Dicembre 6, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ridi, menti, tutto il salmone: ‘The Diplomat’ sta perdendo la pazienza

“Ridi, menti, tutto il salmone”
Il diplomatico sta perdendo la pazienza

Di Katja Simbritsky

Cosa può ottenere il dialogo in situazioni di crisi? Nel suo romanzo The Diplomat, Lucy Frick dà uno sguardo agrodolce dietro le quinte della diplomazia. In Turchia, lascia il suo eroe disperato per l’arbitrarietà delle autorità e prende una decisione non convenzionale.

Friedrich Andermann, meglio conosciuto come Fred, è sulla quarantina, ambasciatore tedesco a Montevideo ed è una grande delusione. La figlia di una cameriera si è fatta strada nel corpo diplomatico sperando di fare la differenza nella sua carriera. Nella capitale uruguaiana, ora è una via di mezzo tra un regista di eventi e un attore. Quando non devi decidere quale “salsiccia standard” verrà servita sulla griglia dell’ambasciata alla festa del 3 ottobre, il motto degli innumerevoli ricevimenti a cui sono stato invitato è: “Sono lì e sono solo Sono solo la Germania”.

La versione audio è pubblicata da Hörbuch Hamburg e costa 22 €.

Nel suo amaramente divertente Die Diplomatin, Lucy Frick offre uno spaccato di un mondo che normalmente rimane chiuso alla maggior parte dei lettori. Per poter scrivere nel modo più realistico possibile, ha intrattenuto conversazioni molto aperte con persone che lavorano nel servizio diplomatico, come ha affermato la scrittrice in varie interviste. Inoltre, Frick, divenuto noto a un pubblico più ampio nel 2018 con il brano “Töchter”, ha trascorso alcuni mesi presso l’Ambasciata tedesca ad Ankara per motivi di ricerca. La maggior parte dei suoi scrittori sono in Turchia.

Dopo un errore di valutazione su un rapimento e il caso si è concluso con la morte dell’influencer di Instagram scomparso, Farid è stata rimossa dalla sua posizione a Montevideo e portata a Istanbul come console. Lì finisce in una calda atmosfera politica. Perché le relazioni diplomatiche tra Germania e Turchia, in cui le persone sono spesso detenute arbitrariamente, sono complesse o quasi inesistenti.

I capelli sulla nuca stanno per la parola “dialogo”.

Farid affronta anche questo quando difende un segretario dell’opposizione tedesco-curdo incarcerato i cui oppositori non sono adatti alla leadership turca, così come a suo figlio. Il giovane è venuto dalla Germania per visitare la madre in carcere. Ma poiché una volta ha partecipato a una protesta filo-curda lì, è stato prima arrestato anche in Turchia e poi posto agli arresti domiciliari. Quando una giornalista investigativa, che ha appena iniziato una relazione con lui, viene coinvolta nel fuoco incrociato delle autorità turche, deve prendere una decisione.

La domanda fondamentale nel racconto di Frick è stata più che mai attuale dall’inizio della guerra in Ucraina: quanto sono efficaci le possibilità della diplomazia nei confronti dei regimi autoritari? Con Fred, Frick crea un personaggio principale che perde fiducia nella diplomazia nel tempo. “La parola dialogo mi ha fatto rizzare i capelli sulla nuca”, quindi a un certo punto è arrivata. “La gente continuava a parlare del dialogo, quando in realtà le autorità turche non rispondono più al telefono”.

Alla fine, Fred non era più disposto a sopportare la pazienza che è alla base di ogni atto diplomatico. Ne deriva un viso avvincente. Poiché Fred segue un percorso insolito, molto può essere rivelato per aiutare le tre persone alla mercé dello stato turco – a proposito, tutti e tre i casi sono fittizi, ma basati su destini reali.

Monete CYA e MAP

Oltre ai limiti della diplomazia, Frick esamina anche cosa significa ricoprire una posizione diplomatica di alto livello. Ad esempio, seguire il mantra “CYA” (copriti il ​​culo) che si applica lì, cioè fare qualcosa in modo così sottile che qualcun altro alla fine sia sempre responsabile. Per donne come Farid, lavorare come ambasciatrice o console spesso significa solitudine. “Famiglia, giardino, felicità” Fred non ha mai pensato: “Se ignori due campagne che hai perso e un grande amore gettato via”. L’uomo che ha quasi sposato l’ha lasciata perché non voleva essere Mab, il “compagno di compagnia”. Oppure, come ha decifrato lui stesso l’acronimo: “Man at the Pool”.

Il diplomatico è un libro molto intelligente e interessante. Frick ha un talento per i dettagli fini, scrive dialoghi acuti e naviga abilmente tra umorismo secco e profonda serietà. Usando un narratore autocritico, Frick chiarisce che le vite dei diplomatici alla fine consistono in molto più di “la gente pensa che siamo i migliori in: ridere, mentire, mangiare salmone”, come afferma il romanzo.

Anche la versione dell’audiolibro è divertente e Bettina Hobby come oratrice è una sorta di cast perfetto. L’attrice d’ensemble berlinese mette nella sua voce la giusta dose di vivacità, ironia e rassegnazione.

“The Diplomat” all’Hörbuch Hamburg loro chiedono. Organizzazione mondiale della Sanità Vuoi leggere il libro qui cercalo.

READ  Pietro Lombardi e Laura Ripa: Zoff sul nome del bambino Entertainment