Luglio 1, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Rischio di inflazione: il capo dei fondi sovrani norvegesi avverte di un prolungato periodo di debolezza dei mercati finanziari | newsletter

Nikola Tangen sembra preoccupato per l’andamento dell’inflazione
È probabile che la debolezza del mercato durerà per anni
negativo rendimenti paura

Il Norwegian Oil Fund gestisce un patrimonio di circa 1,2 trilioni di euro per la banca centrale del paese, diventando così il più grande fondo sovrano del mondo. Il denaro proviene dalla produzione di petrolio e gas in Norvegia e viene investito in oltre 9.000 aziende in tutto il mondo, inclusi nomi noti come Apple, Amazon, Microsoft e Volkswagen.

Nei 25 anni dalla sua fondazione nel 1996, il fondo ha generato un rendimento medio del 6%. Ma il capo del fondo, Nicolas Tangen, ora guarda al futuro, ha detto al Frankfurter Allgemeine Sonntagszeitung.

fase di debolezza a lungo termine

Dall’inizio del fondo, “abbiamo visto aumenti di prezzo nel mercato azionario quasi costantemente. E quando le cose sono andate in discesa, non ci è voluto molto tempo. Questa volta non credo che le cose sarebbero aumentate così velocemente. Anche nel 2008 la crisi finanziaria sembra solo un po’ più tardi.” “Sono convinto che le cose non andranno avanti così. Il futuro sarà per noi meno attraente del passato”, ha avvertito Tangen nell’intervista.

Il 55enne ipotizza che la fase di debolezza che temeva sui mercati finanziari internazionali continuerà a lungo: “Ci stiamo preparando per un decennio di bassi rendimenti. Probabilmente sarà negativo”.

Minaccia di inflazione

Non è la pandemia di coronavirus, né i tanti conflitti politici a preoccupare Nicolas Tanguin. “Il più grande problema potenziale è l’inflazione. Vedo inflazione ovunque: nelle tariffe dei noli, nei prezzi dei metalli e dei prodotti alimentari, nei costi di costruzione e anche progressivamente nei salari. Penso che ciò avrà conseguenze molto più gravi di quelle generalmente accettate”, Ha spiegato il capo del fondo.

READ  Edeka interviene: diversi prodotti svolazzano sugli scaffali con effetto immediato

Gli operatori di mercato di tutto il mondo osservano con preoccupazione l’andamento dei prezzi al consumo. Nella zona euro, ad esempio, l’inflazione è balzata a un record del 4,9 per cento a novembre. Allo stesso tempo, gli Stati Uniti hanno registrato il tasso di inflazione più alto dal giugno 1982, al 6,8%. Norges Bank ha riconosciuto la minaccia e ha risposto di conseguenza. Il tasso di riferimento è stato portato allo 0,50 per cento a fine settembre e poi di nuovo a metà dicembre. Inoltre, il watchdog valutario ha annunciato un altro aumento nel marzo 2022.

ha detto Tangen, spiegando perché è particolarmente interessato a vedere l’inflazione come il rischio maggiore.

Imposta le aspettative

Circa il 70 percento delle attività del Fondo petrolifero norvegese è attualmente investito in azioni. Ma nonostante le sue prospettive fosche, Tangen non crede nell’addio adesso. “La mia impressione è che il nostro mix di azioni, obbligazioni e immobili sia corretto”. Occorre invece cambiare qualcos’altro: “Quello che dobbiamo cambiare sono le nostre aspettative per il futuro”.

La redazione di Finanzen.net

Altre notizie su Amazon

Fonti immagine: Norges Bank Investment, Ilkin Zeferli / Shutterstock.com