Agosto 17, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Sintomi post-COVID associati a flora intestinale alterata: la pratica della guarigione

L’effetto del microbiota intestinale sulla gravità del COVID-19

malattia COVID-19 Attacca non solo i tessuti dell’apparato respiratorio, ma anche la composizione della microflora intestinale (microbiota intestinale), che influisce sulla gravità del decorso della malattia. Le conseguenze sono persistite a lungo dopo che l’infezione da virus è stata superata.

In un nuovo studio, esperti di Università statale di Campinas Indagare il ruolo funzionale del microbiota intestinale nelle conseguenze a lungo termine di COVID-19. I risultati sono pubblicati su un server di prestampa in inglese”campo di ricercaPetto.

Effetti di COVID-19 sulla salute dell’intestino

Dopo aver contratto il COVID-19, conseguenze a lungo termine che hanno un impatto significativo sulla vita delle persone colpite. Qui è sorta la domanda se esiste una connessione con Cambiamenti nel microbiota intestinale Spiegano i ricercatori.

Nelle loro indagini, gli esperti hanno ora scoperto che il microbiota intestinale dopo l’infezione da COVID-19 (fino a quattro mesi dopo il primo test positivo) mostra una marcata predominanza del cosiddetto Ceppi batterici intestinali con fenotipo multiresistente Mostrato rispetto alle persone sane del gruppo di controllo.

Aumento della polmonite causata da microbi intestinali

Dopo che il team ha trasferito le feci dai partecipanti a topi privi di germi, gli animali a cui sono stati somministrati campioni di pazienti COVID-19 hanno mostrato Polmonite più grave e un altro Aumento della suscettibilità alle infezioni polmonariA causa di un ceppo resistente di Klebsiella pneumoniae.

Le prestazioni cognitive sono diminuite

Anche questi topi ne hanno mostrato uno scarso rendimento cognitivoChe è stato collegato a una maggiore espressione di TNF-α, hanno detto gli esperti, con livelli ridotti di qualcosa chiamato fattore neurotrofico BDNF e proteina della densità postsinaptica PSD-95 nel cervello. Inoltre, è anche successo Cambiamenti nelle diverse vie di segnalazione biochimica su di me.

READ  Nuovo anno, nuova strategia di perdita di peso

Questi cambiamenti si osservano in assenza di SARS-CoV-2, quindi secondo i ricercatori Cambiamenti nel microbiota intestinale Programmato. Lo studio ha anche mostrato che gli effetti dell’infezione da SARS-CoV-2 sul microbiota intestinale persistono anche dopo che i pazienti a lungo termine hanno superato l’infezione virale acuta.

I batteri sani prevengono la debolezza cerebrale

I disturbi funzionali del cervello, che sono stati trovati nel modello di infezione MERS-CoV del topo, possono essere parzialmente corretti da modificazione dei germi Per trattamento con Probiotico Bifidobacterium longum 51A Prevenzione, rapporti di squadra.

Nel complesso, i risultati della nuova ricerca lo confermano L’importanza dei germi come obiettivo per i trattamenti Trattare i cosiddetti postumi del COVID, hanno riassunto gli esperti. (come tale)

Informazioni sull’autore e sulla fonte

Questo testo è conforme alle specifiche della letteratura medica, delle linee guida cliniche e degli studi attuali ed è stato esaminato da professionisti del settore medico.

Fonti:

  • Viviani Mendes de Almeida, Daiane F. Engel, Mayra Fernanda Ricci, Clênio Silva Cruz, Icaro Santos Lopes, et al: Il microbiota intestinale di pazienti con COVID-19 lieve provoca cambiamenti nei topi simili alla sindrome post-COVID. In: Piazza della Ricerca (pubblicato il 22/06/2022), campo di ricerca

nota importante:
Questo articolo contiene solo consigli generali e non deve essere utilizzato per l’autodiagnosi o il trattamento. Non può sostituire una visita dal medico.