Maggio 23, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Sembra che la Russia abbia intenzione di annettere il territorio ucraino a maggio

SSecondo le stime degli Stati Uniti, gli Stati Uniti intendono annettere gran parte dell’Ucraina orientale a maggio e riconoscere Cherson, situata nell’Ucraina meridionale, come repubblica indipendente. Michael Carpenter, l’ambasciatore degli Stati Uniti presso l’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa, ha affermato che l’approccio previsto dagli Stati Uniti è venuto “direttamente dal manuale di tattica del Cremlino”.

Gli Stati Uniti e altri paesi hanno informazioni secondo cui Mosca sta pianificando dei “rendering finti” nelle cosiddette Repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk, in cui i territori saranno annessi alla Russia. Ci sono anche indicazioni che la Russia organizzerà un voto per l’indipendenza a Kherson.

Con tali referendum, ha detto Carpenter, il Cremlino potrebbe cercare di democratizzare le sue azioni. Secondo le informazioni, la votazione potrebbe aver luogo a metà maggio. Tuttavia, l’ambasciatore degli Stati Uniti presso l’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa ha affermato che tali voci false non sarebbero considerate legali.

A Mariupol, in Ucraina, gli occupanti russi hanno segnato l’ingresso della casa

Fonte: Reuters

A medio e lungo termine, gli aggressori russi mirano ad occupare tutta l’Ucraina meridionale, compresa la regione separatista filo-russa della Transnistria nella vicina Repubblica di Moldova. Tuttavia, secondo Oleksiy Danilov, segretario del Consiglio di sicurezza a Kiev, la Russia non raggiungerà questo obiettivo, soprattutto non entro il 9 maggio. La Russia celebra ampiamente il 9 maggio come il Giorno della Vittoria sulla Germania nazista e quest’anno è considerato un giorno particolarmente importante e simbolico per il presidente Vladimir Putin.

Leggi anche

Il cancelliere Olaf Schultz (SPD)

Divieto di importazione di gas russo

Invece, da parte ucraina, cresce la fiducia che alla fine saranno in grado di respingere un’invasione russa delle loro terre. In vista della resistenza a volte riuscita dell’esercito ucraino contro le forze russe, Danilov ha espresso la sua convinzione che la guerra non si sarebbe conclusa con un accordo di pace, ma con la resa dell’aggressore. “Con la Russia possiamo solo firmare la sua resa”, ha detto lunedì Danilov alla televisione ucraina.

Qui è dove troverai contenuti di terze parti

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati in quanto fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando il toggle su “On”, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali ad altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con la Sezione 49(1)(a) del GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

Né dipende dalle garanzie di sicurezza dei partner internazionali dell’Ucraina. Nei negoziati con Mosca per porre fine alla guerra, la leadership di Kiev ha avanzato garanzie da paesi come Stati Uniti, Gran Bretagna e Polonia. Ora Danilov ha detto che la migliore garanzia per l’Ucraina era il potere del suo popolo.

Tuttavia, gli aggressori russi stanno prendendo sempre più di mira la città di Odessa, nel sud dell’Ucraina. Fonti ucraine hanno riferito che lunedì sera un attacco missilistico ha colpito la città costiera sul Mar Nero.

Leggi anche

Maxim Marchenko, il governatore della regione, ha scritto su Telegram che c’erano morti e feriti. Non ha fornito alcuna informazione sul numero di persone colpite. Ha spiegato che una struttura infrastrutturale è stata colpita durante l’attacco. Non ha detto cosa stava succedendo intorno a lui.

Secondo Danilov, l’attacco missilistico ha distrutto il tetto di una chiesa appartenente alla Chiesa ortodossa ucraina del Patriarcato di Mosca.

La situazione umanitaria a Mariupol è “catastrofica”

Nel frattempo, il dramma continua nella città portuale di Mariupol. Secondo Medici senza frontiere, la situazione umanitaria nella città ucraina è catastrofica. “Dalle informazioni che abbiamo finora, si può dire con certezza: è un completo disastro”, ha detto ai giornali del Funk Media Group (martedì) la coordinatrice dell’emergenza ucraina, Anya Walls.

Solo in futuro sarà chiara la reale portata della sofferenza umana nella città assediata. “Non credo che abbiamo idea di cosa vedremo lì. Bucha, Irpen e Hostomil sono solo la punta dell’iceberg”, ha detto Walls.

DWO_AP_Ucraina_Krieg_Gebiete_0205_1

Fonte: Mondo Infografico

Centinaia di corpi sono stati trovati nelle città di Bucha, Irbin, Borodinka e Hostomil dopo il ritiro delle forze russe. Le forze russe assediarono Mariupol poco dopo l’inizio della guerra, il 24 febbraio. Nel frattempo, controllavano in gran parte la città strategicamente importante.

Wells ha sottolineato che attualmente non ci sono quasi modi per fornire assistenza medica ai residenti della città chiusa. “Al momento è quasi impossibile portare aiuti umanitari a Mariupol”, ha detto Walls. Sebbene ci siano volontari che contrabbandano medicinali in città, si tratta di quantità molto ridotte di medicinali.

Valentina, sopravvissuta all'orrore di Mariupol, arriva in un centro profughi a Zaporizhia

Valentina, sopravvissuta all’orrore di Mariupol, arriva in un centro profughi a Zaporizhia

Fonte: Reuters

Inoltre, c’è carenza di personale medico per fornire assistenza medica alla popolazione di Mariupol. “Le operazioni non possono avvenire. Le persone sono lì da sole. “Questo vale anche per altre zone di combattimento del paese.

Gli ultimi difensori della città ucraina si sono barricati nelle acciaierie Azovstal, dove anche i civili hanno cercato rifugio dagli occupanti russi. Secondo la Guardia nazionale ucraina, nei depositi delle acciaierie ci sarebbero 200 civili, inclusi 20 bambini. La Russia parla di 2.500 militari ucraini e mercenari stranieri che si dice si siano rintanati lì con i civili.

Il fumo sale sopra l'acciaieria Azov a Mariupol

Il fumo sale sopra l’acciaieria Azov a Mariupol

Fonte: Reuters

DWO_AP_Ucraina_Flucht_0205_jb

Fonte: Infografica WELT / Jörn Baumgarten

Fonti ucraine hanno riferito che lunedì sera 20 civili hanno lasciato le acciaierie assediate. Il reggimento Azov impegnato nella difesa delle acciaierie ha affermato che l’evacuazione potrebbe avvenire solo con un ritardo di cinque ore perché gli edifici della fabbrica sono stati nuovamente bombardati dai soldati russi. “L’artiglieria nemica ha creato nuovi relitti e devastazioni”, ha detto il vice comandante Svyatoslav Balamar.

Dopo che decine di persone sono state in grado di lasciare gli enormi edifici della fabbrica per la prima volta durante il fine settimana, lunedì mattina sarebbe dovuta iniziare un’altra operazione di salvataggio. Secondo il Comune di Mariupol, gli autobus di evacuazione inizialmente non hanno raggiunto il punto di raccolta concordato.

Secondo il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, oltre un centinaio di persone sono state portate fuori dalle acciaierie durante il fine settimana. Secondo l’esercito russo, sabato 46 civili hanno lasciato le acciaierie e si sono stabiliti “volontariamente” nella regione separatista di Donetsk. Secondo le informazioni, domenica 80 persone hanno lasciato Mariupol. Di conseguenza, 69 di loro sono partiti per le terre ucraine.

Una donna arriva con il nipote in un centro per rifugiati a Zaporizhia

Una donna arriva con il nipote in un centro per rifugiati a Zaporizhia

Fonte: AP/Evgeniy Maloletka

Tuttavia, lunedì un convoglio di evacuazione non ha raggiunto la città di Zaporizhia, a 220 chilometri di distanza. Le auto dell’UNICEF, l’organizzazione di beneficenza per bambini delle Nazioni Unite e di altre organizzazioni umanitarie, sono parcheggiate in un parcheggio alla periferia di Zaporizhia.

Secondo il ministero della Difesa russo, quasi 200.000 bambini e 1,1 milioni di adulti sono stati portati in Russia dall’Ucraina da quando la Russia ha invaso l’Ucraina. Il ministero ha annunciato che sono stati evacuati su loro richiesta. L’Ucraina afferma che il governo di Mosca ha rapito con la forza migliaia di persone in Russia dall’inizio della guerra il 24 febbraio.

Qui è dove troverai contenuti di terze parti

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati in quanto fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando il toggle su “On”, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali ad altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con la Sezione 49(1)(a) del GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

Puoi ascoltare il podcast WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati in quanto fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando il toggle su “On”, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali ad altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con la Sezione 49(1)(a) del GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

“Kick-off Politics” è il podcast di notizie quotidiane di WELT. L’argomento più caldo analizzato dai redattori di WELT e le date di oggi. Iscriviti al podcast su spotifyE Podcast di AppleE musica amazzonica O direttamente tramite feed RSS.

READ  Bar Ucraina: i membri del Bundestag si recano in Ucraina