Luglio 4, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Sketino: il capitano della Costa Concordia si considera una vittima – Panorama

Sono passati quasi dieci anni da quelle scene teatrali dall’isola di Kiglio a Tucson. Costa Concordia Deforme. 13 gennaio 2012. C’è tutto il tempo per pensare. Mentre molti dei passeggeri in Italia – probabilmente non solo qui – stanno ancora cercando di salvarsi, ci si chiede ancora cosa possa aver spinto l’uomo in plancia a scendere. 32 persone sono state uccise.

Ora ha parlato ancora questo Francesco Sketino, capitano della grande nave. Dal carcere di Repibia a Roma, fu imprigionato per quasi cinque anni. E quello che ha detto dell’avvocato del giornale Stampa L’allineamento appena prima del Memorial Day è quantomeno memorabile. Ora ha 61 anni. “Il comandante Shetino sta subendo una psicoterapia, che non è facile per lui. Fondamentalmente, era in un naufragio. Pensa costantemente a quella brutta notte e ai 32 morti”, dice. Ma non è giusto dare soldi solo a lui. “Devi incolpare qualcuno, non la verità.” Non sacrificare la nave.

Ora leggendo Giornalismo: l’ex capitano Francesco Sketino, nella foto qui nel 2015.

(Foto: Max Rosie / Reuters)

Infatti, tra i membri dell’equipaggio in servizio in quel momento, i responsabili della flotta e gli assicurati, Shetino è l’unico in carcere. Tutti gli altri hanno avuto una sentenza alternativa. Quanto alla magistratura, l’operato del capitano è pesantissimo. È stato condannato a 16 anni di carcere per omicidio colposo in 32 casi, naufragio per negligenza, lesioni colpose in diversi casi e false dichiarazioni. E perché ha lasciato la sua nave sulla scialuppa di salvataggio con il primo. Questo fatto in particolare ha scosso il mondo. “Fair Low Sketino”, un prodotto Shettino, è diventato uno slogan per la codardia speciale in Italia.

Ora sta studiando giornalismo per capire i cattivi media

Ma vede tutto in modo leggermente diverso e segue corsi per corrispondenza di diritto e giornalismo. Shetino pensa di essere diventato una “vittima del processo mediatico” anche prima del processo legale. Il suo cliente vuole capire come può diventare il “bersaglio” dei media, dice l’avvocato. Stampa Dieci anni fa ha intervistato l’eroe della commedia, l’altro protagonista di quella notte: Gregorio di Falco, allora ufficiale responsabile della regione presso la Guardia costiera italiana a Livorno. Ha scritto la famosa frase: “Risali di nuovo, dannazione!” De Falco, ora senatore repubblicano, considera del tutto coraggioso il ruolo di vittima di Shetino. “Avrebbe dovuto ascoltarmi ed essere a bordo”, dice. “In questo modo avrebbe potuto salvare molte vite e salvare se stesso”. Ha lasciato la nave, probabilmente in un corto circuito, il vero problema – una sorta di peccato originale per un comandante.

Dopo aver scontato un terzo della sua pena, Shetino sarà presto scarcerato e posto agli arresti domiciliari. Il motivo è una buona leadership. Il cappellano del carcere Don Lucio Boldrin dice di essere un delinquente modello. “È molto bravo con gli altri prigionieri e non si renderà mai conto del ruolo che aveva prima di essere arrestato”. Sarebbe ancora meglio.

READ  Olanda e Italia tremano: la Svizzera spera nei tre punti in una lotta a lunga distanza