Febbraio 6, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Sono presenti navi sussidiarie in Italia – Estero

Il governo italiano ha recentemente consentito ai soccorritori marittimi con migranti a bordo di rimanere più a lungo in mare. Molte navi ora potevano attraccare in modo insolitamente rapido. A quanto pare la Roma sta cambiando strategia.

È passato più di un mese da quando il nuovo governo di destra italiano ha fatto aspettare giorni alle agenzie umanitarie nel Mediterraneo prima di consentire loro di entrare in porto. È successo tutto così in fretta durante il fine settimana. I funzionari si sono presentati alle organizzazioni non governative (ONG) e ai porti dei capitani designati dove i migranti dalla Libia potevano sbarcare. Ascesa della Ong Dresden Mission Lifeline con 27 migranti al porto di Gioia Taro in Calabria. L’organizzazione italiana Emergency’s Life Support sarebbe diretta a Livorno con 70 migranti, così come Sea I4 dell’organizzazione umanitaria da Ratisbona, che sta lasciando la Sicilia e si dirige verso la Toscana con 63 migranti. Il viaggio dura giorni.

L’Italia ha cambiato la sua strategia per trattare con le ONG. Le agenzie umanitarie impopolari sono viste a Roma come incentivi per il passaggio dei migranti. Una strategia implacabile di non consentire alle navi di entrare nel porto per giorni ha aperto la strada. Con la giustificazione che i campi di accoglienza in Sicilia sono pieni, Roma ora assegna i profughi a porti più lontani, ad esempio Puglia, Calabria, Campania o Toscana.

Secondo il Viminale, quest’anno sono arrivati ​​in Italia via mare 98.700 migranti, rispetto ai 63.000 dello stesso periodo dell’anno scorso. Per le organizzazioni umanitarie, la nuova tassa equivale al boicottaggio. Sottolineano che solo quest’anno sono annegati 2.000 migranti. Nel fine settimana una bambina di due anni è morta in ospedale a Lampedusa dopo che un gommone proveniente dalla Libia si è ribaltato con la madre. Tuttavia, secondo quanto riferito dai media, il ministro dell’Interno Matteo Piandosi sta pianificando una legislazione che vieterebbe alle ONG di condurre più missioni di aiuto di seguito. In futuro, solo quelle navi dovrebbero poter entrare nel porto senza le conseguenze di portare i migranti direttamente in territorio italiano dopo una missione. Le navi coinvolte in più operazioni di salvataggio sono soggette a multe o alla confisca della nave.

READ  Georgia Meloni: l'Italia deve affrontare il governo più di destra dai tempi di Mussolini

“Non possiamo accettare migranti fermati in mare da navi straniere che operano correttamente senza previa consultazione con le autorità”, ha dichiarato a novembre il ministro dell’Interno. Piantedosi è un intransigente, apartitico ma politicamente noto, del boss leghista Matteo Salvini, oggi ministro dei Trasporti. A quel tempo, l’Italia ha chiesto che solo i paesi le cui navi navigavano sotto bandiera si occupassero dei migranti. Roma vuole costringere gli altri Paesi Ue ad accettare tutti i migranti.

Dietro le quinte è stato raggiunto un accordo. Quando a novembre il governo di Roma ha permesso a due navi di ONG di sbarcare, l’ambasciatore tedesco a Roma, Viktor Elbling, ha twittato: “La solidarietà funziona. I primi 164 richiedenti asilo dall’Italia accolti in Germania”. “Si riferiva all’accordo raggiunto dai ministri dell’Interno Ue a giugno sul Meccanismo volontario di solidarietà, poi votato dal governo di Mario Draghi.

Il nuovo governo di destra, impegnato in una lotta senza compromessi contro l’immigrazione clandestina, non si sente vincolato dall’accordo. Dopo un compromesso accettato dalla maggioranza degli Stati membri, dodici paesi dell’UE hanno accettato di accettare migranti dai paesi del Mediterraneo, principalmente dall’Italia. I non partecipanti possono contribuire con denaro o contributo. In questo modo, circa 10.000 migranti saranno distribuiti in altri paesi dell’UE entro un anno. Il compromesso è stato visto come una svolta, poiché l’UE non è stata in grado di concordare un approccio uniforme ai migranti dalla crisi dei rifugiati del 2015.

Questo compromesso è stato ostacolato dalla politica di blocco del governo italiano. Di conseguenza, alcuni governi dell’UE hanno espresso conseguenze interne a Roma: l’Italia non poteva contare sulla solidarietà nell’accogliere i richiedenti asilo fino a quando le navi delle ONG non fossero state bloccate. D’altra parte, se i porti sono riservati alle navi di soccorso, anche altri Paesi accolgono i migranti, e questo è il messaggio.

READ  Stati Uniti e Italia inaspriscono le regole di ingresso mentre i casi di coronavirus aumentano in Cina

Secondo i media italiani, il governo ha opinioni diverse sulla questione. Lega Matteo Salvini e Viminale seguono un percorso conflittuale e approvano il blocco delle Ong. Il ministro degli Esteri Antonio Tajani (Forza Italia) è più disposto al compromesso. Alla fine la decisione di cedere è arrivata dal quartier generale del governo di Georgia Meloney.