Novembre 28, 2021

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Reazione all'”attacco ibrido”: l’Unione Europea ha inasprito le sanzioni contro la Bielorussia

Rispondi a “attacco ibrido”
L’Unione Europea ha inasprito le sanzioni contro la Bielorussia

Il governo del sovrano bielorusso Lukashenko sta contrabbandando migliaia di migranti verso i confini esterni dell’Unione europea. Ora l’Unione Europea sta rispondendo e ampliando le misure punitive contro chi sta intorno al presidente. Potrebbero seguire ulteriori sanzioni.

Nel conflitto dei rifugiati con la Bielorussia, l’Unione Europea inasprisce le sanzioni: gli Stati membri hanno deciso di rendere più difficile il rilascio dei visti ai funzionari, come annunciato dal ministro degli Interni sloveno Alice Hoges. Hogges, il cui Paese manterrà la presidenza di turno degli Stati membri fino alla fine dell’anno, ha sottolineato che la decisione è arrivata “in risposta al continuo attacco misto del regime bielorusso”.

Per “attacco ibrido” si intende, tra le altre cose, un attacco con metodi di occultamento: gli aggressori agiscono in modo anonimo o negano la responsabilità. L’Unione europea accusa il presidente bielorusso Alexander Lukashenko di aver preso di mira migliaia di migranti dal Medio Oriente ai confini con Polonia, Lituania e Lettonia per vendicare le sanzioni precedenti.

Di recente, la situazione al confine con la Polonia è notevolmente peggiorata. Ecco perché la presidente della Commissione Ursula von der Leyen ha chiesto una nuova risoluzione sulle sanzioni. La Commissione Ue aveva già presentato a fine settembre una richiesta di proroga delle sanzioni. Secondo Bruxelles, la difficile questione del visto riguarda i dipendenti del governo e i titolari di passaporti diplomatici e non i residenti in Bielorussia.

Già mercoledì gli ambasciatori dei 27 Stati membri a Bruxelles potrebbero procedere ad inasprire ulteriormente le misure punitive. Riguarda il nuovo standard di sfruttamento dei rifugiati e il traffico di esseri umani.

Ciò potrebbe quindi includere un’altra decisione sulle sanzioni nelle prossime settimane. La Germania ha proposto di includere le compagnie aeree di paesi terzi o le agenzie di viaggio per le sanzioni che si occupano di traffico di persone.

READ  Action Reinhart: "Poco si sa come morirono 1,75 milioni di ebrei"