Febbraio 8, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Salvataggio in mare: il governo italiano costringe le ONG a raggiungere porti remoti – Politica

Hanno dovuto fare i conti con onde alte tre, quattro, sei metri, condizioni di mare mosso e molto mosso come vengono chiamate tali condizioni in gergo marino. Il Ocean Viking SOS Mediterranée si è recata mercoledì notte al porto di Ancona e 37 migranti, soccorsi da un gommone completamente sovraffollato al largo della costa libica, sono potuti sbarcare. Tutto in riva al mare. 73 Come i migranti e gli equipaggi GeoBarentsJana Cierniok di Medici Senza Frontiere, che gestisce la nave di soccorso, riferisce.

Il GeoBarents Doveva attraccare ad Ancona mercoledì pomeriggio, ma il mare mosso significava che sarebbe stato troppo tardi. È la più grande delle navi di soccorso delle ONG nel Mediterraneo e può ospitare circa 600 persone. Ma Cierniok dice che la nave corre a passo d’uomo, altrimenti non può resistere alle onde Süddeutsche Zeitung. “Abbiamo dovuto evacuare i soccorritori al piano superiore poiché il piano inferiore era completamente allagato”.

Ancona non è certo il “prossimo porto sicuro”.

Le due navi delle Ong hanno dovuto percorrere circa 1.600 chilometri in quattro giorni dall’area di intervento dal Nord Africa: oltre la Sicilia fino al punto di partenza, poi 600 chilometri fino ad Ancona, capoluogo della regione Marche nell’alto Adriatico. la spiaggia Oltre ad essere Ancona il “prossimo porto sicuro”, le persone soccorse devono essere sottoposte al diritto marittimo.

Ma il governo di destra italiano ha riservato le navi al porto e tutte le richieste di poter fare scalo in un porto più vicino a causa del maltempo sono state respinte, ha detto Ciernioc. “Totalmente inaccettabile e irresponsabile”, definisce il modo in cui vengono gestite le navi di soccorso e il loro personale.

READ  Serie A: Trasmissione in TV e live streaming in Germania

Il governo di destra italiano del primo ministro Giorgia Meloni ha dichiarato ufficialmente guerra ai soccorritori marittimi, con il sequestro di un porto così remoto uno dei suoi strumenti. Un decreto emesso alla fine di dicembre affermava che Roma voleva tenere al guinzaglio le navi delle ONG, ma andava bene. Tra l’altro, l’ordinanza specifica che i soccorritori devono rientrare in porto subito dopo ogni operazione, anche se riescono a salvare altri migranti. Vieta di portare le persone soccorse su un’altra nave, ecco perché Ocean Viking E questo GeoBarents Dovevano essere percorsi 1600 chilometri. Chiunque violi l’ordine rischia una multa fino a 50.000 euro, l’arresto o la confisca della nave.

Nella versione del governo di destra, le Ong e le loro navi sono i principali “trasportatori” di migranti. In effetti, portano nel paese circa l’undici per cento dei boat people. Il governo non ha menzionato che la maggior parte di loro è stata portata in salvo dalla guardia costiera italiana e che le barche provenienti dalla Tunisia spesso arrivano da sole.

Il mandato del governo Meloni rende il Mediterraneo ancora più pericoloso

20 organizzazioni di soccorso hanno protestato contro l’ordine, che secondo loro viola il diritto marittimo internazionale, il diritto dei rifugiati e il diritto dell’UE. Ciernioch dice: “Il nuovo ordinamento giuridico italiano mira chiaramente a tenere fuori dal mare le navi civili di soccorso marittimo e quindi a ridurre il loro arrivo in Italia”. Questo crea “un pericoloso gap di recupero”. Una delle vie di fuga più pericolose al mondo, il Mediterraneo centrale sta diventando ancora più pericoloso. Entro il 2022, secondo l’Organizzazione internazionale per le migrazioni, potrebbero morire ancora più persone. Gli avvocati di Medici Senza Frontiere stanno verificando se la Meloni può intraprendere un’azione legale contro l’ordine del governo, afferma Jana Ciernioch.

READ  La 66esima finale dell'ESC è ancora un corner: l'Italia riuscirà a difendere il suo titolo?

Legalmente, il mandato sembra richiedere alle squadre di soccorso di registrare i dettagli dei richiedenti asilo soccorsi e riferirli alle autorità. Ma questi sono i doveri del governo. L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR) ha affermato che le domande di asilo dovrebbero essere prese in considerazione sul campo solo se i rifugiati sono al sicuro e le loro esigenze immediate sono soddisfatte.

Il fatto che ora debbano sempre fare scalo in altri porti complica il lavoro dei soccorritori in mare in un altro modo, afferma Cierniok. In Sicilia e in Calabria è andato tutto bene, ora devono confrontarsi costantemente con le diverse autorità e assicurarsi che i rappresentanti delle ONG, dell’UNHCR e di Save the Children siano in porto affinché tutto funzioni sotto la loro supervisione.

È una prima volta per Ancona, e una nave Ong con migranti non è mai arrivata al nord. Nel Partito Democratico (PD) di opposizione, il governo di destra è già sospettato non solo di prendere di mira le ONG, ma anche di creare problemi nelle città portuali governate dal PD. Almeno questo è il caso di Ancona.

Un numero particolarmente elevato di profughi è arrivato in Calabria e in Sicilia

Ma il ministro dell’Interno italiano Matteo Piandosi ha affermato che l’assegnazione di più porti settentrionali aiuterebbe a distribuire i migranti in modo più uniforme in tutto il paese. La Calabria e la Sicilia non saranno più i “campi profughi d’Europa”, ha dichiarato ad Agrigento, in Sicilia, dove sono bloccati molti passeggeri dei traghetti. Le città e le province siciliane sono particolarmente sotto pressione perché la maggior parte dei migranti vi sbarca. Soprattutto sull’isola di Lampedusa, che è più vicina alla Tunisia rispetto all’isola principale della Sicilia.

READ  Acquisto di immobili in Italia

Anche Filippo Mannino, sindaco di Lampedusa, ha assistito all’esibizione di Piandos ad Agrigento. Ha chiesto un risarcimento per tutte le leggi speciali di Lampedusa, profughi perché i suoi cittadini hanno sopportato per decenni, per tragedie come i tre morti lo scorso fine settimana, ha una task force. Mannino non ha nulla contro i rifugiati o le Ong, ma ha detto di non sapere nemmeno come finanziare la rimozione dei rifiuti dal centro di accoglienza, che in pochi giorni sforna 6mila isolani all’anno.

La situazione è appena tornata al capolinea. Dal 1° gennaio oltre 3.000 migranti hanno attraversato il Mediterraneo diretti in Italia, dieci volte di più rispetto al 2022. Ciò potrebbe essere dovuto al bel tempo fino a pochi giorni fa, che ha favorito le traversate dalla Libia e dalla Tunisia. Tuttavia, il trend dello scorso anno potrebbe continuare, con circa 100.000 arrivi, un terzo in più rispetto al 2021. Il primo ministro Maloney ne discuterà sicuramente in occasione di un vertice speciale dell’UE sulla migrazione a Bruxelles il 9 e 10 febbraio. Paesi partner.