Dicembre 7, 2021

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Revisione veicolo usato: Ford Kuga II – Pratico, solido e ben maturo

Controllo auto usate
Ford Kuga II – Pratico, durevole, ben valutato

La seconda generazione di Ford Kuga introduce vecchie caratteristiche e nuovi tratti. Lo si vede anche nel caso delle copie utilizzate, che si sono rivelate più affidabili rispetto ai predecessori. Quindi un SUV usato è un investimento solido.

Se il primo Kuga è troppo vecchio e il nuovo Kuga III è troppo costoso, la seconda generazione costruita tra il 2013 e il 2019 è un’alternativa più moderna e spesso economica. Coerentemente con l’età avanzata, sul mercato dell’usato sono presenti diverse migliaia di copie, alcune delle quali già disponibili per importi a quattro cifre. Chiunque cerchi un veicolo quotidiano pratico ma solido con un corpo orientato al divertimento lo troverà rapidamente qui.

Con un bagagliaio compreso tra 481 e 1.653 litri, la Ford Kuga II offre un uso quotidiano di alto livello.

(Foto: Ford)

Con il suo corpo di quattro metri e mezzo, la Kuga a cinque porte offre sempre molto spazio, rendendola un eroe quotidiano adatto alle famiglie. C’è molto spazio per gambe e testa nella parte anteriore e posteriore e il bagagliaio può crescere da 481 a 1653 litri. Se è necessaria una scatola perfettamente piana, il piano di carico può essere sollevato al livello dello schienale del sedile posteriore ripiegato. La soluzione comfort opzionale è il portellone, che può essere aperto elettricamente con un movimento del piede, ma come seconda mano, devi cercarlo.

Centro di comando con tante chiavi

Mentre la moderna serie Ford ha un design della cabina di pilotaggio particolarmente elegante, la Kuga II offre ancora un sacco di pulsanti di comando con una logica operativa non sempre ovvia. NSYNC Voice Control toglie un po’ della frustrazione che svanisce quando guardi i pulsanti sulla console centrale.

FordKuga05051305.jpg

Non a tutti piace il design del cockpit della Kuga.

(Foto: Ford)

Lo schermo del computer di bordo e l’unità multimediale sono piccoli sulla Kuga fino all’anno modello 2016. Dall’anno modello 2017 è stato introdotto un sistema di infotainment più moderno come parte del restyling.

Motori e guida

Nel primo anno modello, i vecchi motori a benzina da 1,6 litri sono stati offerti con 150 CV (chiave manuale / 2WD) e 182 CV (automatico / 4WD), invece è stato offerto un diesel da 2 litri con 140 CV e 163 CV per la Kuga II . La gamma dei motori diesel da 2 litri è stata gradualmente ampliata a una gamma di prestazioni da 120 CV a 180 CV ed è stata anche modernizzata. Con un motore diesel, la Kuga è ragionevolmente frugale anche con la trazione integrale. I valori di consumo vanno da quattro litri e mezzo a sei litri e mezzo, a seconda del cambio e del numero di assi motori.

FordKuga05051301.jpg

La Kuga è disponibile con trazione anteriore e trazione integrale.

(Foto: Ford)

Buone alternative al diesel sono i motori a benzina Ecoboost da 1,5 litri, introdotti dall’anno modello 2015, inizialmente offerti con 150 cavalli e 182 cavalli e successivamente con 120 cavalli e 176 cavalli. Le varianti più potenti sono abbinate alla trazione automatica e integrale, garantendo valori di consumo compresi tra 7,4 e 9,0 litri. Nelle versioni più deboli con trazione anteriore, il consumo di carburante rimane notevolmente inferiore a 6,2-7,2 litri.

A partire dal 2018, la Kuga è stata finalmente presentata come un nuovo modello di punta con un motore a benzina da 2 litri con 242 CV e successivamente 230 CV. I prezzi per i pochi esemplari usati con una trazione particolarmente potente superano i 20.000 euro, nonostante le dotazioni all’avanguardia.

Attrezzature e sicurezza

Oltre alle linee di equipaggiamento classiche come “Trend”, “Titanium” o “ST-Line”, la Kuga II era disponibile anche in una variante “Vignale” particolarmente elegante, pelle coordinata e molte applicazioni cromate. Ma anche con la versione base “Trend”, ci sono diversi elementi essenziali importanti a bordo. Se apprezzi l’aria condizionata automatica a due zone, il sedile del conducente con supporto lombare e rivestimento in pelle-tessuto, allora dovresti guardare le versioni in titanio. Fai attenzione alle luci allo xeno, ai sedili riscaldati, ai volanti o al tetto panoramico. Come opzioni sono stati offerti anche assistenti come il riconoscimento del semaforo, gli assistenti degli abbaglianti o gli avvisi di sonnolenza. L’equipaggiamento di sicurezza è sempre aggiornato, guadagnando alla Kuga una valutazione di cinque stelle nel crash test EuroNCAP.

TÜV non trova quasi nessun punto cassa

Secondo un rapporto TÜV, la Kuga di seconda generazione dà relativamente poche critiche. Nelle principali ispezioni (HU), è rimasto un tipo intermedio poco chiaro. Dal secondo e terzo HU in poi, i SUV sono meno inclini agli errori, nonostante il chilometraggio, che in alcuni casi è superiore alla media del settore. I fari e le luci posteriori difettosi causano sempre disagi. Anche i motorini dei tergicristalli si guastano frequentemente.

Gli acquirenti dell’usato dovrebbero dare un’occhiata più da vicino, prima di tutto, alle condizioni dei dischi dei freni, che possono guastarsi più spesso della media sui modelli piccoli. La seconda generazione ha meno problemi di sterzo e sospensioni rispetto alla Kuga I. Rispetto alla seconda HU, tuttavia, gli alberi di trasmissione sono l’asse degli ispettori TÜV.

conclusioneBenzina moderna ed economica, molto spazio e sistemi ausiliari contemporanei: la Ford Kuga II, che è stata ritirata gradualmente da anni, è ancora una proposta interessante per ora. Anche con un uso estensivo, ha anche una buona affidabilità. Alcune auto usate sono ora disponibili per poco meno di € 9.000. Qui, il chilometraggio, a seconda del motore, va da 170.000 a 300.000 km. Se vuoi un modello dopo il 2017 con un sistema operativo moderno e motori più economici, devi investire circa 14.000 euro, con veicoli in funzione da molto tempo in alcuni luoghi.

READ  Concorrente di Tesla in primo piano: quota Rivian in arrivo: vale la pena unirsi a Rivian per investire in Amazon per un'IPO? | newsletter