Maggio 20, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ritorna “World of Warcraft”: la Cina realizza un cambiamento di 180 gradi nel settore dei giochi

Ritorna “World of Warcraft”: la Cina realizza un cambiamento di 180 gradi nel settore dei giochi

Milioni di persone giocano a World of Warcraft ogni giorno. E probabilmente dall’estate in poi ce ne saranno altri. Perché il gioco multiplayer online torna in Cina dopo i disaccordi tra sviluppatori e vendite. Si tratta di una mossa insolita, dato che negli ultimi tempi Pechino ha voluto intervenire maggiormente nel mercato dei videogiochi.

Per molti anni, la Cina ha guardato in modo critico all’industria multimiliardaria dei videogiochi. Il governo di Pechino vede le aziende di successo come un’importante spinta economica, ma comportano anche dei rischi. Si dice che i leader del mercato globale Tencent e NetEase siano molto potenti e che il rischio di dipendenza dal gioco sia in costante aumento. Tenendo conto delle restrizioni sui giocatori in Cina, è prevista l'introduzione di regolamenti più severi per i giochi online alla fine del 2023, ma verranno rimossi silenziosamente all'inizio dell'anno. Con due collaborazioni, il paese dell'Estremo Oriente sta ora compiendo una svolta di 180 gradi nel settore dei giochi, riportando uno dei giochi online più popolari, “World of Warcraft” (WoW), sul mercato cinese.

Se vuoi pubblicare videogiochi in Cina, devi stringere un accordo con uno sviluppatore cinese. Pechino spera di ottenere un maggiore controllo sul mercato nel suo paese. Lo sviluppatore di WoW Blizzard e NetEase con sede a Hangzhou hanno concluso la loro partnership di 15 anni nel 2023 dopo un'aspra disputa, spezzando il cuore di milioni di fan in Cina. I server dei titoli online “World of Warcraft”, “Hearthstone” e “Diablo” sono stati semplicemente chiusi.

I dipendenti di NetEase hanno distrutto la statua di WoW

Non è noto il motivo per cui l'accordo è fallito. Tuttavia, NetEase ha ritenuto che la colpa fosse di Blizzard. In preda alla rabbia, gli uffici Blizzard in Cina furono distrutti dai fan di WoW e dai dipendenti di NetEase, e una statua gigante che rappresentava il gioco fu distrutta.

Tencent Holdings
Tencent Holdings 36,99

Si dice che le due società abbiano trascorso un anno lavorando su un nuovo accordo, che ora è in vigore. I titoli Blizzard torneranno in estate. Nel comunicato stampa sulla collaborazione, William Deng, CEO di NetEase, ha parlato di “un prossimo capitolo basato sulla fiducia e sul rispetto reciproco”. Ma è molto più di questo: rappresenta un’ulteriore spinta economica per l’industria e per il secondo più grande sviluppatore di giochi cinese. NetEase è anche riuscita a raggiungere un accordo con Microsoft, acquirente di Blizzard, che consentirà in futuro nuovi giochi sulle console Xbox cinesi. Ma questo non corrisponde più all’immagine del governo trasmessa in precedenza.

Le vendite prima dei principi

Ora i famosi giochi stanno tornando sul mercato cinese, oltre ad altri giochi di Microsoft. Sembra più un’apertura di un settore che una regolamentazione. Tuttavia, Pechino ha minimizzato l’impatto sul settore delle normative recentemente annunciate ma non implementate. La proposta di limitare la durata del gioco, gli acquisti in-game e i sistemi di ricompensa ha allarmato l’industria cinese dei videogiochi e gli investitori. Il risultato: nei trading floor di New York, Hong Kong e Shanghai, il valore dei più grandi sviluppatori cinesi è stato ridotto di circa 80 miliardi di dollari nel giro di pochi giorni. Forte inibitore.

Le vendite sembrano avere un peso maggiore rispetto a quelle cinesi Buone intenzioni per tutelare la popolazione da possibili conseguenze sanitarie. Perché “World of Warcraft” è il ritorno di un gioco che, secondo gli studi, ha il più alto potenziale di dipendenza. In questo popolarissimo gioco multiplayer online, i giocatori combattono i mostri e intraprendono spedizioni nel mondo medievale di Azeroth. Molto più redditizi di un'idea ben realizzata sono gli acquisti che si possono effettuare nel gioco. Con oltre due milioni di giocatori attivi ogni giorno, Blizzard ha generato più di 5 miliardi di dollari nel 2022, compreso il mercato cinese dell’epoca.

Sebbene i numeri degli acquisti in-app di WoW siano sconosciuti, l'esempio di “Hearthstone” mostra quanto sia importante il mercato cinese per Blizzard. Si è ridotto del 57%. I ricavi del negozio verranno integrati nel gioco nel 2023. La perdita di decine di milioni nel caso dello spin-off del gioco di carte virtuale di WoW sarà probabilmente molte volte superiore a quella del gioco originale.

Tuttavia, non si prevede che Pechino dia ora mano completamente libera all’industria dei videogiochi a causa della sua avidità di crescita economica. Soprattutto aspettando mesi che l’estate ruggisca”.Il New York Times“Un’indicazione che NetEase vuole rilanciare i giochi in una forma o nell’altra in conformità con le decisioni del governo.