Febbraio 27, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Salto con gli sci: Wellinger sfida le condizioni di Willingen

Salto con gli sci: Wellinger sfida le condizioni di Willingen

Al: 4 febbraio 2024 alle 18:38

Andreas Wellinger ha vinto la Coppa del Mondo in condizioni difficili a Willingen. Il 28enne è stato il miglior saltatore domenica (4 febbraio 2023) della competizione, caratterizzata da vento, pioggia e tanta attesa. In finale è risalito di sei posizioni. Dietro Willinger si è classificato secondo il giapponese Ryoyu Kobayashi, terzo lo svizzero Gregor Deschwanden. Il polacco Alexander Zhnichzul divenne una figura tragica.

Andreas Wellinger è intervenuto per suggellare la vittoria in casa a Willingen. Dopo salti di 139 e 149 metri, il numero 1 è comparso davanti al suo nome nella classifica finale. Molti fan che hanno sfidato le condizioni umide e ventose hanno festeggiato con un'altra grande festa. È riuscito a tenere testa con 2,0 punti di vantaggio su Kobayashi (144,5 e 146 metri), che nel primo tempo era arrivato secondo. Deschwanden (145m/152m) è salito dal quinto al terzo posto.

Ho notato che il salto era davvero buono e che potevo sfruttare le condizioni“Ha flirtato con il podio poco dopo il suo salto”, ha spiegato poi felice Willinger al microfono del programma sportivo.Non pensavo che vincere sarebbe bastato fino all'ultimo salto.Ha anche ringraziato i presenti che sono intervenuti.Il brutto tempo, che è rimasto lì a lungo a fare il tifo per noi.

L'acqua causa problemi alla giuria

Per molto tempo non sembrò che la competizione si concludesse regolarmente. Lungo il sentiero interno del Mühlenkopfschanze l'acqua scorreva in piccoli ruscelli e soffiavano venti da tutte le direzioni. C'erano condizioni in cui potevi fare molte cose, ma non necessariamente il salto con gli sci. O anche guardarlo. Nonostante le condizioni, più di 12.000 spettatori sono tornati nell'arena di Willingen per tifare per gli atleti di livello mondiale.

L'atmosfera non era così buona come in zona arrivo per il direttore di gara Sandro Bertil, che è rimasto sulla pista interna per verificare se l'acqua defluiva correttamente. Gli organizzatori hanno utilizzato delle motoseghe per scavare dei solchi nella pista per far defluire l'acqua, che già nei giorni scorsi aveva risentito delle intemperie. Il problema del trampolino per il salto con gli sci più grande del mondo: viene utilizzata una pista naturale, non una pista in ceramica, ed è quindi vulnerabile alle intemperie. Una volta che la neve si scioglie troppo, la pista non può più essere rifinita.

È sempre una situazione di attesa

Dopo che il primo round è andato come una gomma da masticare, molti hanno previsto il risultato dopo un solo salto. Ma la giuria ha tentato la fortuna e ha voluto un secondo turno. Ci sono state anche numerose interruzioni perché il vento era debole.

Nessun problema per Willinger: una distanza di 139 metri era molto buona viste le sue condizioni nel primo turno. Ciò significa il settimo posto nel primo tempo. L'eroe locale Stefan Leahy è atterrato proprio dietro di lui. Anche se il percorso dell'uomo di Willingen era pianeggiante, ha saltato lontano e i suoi sci sono atterrati solo per 137 metri.

Zniszczol sorprende tutti, ma non riesce a mantenere la posizione

Ma al secondo turno è finita per Leyhe a 132 metri. Quindi ha perso tre posizioni ed è uscito dalla top ten. Come il suo compagno di squadra, Willinger ha dovuto staccarsi più volte dalla traversa prima di ottenere il via libera. Ma il campione olimpico del 2018 ha mantenuto i nervi saldi, è volato a 149 metri di altezza e alla fine ha potuto festeggiare.

Di tutt'altro umore era il polacco Aleksandar Zinieczzul, che forse sperava in un risultato dopo un solo turno. All'intervallo aveva dodici punti di vantaggio dopo un potente salto di 146 metri e aveva 20 punti di vantaggio su Wellinger. In finale non è riuscito a confermare questa prestazione ed è sceso all'ottavo posto dopo 130,5 metri. Ha mancato anche la sua prima vittoria in Coppa del Mondo.

Geiger continua la spirale negativa

Anche Pius Paschke (136m/119m) e Philipp Raymond (130,5m/129,5m) hanno guadagnato nuovamente punti in Coppa del Mondo con le loro prestazioni al 25° e 26° posto, ma entrambi hanno perso alcune posizioni in finale.

Karl Geiger ha vissuto un déjà vu, ma di tipo negativo. Come il giorno prima, quando aveva mancato la finale, non aveva mai più fatto un buon salto. Dopo 127,5 metri era finita. Ancora una volta, questo non è stato sufficiente per guadagnarsi un posto tra i primi 30, dato che è arrivato ad un ingrato 31esimo posto. Geiger era a 0,3 punti dal secondo turno. Anche Felix Hoffmann non è riuscito a superare questo ostacolo. Dopo 125,5 metri era al 36° posto.