Febbraio 27, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Rapporto di mercato: i dati sull’inflazione statunitense danno impulso a Wall Street

Rapporto di mercato: i dati sull’inflazione statunitense danno impulso a Wall Street


Rapporto di mercato

Al: 12 dicembre 2023 alle 22:14

Le speranze di futuri tagli dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve americana sono supportate dagli attuali prezzi al consumo statunitensi. I prezzi sono saliti a Wall Street e il DAX ha raggiunto il massimo storico.

Dopo un inizio inizialmente debole, gli acquirenti sono tornati sui mercati azionari statunitensi. L’indice azionario Dow Jones ha chiuso in rialzo dello 0,5% a 36.577 punti. Anche l’indice più ampio Standard & Poor’s 500 è salito dello 0,5% a 4.643 punti. L’indice azionario tecnologico Nasdaq 100 è salito dello 0,8% a 16.354 posizioni.

L’inflazione statunitense, che ha continuato a diminuire come previsto, ha dato nuove speranze per un taglio dei tassi di interesse nel prossimo futuro. Circa il 40% degli operatori di mercato ritiene attualmente che il tasso di interesse di riferimento statunitense scenderà nuovamente alla riunione di marzo della Fed. Tre quarti di loro prevedono un calo a maggio. D’altro canto, una riduzione dei tassi d’interesse in estate è quasi certa.

Il Dipartimento del Lavoro americano ha affermato che i prezzi al consumo sono aumentati del 3,1% a novembre rispetto allo stesso mese dell’anno scorso. Nel mese di ottobre il tasso era del 3,2%. A novembre l’inflazione core è rimasta al 4,0%. Al tasso base viene prestata particolare attenzione da parte della Federal Reserve statunitense. Secondo gli esperti riflette l’andamento generale dei prezzi meglio della media generale perché sono escluse le componenti esposte alle fluttuazioni come energia e generi alimentari.

“Questi numeri erano sostanzialmente in linea con le aspettative degli analisti”, ha commentato Brian Jacobsen, capo economista presso l’asset manager Annex. “Ciò non cambia realmente la narrazione in corso. La Fed probabilmente riferirà sui suoi progressi nel domare la bestia dell’inflazione e sottolineerà che c’è ancora del lavoro da fare.”

“I dati odierni sull’inflazione sono un dato sostanzialmente neutrale per la Fed”, ha affermato l’esperto Thomas Getzel della VP Bank. Commerzbank guarda anche al futuro: “Le aspettative del mercato riguardo a imminenti tagli dei tassi di interesse probabilmente vanno oltre i gusti della Fed. Si prevede quindi che il presidente della Fed Powell cercherà di smorzare le speculazioni su tagli dei tassi di interesse nella conferenza stampa dopo la riunione di domani. l’incontro.” Secondo la valutazione di Commerzbank.

Domani è prevista la decisione finale sui tassi di interesse statunitensi per l’anno, e giovedì la Banca Centrale Europea si riunirà per la sua riunione sui tassi di interesse. La speranza di tassi di interesse guida più bassi è stata per diverse settimane il carburante più importante nei mercati azionari.

L’indice DAX aveva precedentemente chiuso intorno al livello del giorno precedente a 16.791,74 punti. Subito dopo l’inizio delle contrattazioni, l’indice leader tedesco ha raggiunto il livello record di 16.833 punti, ma non è riuscito a difendere questo livello a causa della mancanza di nuovi impulsi. L’analista Michael Hewson della società di brokeraggio CMC Markets ha parlato di uno slancio debole.

Finché il DAX verrà scambiato al di sopra dei 16.500 punti, secondo la valutazione dei tecnici grafici di ING, i prezzi dovrebbero continuare a salire. “Il prossimo obiettivo sul lato alto sarà il punteggio perfetto di 17.000 punti.”

“Nessun investitore vorrebbe perdersi il balzo del DAX sopra quota 17.000, mentre soprattutto gli investitori istituzionali dovrebbero migliorare i loro bilanci dopo un anno così forte sul mercato azionario, acquistando titoli che stanno andando bene”, ha commentato Konstantin Oldenberger, analista di mercato. . Nei mercati CMC.

L’Euro non si è mosso in modo significativo oggi a causa del rilascio dei prezzi al consumo negli Stati Uniti. Nel pomeriggio la moneta unica costava 1,0788 dollari. Questo era leggermente superiore a quello dei primi scambi. La Banca Centrale Europea ha fissato il prezzo di riferimento a 1,0804 (lunedì: 1,0757) dollari. L’euro ha ricevuto in mattinata un sostegno temporaneo dalle prospettive economiche positive dello ZEW.

Le previsioni economiche degli esperti finanziari tedeschi sono migliorate per il quinto mese consecutivo a dicembre. L’indicatore del sentiment dell’Istituto di ricerca ZEW è salito di 3,0 punti a 12,8 punti rispetto al mese precedente. È il miglior valore dell’indice da marzo. In media, gli analisti si aspettavano un leggero calo dell’indice economico a 9,5 punti. A ciò ha contribuito, secondo il presidente della ZEW Achim Wambach, “il fatto che è raddoppiata la percentuale di partecipanti che si aspettano che la BCE tagli i tassi di interesse a medio termine”.

Le due parti hanno annunciato che la società irlandese di leasing di aerei Avolon ha ordinato ad Airbus altri 100 aerei A321neo a corto raggio. Nel frattempo, la seconda società di leasing aeronautico più grande del mondo ha ordinato 40 aerei Boeing 737 MAX. La consegna degli aerei è prevista entro il 2032. Avolon ha ora ordinato un totale di 292 aerei della famiglia A320neo. A settembre la compagnia aerea con sede a Dublino aveva già ordinato 20 aeromobili A330neo per la sua flotta a lungo raggio. Avolon possiede il 70% della cinese Bohai Leasing.

MSC, importante compagnia marittima e concorrente della Hapag-Lloyd, ha raggiunto una tappa importante nel suo previsto ingresso nel gruppo logistico del porto di Amburgo HHLA. MSC ha annunciato che, trascorso il secondo periodo di accettazione, circa il 92,3% delle azioni di HHLA potranno essere attribuite al Gruppo e alla Città Libera e Anseatica di Amburgo. La più grande compagnia di spedizioni di container al mondo e la città di Amburgo avevano precedentemente concordato di dividere tra loro l’HHLA. L’accordo causò scompiglio nell’economia della città anseatica. La cittadinanza di Amburgo e le autorità antitrust devono ancora approvarlo.

Il riassicuratore Hannover Re prevede un grande aumento degli utili per il prossimo anno. Lo ha annunciato in occasione dell’Investor Day di Hannover il surplus che dovrebbe superare i 2,1 miliardi di euro nel 2024. L’obiettivo di profitto è quindi superiore del 24% rispetto agli almeno 1,7 miliardi di dollari fissati dal CEO Jean-Jacques Henchoz per il 2023. alti profitti. Si prevede che gli utili sottostanti aumenteranno ogni anno dal 2024 al 2026.

Le azioni del produttore di motori MTU tendono al ribasso. Già al mattino il titolo aveva perso fino al 6%. Secondo un rapporto del servizio informativo specializzato FlightGlobal, l’autorità di regolamentazione aeronautica statunitense FAA sta pianificando requisiti di manutenzione più rigorosi per i motori turbofan PW1100G, prodotti da Pratt & Whitney in collaborazione con MTU. Sono stati colpiti 430 motori immatricolati negli USA. Tuttavia, non è chiaro se le norme vadano oltre la manutenzione aggiuntiva già nota.

Ieri sera i dati del rivale SAP Oracle sono stati deludenti: Oracle ha fatto meno affari del previsto nel secondo trimestre. Le vendite totali sono aumentate del 5% anno su anno raggiungendo i 12,9 miliardi di dollari. Nell’importante settore del cloud con software e servizi di rete, il ritmo di crescita è rallentato per la seconda volta consecutiva. Le azioni Oracle sono scese di oltre l’8% dopo la chiusura della chiusura. SAP Papers ha ora recuperato le perdite.

Il produttore specializzato di impianti Gea vuole ridurre a zero le emissioni di gas serra entro il 2040 e sta investendo molto per raggiungere questo obiettivo. Il produttore di impianti per l’industria alimentare e delle bevande ha annunciato oggi di voler investire complessivamente 175 milioni di euro. Il CEO Stefan Kleppert vuole inoltre accelerare la riduzione delle emissioni nei prossimi anni e raggiungere nel 2026 l’obiettivo originariamente previsto per il 2030: una riduzione del 60% delle emissioni di gas serra.

Il gruppo di tecnologia medica Carl Zeiss Meditec MDAX prevede una ripresa graduale dopo il calo dei margini di profitto nell’ultimo anno finanziario. Secondo l’azienda, a causa della diminuzione delle scorte di beni di consumo in Cina e dell’introduzione di nuovi sistemi di acquisto nel paese, il ritmo di crescita dovrebbe temporaneamente diminuire rispetto all’anno precedente. Ma nella seconda metà dell’anno, il risultato operativo (EBIT) e l’utile sulle vendite al lordo di interessi e tasse (margine EBIT) dovrebbero essere superiori rispetto alla seconda metà del 2022/23. Nell’anno finanziario 2022/23 l’EBIT è sceso a 348 milioni di euro (anno precedente: 397 milioni), mentre il fatturato è aumentato del 9,8% a 2,09 miliardi di euro.

Il gigante dei giocattoli Hasbro ha deciso di tagliare quasi il 20% dei suoi posti di lavoro dopo che i suoi affari sono stati più deboli del previsto a Natale. Hasbro prevedeva un calo nei primi nove mesi di quest’anno dopo il rafforzamento degli affari nel contesto della pandemia di coronavirus, ma ora è chiaro che i “venti contrari” continueranno nel 2024, ha scritto lunedì il presidente dell’azienda Chris Cox in una e-mail ai dipendenti. Si prevede l’eliminazione di 1.100 posti di lavoro.

Lo sviluppatore di giochi americano Epic Games ha prevalso in una controversia legale con Google sulle pratiche del colosso tecnologico nel suo app store. Secondo i documenti del tribunale, la corte si è pronunciata a favore del produttore di giochi “Fortnite” su tutte le accuse. Il Play Store rappresenta quindi un monopolio illegale e Google ha annunciato ricorso. La sentenza significa un’amara sconfitta per Google, che, insieme ad Apple, gestisce uno degli app store più grandi del mondo. Se questa sentenza fosse valida, potrebbe cambiare l’intero business dell’App Store e dare agli sviluppatori maggiore influenza sul modo in cui vengono distribuite le loro app.