlo dal tuo ambiente: alcune persone hanno solo sintomi lievi quando sono infettate dal coronavirus o non si accorgono dell’infezione, altre hanno gravi problemi respiratori e potrebbero dover lottare per la propria vita. Alcune persone sono costantemente circondate dalla folla al lavoro senza essere contagiate, altre vengono contagiate anche se escono di casa solo per fare la spesa. Alcuni gruppi sanguigni sono fattori di rischio sia per lo sviluppo di malattie gravi che per l’infezione da MERS in generale.

Solo pochi mesi dopo l’inizio della pandemia, un team di ricerca internazionale ha riportato sul “New England Journal of Medicine” l’importanza del gruppo sanguigno in un percorso potenzialmente ad alto rischio. Il risultato dello studio: le persone con gruppo sanguigno A, il più comune in Germania, avevano un rischio circa del 50% più alto di sviluppare un decorso grave di infezione rispetto a quelle con altri gruppi sanguigni. Allo stesso tempo, secondo lo studio, le persone con gruppo sanguigno 0 hanno un rischio inferiore del 50% di sviluppare una malattia grave.

Si sapeva molto fino ad ora. Uno studio francese ha ora dimostrato che il gruppo sanguigno può influenzare non solo il ciclo, ma anche il rischio di infezione. In breve: se una persona può donare sangue a un’altra persona a causa del suo gruppo sanguigno specifico, è anche più probabile che infetti quella persona se essa stessa è infetta.

READ  Epidemia: i bambini lamentano mal di testa e mal di stomaco

La logica dell’infezione segue lo schema della donazione del sangue

Secondo un’infografica del servizio trasfusionale, le persone con gruppo sanguigno 0 possono donare sangue a tutti i pazienti indipendentemente dal gruppo sanguigno, ma solo da donatori di gruppo sanguigno 0.

La stessa cosa con Corona: come ha detto l’immunologo professor Andreas Radbruch a Berlino foto Lo studio francese ha spiegato che “quando i virus provengono dall’infezione di una persona con gruppo sanguigno A, B o AB, hanno difficoltà a infettare qualcuno che ha anticorpi contro A e B – e queste sono persone che hanno gruppo sanguigno 0”. Di conseguenza, le persone con gruppo sanguigno 0 hanno meno probabilità di essere infettate dal coronavirus.

Ma: puoi donare il tuo sangue a pazienti di tutti i gruppi sanguigni, quindi puoi anche trasmettere il virus a chiunque. Pertanto, le persone con gruppo sanguigno 0 possono facilmente infettare coloro che li circondano con il coronavirus.

Quindi i risultati dello studio suggeriscono una tendenza, ma allo stesso tempo sono possibili anche infezioni tra le persone i cui gruppi sanguigni non corrispondono, ma sono meno probabili. Nello studio, che ha esaminato 333 coppie e la loro contaminazione incrociata, l’incidenza dell’infezione con gruppi sanguigni non corrispondenti era solo del 27,9%. Tuttavia, se entrambi i gruppi sanguigni fossero compatibili, il numero di infezioni salì al 47,2%.