Giugno 29, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

RB Lipsia: “Desolat” – Mintzlaff arrabbiato annuncia le conseguenze

gli sport RB Lipsia in crisi

“Desolato, catastrofico” – Angry Mintzlaff annuncia le conseguenze

L’RB Lipsia sta attraversando la più grande crisi della sua storia. Oliver Mintslav non ha voluto dire esattamente cosa è successo dopo il terzo fallimento consecutivo. Il direttore generale ha annunciato le conseguenze con parole chiare. A quanto pare per allenare Jesse Marsh e i giocatori.

NSÈ la prima volta che l’RB Lipsia subisce tre sconfitte consecutive in Bundesliga. La sconfitta per 2-0 contro il TSG Hoffenheim e la sconfitta per 3-1 contro il Leverkusen è stata seguita dalla sconfitta per 2-1 contro l’Union Berlin. “Stiamo attraversando una fase che non conosciamo”, ha detto l’assistente allenatore Marco Kurt, che ha rappresentato i suoi colleghi affetti da Corona, l’allenatore Jesse Marsh e i suoi compagni di squadra Achim Berlorzer, all’Alte Försterei.

Con la loro recente bancarotta, gli ambiziosi sassoni sono stati sprofondati nella più grande crisi dalla loro fondazione. Il Lipsia ha raccolto appena 18 punti dopo 13 partite ed è bloccato al centro della classifica. Ma ciò che preoccupa di più i funzionari dell’ufficio regionale è il modo in cui si presenta la squadra.

Leggi anche

“E’ stata un’impresa disperata. Peccato. Non quello che ci aspettavamo dopo aver perso le ultime due partite di Bundesliga. Siamo venuti qui per sistemare il problema e abbiamo fatto una prestazione disastrosa. Quindi sono molto deluso”, ha detto Oliver Mintzlaff.

RB Lipsia CEO Oliver Mintzlaff

Parole chiare: Oliver Muntzlaff è in una posizione completamente nuova con il suo club

Fonte: dpa / Jan Woitas

Il direttore generale di Lipsia non si è nemmeno preso la briga di moderare le sue critiche. Ha proseguito senza filtrare e ha anche commentato le conseguenze della serie negativa: “Certo, siamo preoccupati principalmente perché abbiamo 18 punti in 13 partite. Certo, sono davvero pochi data la nostra ambizione. Non è questo che vogliamo. può aspettarsi con questa grande squadra.” .

Lo stesso Marsh esprime scetticismo sulla cooperazione

Le parole significano principalmente la fine dell’allenatore. Soprattutto da marzo la quarantena locale ha decisamente condizionato il gioco. “Abbiamo parlato delle possibilità, discusso i cambiamenti, come abbiamo fatto. Avevamo soluzioni, ma quello che abbiamo mostrato non era abbastanza”, ha confermato Kurth durante la chiamata.

Bundesliga - 1. FC Union Berlin - RB Lipsia

Attore sfortunato: Marco Kurt è rimasto in disparte per Jesse March a Berlino

Cosa: Reuters

Ma Mintzlaff non vuole rivolgere le sue critiche solo all’allenatore: “Oggi la squadra era responsabile”, ha detto: “Jesse Marsh è in casa e ha il corona. Questa non è solo una discussione con l’allenatore, è anche un gruppo. discussione qui. Quello che la squadra ha presentato qui, anche contro il Leverkusen e anche contro l’Hoffenheim Non basta. Non tolgo a nessuno il suo dovere. Lo siamo tutti. RB Lipsia. Ci includo me stesso. Naturalmente, questo deve ora essere analizzato seriamente. Non è così che raggiungeremo i nostri obiettivi. E non vogliamo correggerlo nella prima metà della stagione”.

È stato l’unico momento in cui il capo della RB ha negato chiarezza e chiarezza. Cosa significa nel dettaglio, che non deciderà lui la sera della partita, ma prima ci dormirà sopra per una notte, “poi pensa con la mente ragionevolmente lucida a cosa dobbiamo fare meglio. E questo va analizzato con il mister Jesse Marsh.”

Marsh: sempre una possibilità con il nostro calcio

Jesse Marsh: insuccesso in Champions League, tendenza al ribasso in Bundesliga

Tuttavia, Mintzlaff non si stanca mai di sottolineare il grande potenziale che vede nella squadra: “Abbiamo una grande squadra che è sicuramente uno dei primi tre o quattro giocatori della Bundesliga. E questa dovrebbe essere anche la nostra richiesta. Questa è una fase difficile . Ma ovviamente non abbiamo intenzione di seppellire le nostre teste. “Sotto la sabbia, aspettiamo fino a Natale e speriamo che le cose migliorino nel nuovo anno. Dobbiamo pensare attentamente a ciò che dobbiamo fare. E ovviamente tutto appartiene il tavolo. Certamente non era abbastanza.”

Leggi anche

Fabian Schmützler

Poiché nessun giocatore può essere trasferito prima di Natale, le conseguenze dovrebbero essere limitate all’allenatore almeno inizialmente. Soprattutto perché Marsh aveva già espresso scetticismo su un’ulteriore cooperazione nei giorni precedenti il ​​gioco Etihad. L’americano pensò sorprendentemente francamente, forse le cose semplicemente non vanno insieme.

READ  Rafael Nadal ha salvato quattro match point negli ottavi e ha impedito a David Goffin di giocare