Gennaio 26, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Solo 8 alberi su 100 nel Brandeburgo sono sani

Rapporto sullo stato delle foreste 2022

Solo 8 alberi su 100 nel Brandeburgo sono sani


DPA / Patrick Belloul

Audio: rbb24 attuale brandeburgo | 12/12/2022 | Cristoforo Holcher | immagine: DPA / Patrick Belloul

La siccità e il cambiamento climatico stanno causando danni permanenti alla foresta di Brandeburgo: il 92 per cento degli alberi ha problemi – questo è ciò che mostra il nuovo rapporto sullo stato delle foreste. D’altra parte, quattro anni fa, quasi la metà degli alberi era ancora sana.

Dopo un altro anno di siccità, non c’è riposo per le foreste del Brandeburgo. La situazione è preoccupante, ha affermato lunedì il ministro dell’Ambiente e della protezione del clima Axel Vogel (I Verdi) alla presentazione del rapporto sullo stato delle foreste 2022 a Potsdam. Solo l’otto per cento degli alberi forestali non mostra segni di danneggiamento e può essere classificato come sano. Nel 2018, prima che iniziasse l’attuale siccità, era ancora del 44%. Nel Brandeburgo mancano ancora le precipitazioni per un anno intero.

Nel frattempo, la percentuale di alberi con gravi danni è diminuita del 2%. Il faggio è la specie arborea più colpita, seguita dalla quercia. Un albero su due nel campione per il rapporto sullo stato delle foreste mostra danni significativi. È del 54% per il faggio e del 50% per la quercia. “Nelle condizioni della crisi climatica”, afferma il rapporto, “la popolazione della faggeta di Brandeburgo diminuirà”.

Anche i pini resistenti alla siccità soffrono

Più varietà nella foresta di Brandeburgo

Fogel ha sottolineato che il problema più grande per le foreste è il cambiamento climatico. Un totale di 504 incendi boschivi ha causato anche gravi danni su un’area di oltre 1.400 ettari. Tra questi c’erano quattro grandi incendi. In 480 incendi boschivi è stato possibile ridurre l’area a meno di un ettaro.

Allo stesso tempo, il ministro ha annunciato ulteriori sforzi per trasformare la foresta. Tra le altre cose, è previsto che in futuro nelle regioni possano crescere almeno tre tipi di alberi. Più del 70% delle aree forestali è ancora dominato da pini, per lo più monocolture.

Questa non è una missione multigenerazionale.

Il ministro Vogel ha sottolineato lunedì sera alla rbb24 Brandenburg Aktuel che da 500.000 a 600.000 ettari di foresta devono essere convertiti “molto rapidamente”. Più alberi decidui dovrebbero essere piantati nelle foreste di conifere e il legno morto dovrebbe essere rimosso lungo i sentieri. Inoltre, devono essere costruite barre di fuoco per impedire la propagazione della fiamma. Questo per prevenire grandi incendi in futuro.

“Questo non è più un compito multigenerazionale, deve essere svolto in questa generazione”, ha affermato il ministro. Ciò significa che tutti i proprietari di foreste devono lavorare qui. “

Il ministro vuole cambiare la legge forestale

Quindi il Paese vuole rivedere anche la legge forestale. In casi estremi, ciò dovrebbe consentire l’esecuzione di misure nei boschi privati ​​senza il consenso del proprietario. Secondo il ministro, il 60 per cento delle foreste del Brandeburgo è di proprietà di privati. Questo è un grosso problema.

“Spesso non riusciamo a entrare in contatto con questi proprietari di foreste. Hanno perso l’accesso alle loro proprietà. Molti non sanno più esattamente dove si trovano le loro foreste”, ha affermato il ministro. Si tratta quindi di società eredi, di cui difficilmente esiste un referente in sede. C’è anche una mancanza di interesse. L’obiettivo è quello di rendere consapevoli questi proprietari della responsabilità che hanno nei confronti della società.

Secondo il ministero, il Brandeburgo ha circa 1,1 milioni di ettari di foresta. Ciò corrisponde al 37 per cento dell’area del paese. Lo stato del bosco è rilevato dal 1991 con procedure nazionali. A tale scopo è stato esaminato un campione casuale di 4.740 alberi nel Brandeburgo.

Trasmissione: rbb24 Inforadio, News, 12 dicembre 2022, 10:20

READ  Stress, obesità, malnutrizione: questa app calcola il rischio di infarto