Febbraio 1, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Sconfitta storica per McCarthy alla Camera dei Rappresentanti Usa – Politica

Sconfitta storica a Washington: il repubblicano Kevin McCarthy non è riuscito a essere eletto presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti al suo primo tentativo. Anche il secondo e il terzo tentativo fallirono. Alla fine la seduta è stata sciolta. L’ultima volta cento anni fa un voto per una carica potente richiedeva più di una votazione e un gruppo parlamentare si rifiutò di sostenere il suo candidato al primo turno.

L’elezione del Presidente è il primo atto importante della neoeletta Camera dei Rappresentanti. E finché non si chiarisce la presidenza, non funziona nulla: la camera del Congresso non può iniziare i suoi lavori, non possono giurare nemmeno nuovi rappresentanti. McCarthy ha ricevuto solo 203 dei 434 voti al primo turno, ne avrebbe necessari 218. 19 dei suoi colleghi di partito si sono rifiutati di votare per lui.

Il secondo turno di votazioni è iniziato subito dopo il primo turno. Ciò ha dimostrato ancora una volta il tumulto interno della fazione repubblicana. Il rappresentante Jim Jordan ha rinominato McCarthy e ha esortato i suoi compagni membri del partito a serrare i ranghi. Uno dei più accaniti oppositori di McCarthy, Rep. Matt Gaetz, a sua volta ha nominato Jordan e ha affermato che potrebbe essere meglio scegliere qualcuno che non desiderasse così tanto la posizione. Nel breve discorso di nomina di McCarthy, Jordan ha effettivamente mostrato più visioni del futuro di quante ne avesse mai sentite. Poi la Giordania ha ricevuto 19 voti e infine 20 al terzo turno.

Un ribelle repubblicano è Chip Roy del Texas. Ha detto alla CNN che avrebbe votato contro McCarthy perché la Camera “dovrebbe funzionare in modo diverso”. Pertanto, Roy è turbato dal fatto che i voti sulle spese siano spesso collegati tra loro. Ad esempio, avrebbe voluto votare separatamente sugli aiuti statunitensi all’Ucraina, ma questo era legato a un importante atto di bilanciamento.

READ  Già prima del vertice del G7 - Schulz vuole viaggiare a Kiev con Macron e Draghi

I repubblicani avevano preso il controllo della camera alle elezioni: al Senato, i democratici sotto il presidente Joe Biden detengono ancora una risicata maggioranza. La carica di presidente della Camera, che negli ultimi anni ha ricoperto la democratica Nancy Pelosi, è al terzo posto nelle classifiche nazionali dopo il presidente e il vicepresidente.

Il record è di 133 voti

Molti dei suoi colleghi di partito si sono ribellati in anticipo contro McCarthy e hanno dichiarato prima del voto che non lo avrebbero sostenuto. Data la maggioranza ristretta, è stato suggerito che McCarthy potrebbe perdere la maggioranza necessaria al primo scrutinio.

McCarthy è stato bellicoso poco prima della sessione, dicendo: “Detengo il record per il discorso più lungo in plenaria”. Non ha problemi a stabilire un record per la maggior parte dei voti nel voto per il presidente. Il record è di 133 voti e date dal 1856.

Ogni scrutinio è lungo perché tutti i parlamentari sono chiamati individualmente a nominare il loro candidato preferito. Anche se McCarthy alla fine avesse prevalso, ne sarebbe emerso debole dalla lotta e avrebbe avuto qualche problema a schierare una maggioranza sul pavimento del Congresso per gli anni a venire.

Dopo settimane di conversazioni con i suoi avversari a porte chiuse, visibilmente sconvolto, McCarthy è passato all’offensiva prima del primo scrutinio, attaccando pubblicamente i suoi critici. McCarthy ha detto che riguardano l’avanzamento personale, non il paese.

Lunghi tentativi di riconciliazione

Il 57enne ha cercato a lungo nelle trattative interne con ogni sorta di concessioni di cambiare le opinioni dei suoi critici. McCarthy ha rivelato che lunedì gli è stato detto che avrebbe ottenuto i voti necessari solo se avesse fornito ad alcuni membri del gruppo determinati incarichi e budget. McCarthy ha detto che uno dei suoi oppositori, il membro del Congresso repubblicano Matt Gaetz, ha detto senza mezzi termini che non gli importava se il candidato democratico avesse vinto le elezioni.

READ  La neve cade durante la bufera di neve: molti turisti muoiono assiderati in auto in Pakistan

Si lamentava del fatto che ai suoi critici non importasse dell’America, ma solo di se stessi. “Lotterò sempre per mettere al primo posto il popolo americano, non pochi individui che cercano di farsi strada”. Quindi potrebbe esserci una “battaglia” nella plenaria della camera, ma riguarda l’intero gruppo e il Paese, “e per me va bene”, ha detto.

Dietro la faida di McCarthy, ci sono disaccordi fondamentali tra i repubblicani sul percorso e sulla leadership in futuro. Il partito è diviso tra i sostenitori di destra dell’ex presidente Donald Trump e i membri più moderati del partito. Ciò è particolarmente vero per la fazione alla Camera dei Rappresentanti.