Gennaio 30, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Se vuoi capire la nuova crisi dei rifugiati, devi conoscere questi luoghi

È la prossima crisi, ed è un déjà vu, che riporta alla mente i ricordi, solo che questa volta è molto diverso. Si tratta dell’aumento dei flussi migratori. La destinazione delle persone, provenienti principalmente dal Nord Africa, è di nuovo l’Europa occidentale. I loro numeri devono ancora essere abbinati Europa Raggiunto nel 2015. Ma va nella stessa direzione.

L’Austria, ad esempio, quest’anno ha registrato circa 90.000 arresti di persone che hanno attraversato illegalmente il confine, più o meno come nel 2015. Al largo delle coste italiane, il numero di migranti arrestati è triplicato rispetto allo scorso anno. In Germania, le autorità stanno già lottando di nuovo con un gran numero di centri di asilo.

“L’Europa sta attualmente dormendo durante la prossima crisi migratoria”, afferma Manfred Weber, capo del Partito popolare europeo conservatore, e vede già a rischio “l’area Schengen senza confini”. Avverte che all’interno dell’Ue si alzano nuovamente i confini: questa volta non per paura Corona Contagioso, ma preoccupato di diventare un bersaglio per innumerevoli migranti. Tre esempi mostrano quanto siano già vuote le vene:

1) L’Italia copre il totale dei capi

In Italia questo mese è scoppiata una polemica sulla nave di salvataggio “Ocean Viking”: il nuovo governo italiano ha rifiutato di consentire alla nave con i suoi circa 230 migranti di entrare in uno dei suoi porti. Gli equipaggi dell’organizzazione umanitaria SOS Méditerranée hanno già presentato dozzine di domande per salvare persone dal Mediterraneo e farle sbarcare in Italia o a Malta.

Alla fine si è spiegato Francia, dove è registrata la nave dei profughi, pronta ad accogliere i migranti. Allo stesso tempo il Gov a Parigi Ha accusato gli italiani di violare gravemente il diritto internazionale consentendo alle navi di soccorso di attraccare al porto più vicino. Ha mantenuto la sua promessa di accogliere 3.500 migranti dall’Italia quest’anno. Roma ha ribattuto sostenendo che navi come la “Ocean Viking” stavano ancora promuovendo l’attività di bande di contrabbando con le loro operazioni.

READ  Gli italiani si allontanano dall'home office - Panorama

Ad agosto 10.000 hanno attraversato il Mediterraneo verso l’Italia

Secondo i dati italiani, quest’anno sono già arrivate nel Paese circa 100.000 imbarcazioni, con un picco ad agosto quando quasi 10.000 hanno attraversato il Mediterraneo. Per l’Italia ha vinto. L’isola di Lampedusa torna ad emergere come uno degli hotspot.

Già in estate sono arrivate lì entro 24 ore sei barche con un totale di 1.000 persone. All’inizio di novembre, il corpo del bambino è stato trovato su una nave carica di profughi in arrivo. Secondo quanto riferito dai media, attualmente 1.180 persone sono ospitate in un campo a Lampedusa che in realtà ha solo 400 posti.

“Piano d’azione” della Commissione europea

Per calmare le acque, la Commissione Ue ha lavorato a un “Piano d’azione” per il 2020 riformulato. Ha in programma di intensificare la cooperazione con i paesi di origine e di transito e di lanciare un nuovo programma contro le bande di trafficanti di esseri umani in Nord Africa. L’agenzia per la sicurezza delle frontiere Frontex sta ancora lavorando di più e l’UE vuole implementare un “meccanismo di solidarietà” per accogliere i migranti dai paesi del Mediterraneo. La commissaria europea per i rifugiati Ylva Johansson ha riconosciuto che la convergenza non è lontana: all’inizio dell’anno, c’erano impegni per il reinsediamento di 8.000 migranti all’interno dell’UE.

Finora 100 persone dall’Italia sono state ammesse volontariamente da altri paesi. Colpisce la valutazione di Johansson sullo status giuridico dei migranti: pochissimi di coloro che arrivano attraverso il Mediterraneo sarebbero costretti a lasciare la propria terra a causa di persecuzioni politiche. “Dobbiamo ricordare che la stragrande maggioranza delle persone che arrivano oggi attraverso questa rotta del Mediterraneo centrale non ha bisogno di protezione internazionale”, ha affermato il commissario per i rifugiati.

2) L’Austria non sa più cosa fare

Martin Huber è il direttore della polizia di stato nel Burgenland, in Austria. Durante la pandemia del coronavirus, molti migranti sono rimasti nei Balcani e ora corrono più a ovest. Ogni giorno, 400 persone vengono arrestate mentre attraversano illegalmente il confine con l’Austria, dove Huber è responsabile. Huber calcola che dei 90.000 immigrati in Austria quest’anno, 55.000 saranno solo nel Burgenland.

READ  Salvataggio in mare: il governo italiano costringe le ONG a raggiungere porti remoti - Politica

Secondo il ministero dell’Interno, 254 dei 472 trafficanti arrestati finora sono stati arrestati nel Burgenland. Nel complesso, è stato un “massimo storico”. “Stiamo lavorando su tre livelli. Da un lato ci sono le attività prioritarie. UngheriaIn secondo luogo, la sorveglianza delle frontiere ai valichi e al confine verde, e in terzo luogo, la sorveglianza sociale”, ha riferito il direttore della polizia di stato dopo un recente avvertimento giudiziario nello stato austriaco.

La prigione è piena di contrabbandieri

Non può andare avanti. La prigione di Eisenstadt, la capitale dello stato, è sovraffollata da maggio. Circa il 70% dei detenuti è in carcere per rapimento, con fino a dieci casi di rapimento portati alla Corte Distrettuale alla settimana e altri archiviati. I 750 soldati delle forze armate austriache in servizio nel Burgenland orientale stanno affrontando un crescente afflusso di migranti.

Secondo il comandante militare del Burgenland Gernot Gasser, fino a 3000 persone vengono catturate dai soldati nel Burgenland ogni settimana. “Questo è il numero di cui i servizi di emergenza hanno più bisogno”.

Oltre che nel Burgenland, l’esercito è stato dispiegato anche in Tirolo, Carinzia e Stiria per fermare gli immigrati clandestini. I funzionari interessati concordano sul fatto che la situazione non è “a miglia di distanza” dal 2015. Un sindaco di un comune austriaco colpito ha riassunto così: “Non sono uno che dice ‘non dovremmo aiutare’, ma come può continuare?”

3) Il resoconto della Renania Settentrionale-Vestfalia: “La palestra è piena

Una sera di novembre si è svolto un intenso incontro nella sala della comunità evangelica di Schwerte-Westhoven. “Siamo davvero in una situazione eccezionale, non c’è altro modo per descriverla”, ha detto il vicesindaco Tim Frommeyer.

READ  Dai tempi dei romani e degli etruschi: l'Italia porta milioni di tesori dagli Stati Uniti

Solo quest’anno la cittadina ha accolto finora 630 rifugiati. “Cerchiamo attivamente dipendenti, ma anche tutti gli altri comuni della Renania settentrionale-Vestfalia sono alla ricerca di dipendenti”. Condizioni di vita “disumane” per migranti e rifugiati deprimono i visitatori. Nel frattempo, Schwerte ha chiuso una palestra per gli sport di club, mentre un’altra è in preparazione come rifugio per i profughi.

Scopri Power Guzzlers a casa – Come funziona

Chi sa quali elettrodomestici consumano quanta elettricità può realizzare risparmi mirati. Il nostro e-paper mostra quali elettrodomestici consumano quanta elettricità per tutti i comuni elettrodomestici, da forni e stufe a frigoriferi e lavatrici e TV e router WLAN. Ci sono molti suggerimenti per il risparmio energetico istantaneo.

La palestra diventa di nuovo uno spazio vitale

Non sarebbe dovuto passare così tanto tempo, soprattutto dopo Corona, quando le palestre hanno chiuso per un altro motivo e ci mancano molto. a WDR-La rivista Westpol contiene un sondaggio dell’Associazione delle città e dei comuni NRW sull’uso delle palestre. Risultati: 45 comuni su 205 utilizzano palestre o strutture simili per ospitare i rifugiati. 105 comuni prevedono di attivare le palestre come rifugi di emergenza nei prossimi tre mesi perché i 26.000 posti per rifugiati nelle strutture governative ufficiali sono insufficienti.

I migranti dal Nord Africa si uniscono ai rifugiati che arrivano in Germania dall’Ucraina. Si stima che circa un milione di persone siano fuggite qui dopo lo scoppio della guerra il 24 febbraio. Christophe Sommer, direttore generale dell’Associazione delle città e dei comuni, ha dichiarato a WDR che si trattava di “il più grande movimento di rifugiati dalla seconda guerra mondiale”.

È “un’altra dimensione

che durante la crisi dei rifugiati del 2015.

Anche altri utenti sono interessati a:

Il contributo viene da “Se vuoi capire la nuova crisi dei rifugiati, devi conoscere questi luoghi”. Corriere Economico.