Febbraio 8, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Sempre meno auto piccole: perché i produttori di automobili si stanno allontanando dalla gamma di auto piccole?

Le piccole auto erano una volta l’attività principale di molte case automobilistiche. Ma al giorno d’oggi puoi guadagnare di più nella classe di lusso o con i SUV. Ma ci sono molte altre ragioni per la diminuzione dell’offerta. Ciò ha conseguenze per gli acquirenti con meno soldi: questo rende la navigazione più elitaria?

Le micro e piccole auto occupano meno spazio e possono rendere più efficiente il traffico veicolare urbano e ridurre l’impatto sul clima. Alcuni produttori si attengono al settore, altri si affidano a modelli più redditizi.

Formalmente, l’industria tedesca vede anche maggiori opportunità per i veicoli piccoli e piccoli, soprattutto quelli con motore elettrico. Tuttavia, gli esperti parlano di un cattivo spettacolo e la sua auto privata potrebbe diventare un prodotto di lusso. Le possibili cause e conseguenze di questa tendenza sono numerose.

Stato alla fine del 2022

In Germania, secondo i dati dell’Agenzia federale dell’autotrasporto, a dicembre le immatricolazioni sono diminuite solo per le utilitarie, esclusi furgoni e camper. È diminuito del 4,1% rispetto allo stesso mese dell’anno scorso. La quota era del 9,6%. Il modello più popolare era l’Opel Corsa. Guidate dalla Fiat 500, le auto mini o micro hanno registrato un aumento del 15,7%, ma solo una quota del 7,1% di tutte le nuove auto in circolazione. Il fiorente SUV ha segnato il 34%.

Se si guardano insieme i segmenti di auto micro e mini, la tendenza a lungo termine diventa chiara: tra il 2012 e il 2022, la quota totale è scesa da quasi il 24% a poco più del 18%, ha riferito di recente Handelsblatt. Tuttavia, l’associazione di categoria VDA valuta positivamente la situazione. L’anno scorso, ci sono state più di 420.000 versioni di auto piccole di nuova immatricolazione a livello nazionale, quasi un terzo delle quali con motore elettrico.

Puoi guadagnare di più con i SUV e le auto di lusso che con le minicar.

(Foto: Image Alliance/Robert Oberhauser)

Una conclusione dalla lobby automobilistica: “In Germania, la percentuale di auto piccole e molto piccole è particolarmente elevata nei veicoli elettrici a batteria”. Poiché la velocità della mobilità elettrica è aumentata, e anche grazie al sostegno del governo per l’industria, i veicoli piccoli e compatti stanno diventando sempre più importanti. Tuttavia, devi vederlo in relazione ad altri segmenti come SUV o SUV e auto sportive – e il futuro della promozione delle auto elettriche è su un terreno instabile.

READ  IG Metall annuncia la sua opposizione: Alstom annuncia tagli di posti di lavoro a Berlino e nel Brandeburgo

I grandi modelli portano più soldi

Se riesci a vendere un’auto costosa a un prezzo elevato, di solito guadagni di più rispetto alle auto più piccole. Perché i costi di produzione – sulla base di piccoli costi – non salgono allo stesso livello del prezzo finale. Questa regola aziendale è semplice. Tuttavia, ciò potrebbe ridurre ulteriormente l’offerta di auto urbane e per le brevi distanze perché le auto più grandi sono più redditizie. I margini di profitto, ovvero la percentuale delle vendite che rimangono nel registratore di cassa, sono più attraenti per molti SUV, berline o modelli di lusso commercializzabili.

I produttori guadagnano bene con i giovani solo se ottengono cifre di vendita molto elevate. Ma il numero di serie mostrate sta diminuendo. Nel caso di Mini, è stato dimezzato nel mercato tedesco da 24 a 12. Auto come Ford Ka, Opel Adam e Citroën C1 sono state gradualmente eliminate. Ciò riguarda anche la serie Kleistwagen stradale con motori a combustione: la rivista “Auto Verkehr” ha registrato un calo da 17 a 8 dal 2017 al 2022.

Auto tedesche piccole (st) meno efficienti?

La rivista di settore osserva che, a parte Volkswagen, tutte le altre piccole serie provengono dall’estero con Fiat, Renault, Hyundai/Kia, Toyota o Suzuki. Di recente, la VW Up non poteva più essere ordinata come motore a combustione. Nel componente è apparsa solo la variabile E: per quanto tempo rimarrà incerta dopo che la richiesta precedente si è interrotta. Probabilmente sarà “simile all’anno scorso”, secondo il Wolfsburg. I tempi di attesa sono diventati così lunghi a causa della crisi dei chip che il più giovane Stromer è stato temporaneamente escluso dal programma.

Anche altri fornitori di servizi stanno soffrendo. Alla BMW, la compatta e-pioneer i3 è stata lanciata nel 2013, ma c’era poca richiesta. Solo all’inizio del 2020 il gruppo ha proseguito con la piccola auto elettrica e pochi mesi fa con l’iX1, un piccolo SUV. Alla Renault, il boss Luca de Meo non vede una continuazione diretta della Twingo. Ford Germania interrompe prematuramente le produzioni del festival a Colonia. “I SUV possono essere riconosciuti in tutto il mondo”, afferma Stefan Bratzel dell’Automotive Management Center Bergisch Gladbach. “Nella categoria del lusso, la tendenza delle vendite rimane forte: è probabile che le quote di mercato continuino a spostarsi dal basso verso l’alto”.

READ  Andreas Beck compra azioni: 'L'inversione di tendenza è qui'

“In tempi di carenza di materie prime, ha senso offrire principalmente prodotti ad alto margine”, spiega il collega Benedikt Maier dell’Istituto dell’industria automobilistica di Geislingen.

Prezzi alti e attesa per l’auto

Il massiccio aumento dei prezzi dell’energia e delle materie prime minerali dall’inizio della guerra in Ucraina e dei componenti elettronici dall’inizio della crisi della corona fa parte di questa storia. “I soliti aumenti di prezzo da parte dei produttori di recente si sono verificati a intervalli più brevi e in misura maggiore”, afferma Meyer. Una fornitura inferiore ha aumentato i costi per i modelli entry-level. I giovani si rivolgono a famiglie che non hanno molto nella fascia alta, utenti di secondi veicoli o servizi di consegna e assistenza. D’altra parte, l’industria ha spesso e volentieri tenuto a disposizione unità chip per le sue navi più grandi.

La VDA vede sfide significative nel campo dell’elettronica. Pertanto, potrebbe esserci un’estensione dei tempi di consegna per i singoli modelli. Tuttavia, Meyer ritiene di non aspettarsi un significativo allentamento delle risorse chiave della batteria come il litio e il cobalto per il momento. “Il costo relativo della batteria nelle auto piccole ha un impatto maggiore rispetto al segmento di lusso”. Alcuni concessionari Volkswagen sono preoccupati per le vendite future.

“Ci hanno offerto una Porsche, un’Audi o una Bentley quando ne avevano bisogno. Abbiamo costruito meno Polo (Volkswagen), (Skoda) Fabia e (Seat) Ibiza”, ha detto in autunno un senior manager del secondo gruppo automobilistico. Nel frattempo, la disponibilità dei chip è migliorata. Nel 2025 il prezzo di una piccola e-car taglia Polo (ID.2) partirà da 25.000 euro. “Se continua così, Polo e ID.2 si sostituiranno senza problemi”, sono fiduciosi per il momento. Budget di sviluppo e dimensioni necessarie

Spesso ci vogliono anni prima che un modello di massa di nuova concezione diventi redditizio. Inoltre, le nuove tecnologie sono inizialmente più competitive al vertice pur essendo relativamente costose. Le cosiddette economie di scala sono importanti per le scoperte successive: la capacità di utilizzare enormi quantità per ridurre i costi a tal punto che anche i prezzi di vendita più bassi generano un profitto. “Grazie alle economie di scala, i modelli diventeranno più economici in futuro”, spiega la VDA. Meyer non è del tutto convinto: “Non suppongo che i produttori tedeschi affermati vorranno attivamente aprire il segmento delle minicar (più piccole) a medio termine o addirittura aprirsi a concetti di ‘auto economica’”.

READ  Le negoziazioni in Borsa inizieranno mercoledì 22 dicembre 2021

Giovani e clima

I motori a combustione più economici emettono meno anidride carbonica. Nel caso di piccoli modelli elettronici, un minore consumo di risorse dovrebbe comportare un minore carico climatico. Il prerequisito è caricare la batteria con elettricità verde e, con l’espansione delle energie rinnovabili, i sostenitori del clima stanno esortando il governo federale ad accelerare le cose in modo esponenziale. Durante la crisi dei chip, molti hanno criticato il fatto che le piccole auto elettriche presentassero degli svantaggi rispetto alle auto di grandi dimensioni.

Anche la scettica organizzazione per la protezione ambientale Greenpeace ha elogiato i piani della Volkswagen di espandere la catena ID verso il basso, iniziata nel 2020. L’esperto di traffico Benjamin Stephan era indignato perché le E-Up della Volkswagen e i piccoli veicoli elettrici di altri produttori non avevano avuto la priorità prima.

Euro 7 piani per l’Unione Europea

D’altra parte, le aziende sostengono che la più rigorosa norma sulle emissioni dei motori a combustione Euro 7 aumenterà i costi in particolare dei modelli piccoli e li renderà meno attraenti. L’autorità avverte che “l’aumento dei prezzi derivante dagli ulteriori sviluppi richiesti colpirà in particolare le auto di piccole dimensioni”.

La tecnica di spazzolatura eccessivamente ambiziosa è relativamente più importante per i più piccoli. Un rappresentante di una grande azienda manifatturiera critica la “mancanza di capacità progettuale” per i prossimi anni.

Modelli entry-level contro auto ad alto reddito

Molti produttori insistono sul fatto che sono necessari più modelli per portare a determinati marchi. Inoltre, poiché l’auto “condivisa” diventa più popolare con gli approcci in abbonamento, i prezzi più elevati delle auto nuove possono essere parzialmente compensati.

Tuttavia, Pratzel vede il pericolo che l’inflazione generale possa far fuoriuscire le stesse auto economiche: “La dimensione sociale dell’automobilità deve essere discussa ulteriormente. Vedo già che l’argomento è visto emotivamente nelle classi con meno soldi. Dobbiamo attenzione che è controproducente sulla politica climatica”.