Maggio 29, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Sebastian Vettel guiderebbe un’Aston Martin invece di fare l’autostop?

Sebastian Vettel guiderebbe un’Aston Martin invece di fare l’autostop?

(Motorsport-Total.com) – Una voce sta facendo scalpore nella comunità tedesca della Formula 1 sui social media: Sebastian Vettel potrebbe davvero tornare nel 2023, prima di quanto tutti pensino, in sostituzione all’Aston Martin dell’infortunato Lance Stroll? ? Questo si è diffuso come speculazione estremamente accesa da sabato.

Sebastian Vettel è un possibile candidato per sostituire Lance Stroll

Tutto è iniziato con il commentatore televisivo britannico David Croft, che casualmente ha dichiarato durante la trasmissione dei test in Bahrain di aver sentito la voce secondo cui Vettel avrebbe dovuto presentarsi all’Aston Martin per ogni evenienza.

A prima vista, questo sembra improbabile. In primo luogo, perché questa settimana l’Aston Martin ha testato il collaudatore Felipe Drugovich, non Vettel. E in secondo luogo, perché guidare un’auto di Formula 1 sponsorizzata da Aramco ai Gran Premi in paesi come il Bahrain o l’Arabia Saudita non si adatterebbe affatto all’agenda sociale di Vettel.

Si dice che Vettel sia attualmente in vacanza in Scandinavia. Dopo la Race of Champions è rimasto al Nord, ha riferito il fratello Fabian durante un test di Formula 1 in una diretta di “Sky”. È stato lì che padre Norbert ha realizzato il sogno della sua vita di vedere l’aurora boreale con i propri occhi.

Ecco cosa dice Mike Crack sulle voci di Vettel

Sabato sera, al termine dei test, il capo del team Aston Martin Mike Crack si è presentato alla stampa. È stato specificamente contattato dai giornalisti di Motorsport Network, che include anche “Motorsport-Total.com”, sulla possibilità del ritorno di Vettel. E la sua reazione disgustosa è almeno sospetta.

Krack ammette di aver parlato con Vettel “molte volte” al telefono da quando si è saputo dell’incidente in bicicletta di Stroll. Ma minimizza: “L’ho fatto anche l’anno scorso e continueremo a farlo in futuro”.

Alla domanda specifica se Vettel si fosse offerto di prendere in consegna l’abitacolo di Stroll, Krack ha risposto solo: “Non te lo direi”.

Per ora, il team ci assicura che Stroll è il piano A. Nei prossimi giorni, il canadese testerà il simulatore per vedere se è abbastanza in forma per correre. In caso contrario, Drugovic potrebbe sostituirlo come titolare nell’apertura della stagione in Bahrain il 5 marzo.

Opportunità di tornare solo in Arabia Saudita?

Se il recupero di Stroll richiederà più tempo di quanto Aston Martin avesse sperato, l’Arabia Saudita sarà un’opzione per Vettel il 19 marzo. A quel punto si è verificato un evento fatidico: nel 2022 ha dovuto saltare il Gran Premio di Gedda a causa della malattia da coronavirus.

Quando è stato chiesto specificamente se il tempo di preparazione più lungo avrebbe aumentato le possibilità di Vettel, Krack non ha almeno colto l’occasione per negare esplicitamente la storia. Invece, ha detto: “È molto ipotetico. Il nostro piano A è che Lance sia in macchina. Poi parleremo ancora. Non parleremo di Jeddah fino a dopo il Bahrain. Non abbiamo ancora deciso”.

Krack mette le cose in chiaro: “Una cosa che non dovrebbe essere dimenticata: Sebastian aveva un piano molto completo per le sue dimissioni. E penso che debba essere rispettato. Vediamo cosa succede”.

Aston Martin conferma: l’escursionismo è il piano A

Allo stesso tempo, ammette che il ritorno di Stroll rimane un mistero al momento: “Onestamente non lo so. È il nostro piano A. Vogliamo Lance in macchina. Ma dovremo aspettare e vedere cosa dice — e cosa dicono i medici”.

“Ci sono alcune scadenze con la FIA che devono essere rispettate e le rispetteremo. Vediamo come si evolve la situazione nei prossimi giorni. È come nel calcio: se un giocatore è infortunato, aspetta che aspetti un attimo, se può giocare o meno”.

Se Stroll non può guidare in una settimana,” dovremo escogitare un piano B. Abbiamo alcuni piani B nel cassetto, ma decideremo in merito solo quando sarà chiaro che il piano A non è più possibile È molto semplice: possiamo guidare o no?

Krack conferma anche che Stroll non è ancora stato testato al simulatore di Silverstone. Ma ecco il piano per i prossimi giorni: “Non ancora, ma lo sarà. Questo è il primo passo”.