Febbraio 21, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Rapporto di mercato: il trend rialzista del DAX rimane intatto | tagesschau.de

Rapporto di mercato: il trend rialzista del DAX rimane intatto |  tagesschau.de


Rapporto di mercato

Al: 31 gennaio 2024 alle 9:37

Il DAX continua a mostrare rispetto per il suo massimo storico infrasettimanale. Ma il trend rialzista del principale indice tedesco rimane intatto e questo fa sperare gli investitori in nuovi massimi in futuro.

Il DAX ha iniziato le negoziazioni con cautela a causa delle aspettative contrastanti delle borse estere. All'apertura dell'indice XETRA, i valori di riferimento tedeschi erano scambiati a 16.972 punti, esattamente al livello dei prezzi di chiusura del giorno precedente. Gli investitori continuano a rispettare la soglia dei 17.000 punti e il livello record stabilito a dicembre, che con 17.003 punti è appena al di sopra. Il giorno prima il DAX aveva di poco superato il record precedente, con un massimo giornaliero di circa 17'000 punti.

L'esperto di tecnologia grafica della HSBC Jörg Scherer è convinto che per innescare un nuovo slancio al rialzo nel DAX sarà necessario un aumento duraturo al di sopra dei massimi di 16.963/16.967/17.003 punti. Tuttavia, secondo alcuni esperti, è solo questione di tempo prima che il DAX raggiunga il suo massimo storico di 17.003 punti. La scorsa settimana, l’indicatore del mercato azionario tedesco ha superato l’ultima resistenza nel suo percorso. Con un nuovo massimo storico, il DAX invierà un nuovo segnale di acquisto.

Wall Street ha indicazioni contrastanti per la negoziazione del DAX. Il Dow Jones Industrial Average ha chiuso in rialzo dello 0,3% a 38.467 punti. Ma il più ampio indice Standard & Poor's 500 è sceso dello 0,1% a 4.924 punti, e l'indice azionario tecnologico Nasdaq ha perso lo 0,8% a 15.509 punti. Il Dow Jones e l'S&P 500 sono riusciti a migliorare i loro livelli record di alcuni punti nelle prime contrattazioni.

Dopo la chiusura del mercato azionario statunitense, l’attenzione si è concentrata sui titoli tecnologici statunitensi, con due grandi società tecnologiche, Alphabet e Microsoft, che hanno fornito informazioni dettagliate sui loro libri contabili. Mentre Microsoft è riuscita a trarre vantaggio dal boom dell’intelligenza artificiale, Alphabet ha sofferto della riluttanza dei clienti pubblicitari. “Ora dipende da altre grandi aziende tecnologiche”, conferma l’analista di IG Christian Henke. “Qualsiasi delusione potrebbe portare a una correzione del Nasdaq”. I numeri di Apple, Amazon e Meta saranno all'ordine del giorno della Borsa dei prossimi giorni.

Tuttavia, ciò che accadrà successivamente sui mercati azionari dipende non solo da come procede la stagione dei rendiconti (tecnologici), ma anche dalla politica monetaria. Questa sera la Federal Reserve annuncerà la sua prossima importante decisione sui tassi di interesse. Gli analisti si aspettano che la Fed lasci il tasso di interesse di riferimento invariato all’attuale range compreso tra 5,25 e 5,5%.

La successiva conferenza stampa con il presidente della Fed Jerome Powell dovrebbe essere emozionante. Gli investitori sperano di ottenere le prime indicazioni su quando i governatori delle banche centrali potrebbero iniziare a tagliare i tassi di interesse.

Un nuovo slancio per i mercati azionari potrebbe venire da importanti dati economici: in Germania e Francia sono all'ordine del giorno i numeri sull'inflazione, importanti per la politica monetaria della Banca Centrale Europea. Negli Stati Uniti, nel pomeriggio sono attesi i dati sul mercato del lavoro, che a loro volta potrebbero influenzare la politica monetaria statunitense.

Nel frattempo, questa mattina i mercati azionari asiatici non sono riusciti a trovare un accordo su una direzione comune. Il principale indice giapponese Nikkei ha chiuso le contrattazioni di Tokyo in rialzo dello 0,6% a 36.286 punti. Al contrario, la Borsa di Shanghai ha perso l’1,6%, mentre i deboli dati sulla produzione cinese e il futuro incerto del colosso immobiliare China Evergrande influiscono sui prezzi.

Nei primi scambi sul Forex, il dollaro sta mostrando forza in vista dell’imminente decisione della Fed. Allo stesso tempo, l'euro ha perso lo 0,2% a 1,0822 dollari. Questa mattina il costo di un’oncia d’oro era poco meno di 2.037 dollari, più o meno lo stesso prezzo del giorno precedente.

I prezzi del petrolio sono scesi leggermente nei primi scambi. Al mattino, un barile di greggio Brent del Mare del Nord (159 litri) con consegna a marzo costa 82,01 dollari, lo 0,6% in meno. La forza del dollaro rende le materie prime scambiate nella valuta statunitense più costose per gli investitori di altre aree valutarie. Questo di solito smorza la domanda di “oro nero”.

I titoli della Deutsche Bank sono tra i maggiori perdenti nelle prime negoziazioni sul DAX. Alla base di ciò c'era il parere negativo degli analisti, per cui la banca americana Citigroup ha annullato la sua raccomandazione di acquisto di azioni del più grande istituto finanziario tedesco e ha ridotto il prezzo indicativo da 14,00 a 13,40 euro. Giovedì Deutsche Bank presenterà i dati del quarto trimestre.

Nell'ultimo trimestre la società di software Atoss ha fatto meglio del previsto: il risultato finale è che l'utile netto è aumentato dell'85% a 35,8 milioni di euro. Atoss vuole quindi proporre agli azionisti un dividendo di 3,37 euro a foglio. L'anno precedente il gruppo aveva pagato complessivamente 2,83 euro, compreso un dividendo straordinario di 1 euro.

Il boom delle offerte cloud e dei prodotti legati all’intelligenza artificiale (AI) ha visto le vendite di Microsoft aumentare di quasi un quinto, raggiungendo i 62 miliardi di dollari, nell’ultimo trimestre. I profitti sono aumentati di un terzo arrivando a quasi 22 miliardi di dollari. La società di software è considerata l'azienda di maggior valore al mondo con una capitalizzazione di mercato di oltre tre trilioni di dollari.

D’altro canto, Alphabet, la società madre di Google, non è riuscita a essere all’altezza del consenso del mercato: l’attività pubblicitaria di Google, la principale fonte di entrate della società Internet, è cresciuta dell’11% a 65,5 miliardi di dollari lo scorso trimestre, ma non così rapidamente come ha visto Wall Street. . è prevista. Gli analisti si aspettavano in media più di 65,8 miliardi di dollari. Il titolo è sceso temporaneamente di circa il 4% nelle contrattazioni after-hours.

Nonostante il forte potenziale di vendita dei suoi nuovi processori di intelligenza artificiale (AI), AMD ancora una volta ha fornito previsioni generalmente deludenti. Poiché la debole economia riduce la necessità di processori programmabili per automobili o dispositivi medici, martedì il produttore di chip ha previsto vendite sorprendentemente basse di 5,4 miliardi di dollari per il trimestre in corso – più o meno 300 milioni di dollari.

Elon Musk deve preoccuparsi di un blocco di azioni del valore di 56 miliardi di dollari, che lo rendono la persona più ricca del mondo. Un giudice dello stato americano del Delaware ha ritenuto che il CEO della società Musk avesse troppa influenza di fondo nell’approvare un piano di allocazione delle azioni nel 2018 perché si possa parlare di un processo equo. Nel processo ha sostenuto l'attore che vuole annullare l'accordo con Musk.

Nonostante i segnali di ripresa nel mercato dei chip di memoria, il leader del settore Samsung ha registrato ancora una volta significative perdite di profitti nel quarto trimestre del 2023. Su base annua il surplus è sceso del 73% a 6,3 trilioni di won (circa 4,39 miliardi di euro). Le vendite sono diminuite di quasi il 4% a 67,8 trilioni di won. Secondo i calcoli degli studiosi di mercato, lo scorso anno Apple ha scalzato Samsung dal primo posto tra i maggiori fornitori di smartphone.

La musica di artisti come Taylor Swift o Lady Gaga potrebbe scomparire dall'app video TikTok a partire da domani. La più grande compagnia musicale del mondo, la Universal Music, ha annunciato di non essere in grado di concordare una proroga dell'accordo di licenza, che scade il 31 gennaio. TikTok ha offerto a musicisti e cantautori solo una “frazione” dei soliti premi su altre piattaforme online simili, e di fatto sta guidando la “sostituzione degli artisti con l’intelligenza artificiale”.

Il colosso americano dello shopping Walmart vuole triplicare le sue azioni. La società ha annunciato la divisione delle sue azioni in tre azioni per una dopo la chiusura del mercato di ieri. Si dice che la mossa abbia come obiettivo i dipendenti Walmart. L'obiettivo è facilitare il loro accesso alle azioni nell'ambito del programma di coinvolgimento dei dipendenti del gruppo.

L’azienda farmaceutica svizzera Novartis vuole pagare di più ai suoi azionisti nel 2023 dopo aver aumentato i suoi profitti del 42% a quasi 8,6 miliardi di dollari. I dividendi dovrebbero aumentare dai 3,20 dell'anno precedente ai 3,30 franchi per azione. Novartis ha inoltre rivisto le sue prospettive a medio termine, prevedendo che le vendite al netto della valuta cresceranno in media del 5% dal 2023 al 2028.

Il fornitore di servizi di pagamento PayPal prevede di tagliare 2.500 posti di lavoro in tutto il mondo. Si tratta di circa il 9% della forza lavoro, secondo una lettera del presidente di PayPal Alex Chriss ai dipendenti dell'azienda, che Reuters ha potuto prendere visione. PayPal dovrebbe essere ridimensionato attraverso tagli diretti ed eliminazione dei posti vacanti durante tutto l'anno.