Febbraio 6, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Recupero marino nel Mediterraneo: la nuova vecchia situazione dell’Italia

  1. Pagina iniziale
  2. Politica

Creato da: Aggiornato:

Compreso: Jonas Wagner, Annika Gaylen

Un’operazione di salvataggio dell’organizzazione umanitaria tedesca “See-I” nel 2021. © Pavel D.Vitko

I gruppi umanitari temono un giro di vite sulle loro navi mentre l’estremista di destra Giorgia Meloni sale al potere a Roma. Ma invece di farli aspettare in mare, ora l’Italia sta assegnando loro dei porti. Cosa c’è dietro?

Sarebbero passati alcuni giorni prima che John Ribeck e il suo team intervenissero per la prima volta. Ribek è il capo delle operazioni della nave di Sea-Eye, “Sea-Eye 4”, un’organizzazione di soccorso marittimo senza scopo di lucro. A Natale i soccorritori raggiungono la loro zona operativa nel Mediterraneo, a 50 chilometri dalla costa libica. Dopo diversi giorni sul posto, gli attivisti hanno salvato 63 persone dal gommone, ha raccontato Ribek in una videochiamata. “Molti hanno bisogno di cure mediche, mancanza di acqua e fame, o soffrono di ustioni chimiche dovute alla miscela di acqua salata e benzina nelle barche”, dice Ribek, che è un medico di professione.

Pensava che la difficoltà maggiore durante la chiamata fosse trovare un rifugio sicuro dove i soccorsi potessero atterrare. Nelle ultime settimane, l’Italia ha respinto diverse navi di soccorso di altre organizzazioni o inizialmente ne ha consentite solo alcune a sbarcare. “Dobbiamo contare su persecuzioni simili e i soccorritori saranno trattati in modo sproporzionato e disumano”, afferma Ribek, “ma siamo ben preparati perché possiamo soddisfare tutti i requisiti e i requisiti ufficiali”.

Maloney aveva chiesto un blocco navale

I soccorritori marittimi hanno un motivo per aspettarsi guai: Giorgia Meloni è il primo ministro italiano dal 22 ottobre. Il politico post-fascista di Fratelli d’Italia governa insieme alla conservatrice Forza Italia dell’ex primo ministro Silvio Berlusconi e alla Lega populista di destra di Matteo Salvini. La Meloni aveva già annunciato una presa di posizione dura contro gli immigrati in campagna elettorale. Ha chiesto un blocco navale, ma questo deve ancora essere attuato.

Con i suoi sforzi per bloccare i soccorsi in mare nel Mediterraneo centrale, l’amministrazione Meloni si basa sulle azioni di molti precedenti governi in Italia, di qualunque sfumatura. Una strategia usata dall’ex ministro dell’Interno e attuale ministro dei Trasporti Matteo Salvini per attirare l’attenzione pubblica: le barriere di ormeggio per le navi di soccorso. Questi divieti sono stati però solo parzialmente efficaci, come dimostra il Carola Racket: il capitano dell’organizzazione “Sea-Watch” ha fatto scalo al porto di Lampedusa nell’estate del 2019 nonostante il divieto di ingresso. È stata arrestata, ma alla fine tutte le accuse contro di lei sono state ritirate.

READ  Nuova alta incidenza di infezioni in Francia e Italia

Mentre cresce la pressione internazionale per chiudere definitivamente i porti alle navi di salvataggio, le autorità italiane hanno utilizzato per anni un altro metodo: scappatoie nei cosiddetti controlli dello stato di approdo e impedire alle navi di salpare, citando tali ritardi. Attività.

L’Italia può trasferire la responsabilità delle persone soccorse agli Stati di bandiera?

È difficile prevedere come andranno le cose sotto un governo Meloni, afferma Nicole Jack, assistente ricercatrice del capo del dipartimento di diritto pubblico dell’Università di Halle-Wittenberg. “Non so se ci sono così tante cose nuove in arrivo o se c’è un ritorno alle vecchie attività”. Tuttavia, il governo di Maloney sta cercando di trasferire la responsabilità per i rifugiati salvati agli stati di bandiera, cioè ai paesi che detengono bandiere. Le navi di soccorso volano. Questi sono attualmente principalmente Germania e Norvegia. “Dubito che la discussione avrà successo”, dice Jack. “Non c’è davvero alcuna base legale per questo.”

Il governo italiano vuole cambiarlo. Mercoledì sera ha emesso un’ordinanza che impone ai soccorritori marittimi di recarsi in un porto sicuro subito dopo un’operazione. Ciò significa che non sono autorizzati a intraprendere ulteriori viaggi con persone soccorse per soccorrere altre persone. Le agenzie umanitarie dovrebbero informare i soccorritori che possono cercare protezione ovunque nell’UE. I capitani possono essere multati fino a € 50.000 in caso di violazione. In caso di violazioni, la nave può essere sequestrata come da progetto.

“Rispetto a Salvini, la Meloni è più furba”

“Così il governo italiano minerà l’accordo di Dublino”, afferma Oliviero Angeli, politologo della TU Dresden e coordinatore scientifico del Mercator Forum Migration and Democracy. Il regolamento Dublino stabilisce che il paese dell’UE in cui i richiedenti asilo entrano per la prima volta deve esaminare la domanda di asilo. Angeli pensa che il nuovo capo del governo italiano prenderà sicuramente una linea dura sulla politica migratoria. “Rispetto a Salvini, la Meloni è più strategica e non si accontenta della politica simbolica”.

READ  Alluvioni: un'altra forte tempesta in Italia

L’ex ministro dell’Interno e primo ministro vuole fare dell’immigrazione una questione politica europea. “L’imputazione di Melloni, come quella di Salvini, attira l’attenzione dell’UE”, afferma Franco Letteri, esperto di diritto penale con sede a Salerno, vicino a Napoli. Il presidente del Consiglio vuole fare pressione sull’UE per introdurre finalmente un sistema europeo obbligatorio di distribuzione per i richiedenti asilo, afferma Lettieri.

Una nave di salvataggio nel Mediterraneo
Nave di salvataggio “Sea I4” nel Mar Mediterraneo. © Mike Ludermann

Per questo il governo Meloni ha lasciato inasprire le polemiche sulla “Ocean Viking”: la nave di soccorso dell’organizzazione SOS Mediterraneo con 234 persone soccorse è dovuta rimanere sulla costa per più di due settimane perché l’Italia si è rifiutata di assegnarle un porto. Alla fine, la nave attraccò a Tolone, nel sud della Francia, e scoppiò uno scandalo tra Francia e Italia. Da allora, si è molto discusso sul recupero marino a livello europeo.

Inoltre, il governo italiano vuole liberare la tesoreria dello Stato, spiega Letteri. “Le attività criminali causano enormi costi e irritazione tra gli elettori”. Per risparmiare, “la lotta all’immigrazione clandestina dovrebbe in futuro essere di competenza del capo della regione interessata”. I prefetti sono alti funzionari amministrativi che riferiscono al Ministero dell’Interno. Secondo Lettieri, in futuro potrebbero infliggere multe e confiscare le navi. In caso di obiezione, ci sono procedure amministrative: queste sono più economiche per lo Stato rispetto alle procedure penali e sono più veloci, spiega l’avvocato.

È consentita una sola operazione di soccorso per viaggio

Nonostante il cambio di governo, Nicola Canestrini, avvocato per i diritti umani dell’Alto Adige, resta ottimista. I soccorritori in mare non sono mai stati puniti in Italia. “Ho piena fiducia nella magistratura italiana e le cose continueranno come prima”, dice l’avvocato, che sta difendendo in tribunale alcuni attivisti dell’equipaggio della nave “Iuventa”.

READ  Dopo il glorioso 2021: l'Italia "superpotenza" minaccia imbarazzo nel 2022

Canestrini è alle prese anche con le nuove disposizioni governative. “Come avvocati possiamo infrangere queste regole”, dice. “Salvare vite umane non può essere un crimine”.

Il direttore delle operazioni di Sea-Eye, John Ribeck, continuerà a salvare le persone dal governo di destra del Mediterraneo. Dopo la prima operazione di soccorso, l’Italia ha assegnato “Sea-I 4” a Livorno come porto per i soccorsi. Secondo Sea-Eye, è stata una sorpresa, dopotutto, era la prima volta che il governo italiano aveva preassegnato un rifugio sicuro all’organizzazione. Tuttavia, c’è stata un’altra chiamata di soccorso prima della nave: 45 persone erano in pericolo.

“Sebbene le autorità italiane (…) fossero a conoscenza del caso e della situazione di pericolo di vita delle persone, hanno incaricato il C-I4 di recarsi immediatamente a Livorno”, ha criticato l’organizzazione. Secondo i loro stessi rapporti, gli attivisti hanno ignorato le istruzioni, salvando prima 45 persone e solo successivamente recandosi a Livorno.

Se il Corpo Civile di Soccorso Marittimo non salva le persone dall’alluvione, Nella maggior parte dei casi nessuno lo farà. Oppure la Guardia costiera libica riporterebbe le persone in Libia, dove la maggior parte di coloro che cercano sicurezza vive in condizioni desertiche. È un’altra ragione per cui John Riebeck non è preoccupato di non essere a casa per Natale quest’anno. “Sono un medico e le malattie non seguono le vacanze”, dice. “Anche le ragioni per volare. Non si basano sulle festività cattoliche.” (di Jonas Wagner e Annika Gaylen)

Perquisizione del porto come battaglia di nervi: nave di salvataggio al largo di Reggio Calabria, in Italia, a settembre
La ricerca del porto come una battaglia di nervi: la nave di salvataggio “Sea Watch 3” al largo di Reggio Calabria, in Italia, a settembre. © Valeria Ferraro/Imago