Ottobre 3, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Studio condotto dall’Università di Bonn: Il latte può aumentare i sintomi della SM | onore oggi

Fonte: Pixabay / Couleur

Boone – Le persone con sclerosi multipla spesso lamentano sintomi più forti dopo aver consumato latticini. I ricercatori delle università di Bonn e di Erlangen-Norimberga hanno ora trovato una possibile causa per questo.

Secondo questo, la proteina nel latte vaccino può innescare un’infiammazione diretta contro lo “strato isolante” attorno alle cellule nervose. Lo studio è stato in grado di stabilire questa associazione nei topi, ma ha anche trovato prove di un meccanismo simile negli esseri umani. Gli scienziati raccomandano che alcuni gruppi di persone colpite evitino i latticini. Lo studio è stato ora pubblicato sulla rivista PNAS.

Lo studio è stato alimentato dai rapporti di pazienti con sclerosi multipla: “Sentiamo costantemente dalle persone colpite che si sentono peggio se mangiano latte, quark o yogurt”, spiega Stephanie Korten dell’Istituto di Anatomia dell’Ospedale Universitario di Bonn. “Siamo interessati alla questione di questo collegamento.”

Il professore di neuroanatomia è un esperto riconosciuto di sclerosi multipla. Hanno iniziato a studiare nel 2018 presso l’Università di Erlangen-Norimberga. Un anno e mezzo fa si è trasferita a Bonn, dove ha continuato a lavorare con il suo team. “Abbiamo iniettato nei topi proteine ​​​​diverse dal latte di mucca”, dice. Quindi volevamo scoprire se c’era una componente con cui interagiscono con i sintomi della malattia.

In effetti, i ricercatori hanno trovato quello che stavano cercando: quando hanno somministrato agli animali la caseina, un componente del latte vaccino, insieme a un potenziatore degli effetti, i topi hanno sviluppato disturbi neurologici. La microscopia elettronica ha mostrato danni allo strato isolante attorno alla fibra nervosa, la mielina. La sostanza lipidica previene i cortocircuiti e accelera notevolmente la trasmissione degli stimoli.

READ  Oltre 1 milione di casi di coronavirus a Berlino - l'infezione scende leggermente a 519 - BZ Berlino

guaina mielinica perforata

Nella sclerosi multipla, il sistema immunitario del corpo distrugge la guaina mielinica. Le conseguenze vanno dal disagio e problemi di vista ai disturbi del movimento. In casi estremi, le persone ferite finiscono su una sedia a rotelle. Anche nei ratti la corteccia insulare era significativamente perforata, apparentemente a causa dell’ingestione di caseina. “Sospettavamo che la causa fosse una reazione immunitaria sbagliata, simile a quella che si verifica nei pazienti con sclerosi multipla”, spiega Ritika Chondr, che si sta riabilitando nel gruppo di lavoro del professor Curten. “La stessa difesa del corpo attacca effettivamente la caseina, ma distrugge anche le proteine ​​​​che sono coinvolte nella formazione della mielina”.

Questa reazione crociata può verificarsi quando due molecole sono molto simili, almeno in parte. Quindi il sistema immunitario li confonde tra loro, per così dire. “Abbiamo confrontato la caseina con diverse molecole importanti per la produzione di mielina”, afferma Chonder. “Durante questa operazione, ci siamo imbattuti in una proteina chiamata MAG. Sembra molto simile alla caseina in alcune aree, tanto che negli animali di prova, gli anticorpi contro la caseina erano attivi anche contro il MAG”.

Nei topi trattati con caseina, le difese dell’organismo erano dirette anche contro MAG, destabilizzando la mielina. Ma fino a che punto possono essere estrapolati i risultati alle persone con SM? Per rispondere a questa domanda, i ricercatori hanno somministrato anticorpi alla caseina nel tessuto cerebrale umano. Infatti, si è accumulato lì sulle cellule responsabili della produzione di mielina nel cervello.

Autotest per gli anticorpi della caseina

Alcuni globuli bianchi, i linfociti B, sono responsabili della produzione di anticorpi. Secondo lo studio, i linfociti B nel sangue dei pazienti con sclerosi multipla rispondono fortemente alla caseina. Le persone colpite potrebbero aver sviluppato un’allergia alla caseina a un certo punto attraverso il consumo di latte. Una volta che mangi latticini freschi, il tuo sistema immunitario produce un gran numero di anticorpi alla caseina. Questi danneggiano anche la guaina mielinica attorno alle fibre nervose a causa della reattività crociata con MAG.

READ  Corona Stream: RKI riporta di nuovo il valore massimo di occorrenza - Politica

Tuttavia, questo riguarda solo i pazienti con SM che sono allergici alla caseina del latte vaccino. “Attualmente stiamo sviluppando un autotest che le persone possono utilizzare per verificare se hanno gli anticorpi appropriati”, afferma Kürten, che è anche membro del gruppo in franchising ImmunoSensation2. “Almeno questo sottogruppo dovrebbe astenersi da latte, yogurt o quark”.

Il latte vaccino può anche aumentare il rischio di SM nelle persone sane. Perché la caseina può anche portare a reazioni allergiche, probabilmente non è così raro. Una volta stabilita una tale risposta immunitaria, teoricamente può verificarsi una reazione crociata con la mielina. Tuttavia, questo non significa che un’ipersensibilità alla caseina porterà inevitabilmente alla sclerosi multipla, sottolinea il professore. È probabile che ci siano altri fattori di rischio. Tuttavia, questa associazione è preoccupante, dice Curtin: “Secondo gli studi, i numeri di SM sono aumentati nelle popolazioni in cui viene consumato molto latte vaccino”.

Enti partecipanti e finanziamenti:

Oltre all’Università di Bonn, hanno partecipato anche la Friedrich-Alexander University Erlangen-Norimberga, la St Marien’s Amberg School e la Stanford University School of Medicine. Lo studio è stato sostenuto dalla Fondazione tedesca per la ricerca (DFG), dal programma IZKF-ELAN dell’Università di Erlangen-Norimberga e da donatori privati.

Pubblicazione: Rittika Chunder et al: La reattività crociata degli anticorpi tra caseina e glicoproteina legante la mielina porta alla demielinizzazione del sistema nervoso centrale con implicazioni per la malattia immunitaria della sclerosi multipla. PNAS; DOI: https://doi.org/10.1073/pnas.2117034119