Aprile 17, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Seconda visita in Germania: Zelenskyj si reca a Berlino e Monaco

Seconda visita in Germania: Zelenskyj si reca a Berlino e Monaco

Seconda visita in Germania
Zelenskyj si reca a Berlino e Monaco

Ascolta il materiale

Questa versione audio è stata creata artificialmente. Maggiori informazioni | Invia la tua opinione

Era atteso da tempo e ora è ufficiale: il presidente ucraino Zelenskyj verrà a Berlino per la seconda volta dall'inizio della guerra. Partecipa anche alla conferenza sulla sicurezza a Monaco e incontra importanti alleati.

Venerdì il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj arriverà a Berlino. Partecipa anche alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco e lì incontra il vicepresidente americano Kamala Harris. La Casa Bianca ha annunciato la conversazione tra i due avvenuta sabato sera (ora locale) nell'ambito del programma ufficiale della visita della Vicepresidente in Germania. Harris incontrerà anche il cancelliere Olaf Scholz a Monaco.

La partecipazione di Zelenskyj alla conferenza era attesa da tempo, ma non è stata ancora confermata ufficialmente. Il presidente ucraino ha aperto l'anno scorso il più importante incontro di politici ed esperti di politica di sicurezza con un discorso video. Ora partecipa di persona per la prima volta dall'invasione russa di quasi due anni fa.

Questa è la seconda visita di Zelenskyj in Germania dall'attacco russo all'Ucraina. La sua prima visita a Berlino e Aquisgrana è stata nel maggio dell'anno scorso. L'occasione in quel momento era quella di conferirgli il Premio Carlo Magno ad Aquisgrana. Selinski aveva già incontrato Scholz alla Cancelleria e il presidente federale Frank-Walter Steinmeier al Palazzo Bellevue.

Alla conferenza sulla sicurezza, che si terrà da venerdì a domenica al Bayerischer Hof Hotel, parteciperanno circa 50 capi di Stato e di governo, nonché più di 100 ministri provenienti da tutto il mondo. Tra questi figurano il cancelliere tedesco Olaf Schulz, il vicepresidente americano Kamala Harris e il presidente israeliano Isaac Herzog. I governi di Russia e Iran non sono invitati.