Febbraio 25, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Spazio: il telescopio James Webb conferma il segreto dell'espansione spaziale | Vita e conoscenza

Spazio: il telescopio James Webb conferma il segreto dell'espansione spaziale |  Vita e conoscenza

Usando la tecnologia moderna, gli scienziati si sono resi conto di non capire nulla…

Nel 1927, il sacerdote belga Georges Lemaitre scoprì che lo spazio si stava espandendo. Due anni dopo, l’astronomo americano Edwin Hubble dimostrò che le galassie si muovono più velocemente quanto più sono lontane da noi. Con l'aiuto della cosiddetta costante di Hubble si può calcolare l'età dell'Universo: se segui l'evoluzione indietro, saprai quando tutto ebbe inizio: 13,8 miliardi di anni fa con il Big Bang, in cui apparvero stelle e astri . Da una minuscola goccia di materia compressa si sono formati i pianeti.

Ma da decenni gli scienziati si trovano ad affrontare un problema: la costante di Hubble, il tasso di espansione dell’universo, sta cambiando radicalmente.

A seconda del metodo utilizzato dagli astrofisici per misurare l’espansione dello spazio, ottengono risultati diversi sulla velocità con cui le galassie si allontanano.

► Questo Telescopio spaziale James Webb Questo problema dovrebbe essere risolto con dati di misurazione più accurati. Invece la contraddizione venne confermata, e il mistero aumentò.

È materia oscura?

Adam Reese, Il premio Nobel per la fisica e l'astronomia presso la Johns Hopkins University di Baltimora (USA) ritiene che le cause della deriva irregolare dell'universo siano la cosiddetta materia oscura e l'energia oscura.

La proporzione della materia atomica ordinaria che costituisce i soli e i pianeti (e in definitiva noi umani) dovrebbe essere solo del 5%! Il resto è materia oscura (25%) ed energia oscura (70%).

L'illustrazione mostra come l'universo si è espanso dopo il Big Bang

Foto: Getty Images/Libreria di foto scientifiche RF

L’unico problema è che i ricercatori non sanno cosa siano realmente la materia oscura e l’energia oscura. E perché metodi diversi per misurare l’espansione dello spazio portano anche a risultati diversi. Bisogna chiedersi “se comprendiamo veramente la formazione dell’universo e la fisica dell’universo”, ha detto Rees. Scienze vive.

I suoi colleghi non sono d'accordo su cosa potrebbe causare la differenza nei risultati delle misurazioni. Le loro teorie sono diverse. Il risultato: impotenza.

I “Pilastri della Creazione”, una composizione di materia galattica, ripresa dal telescopio Hubble nel 1995 (a sinistra) e dal nuovo telescopio James Webb nel 2022 (p.)

Foto: UPI/FOGLIA