Novembre 29, 2021

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Rainer Koch: Accuse serie: ha sulla coscienza tre presidenti della DFB? – calcio

Il duro disegno di legge di Fritz Keeler (64) ha scosso la DFB e i suoi 7,1 milioni di membri!

170 giorni dopo le sue dimissioni da presidente della Federcalcio tedesca, ha sollevato in Sport Bild gravi accuse contro il nepotismo nella Federcalcio tedesca – e soprattutto contro il presidente ad interim Rainer Koch (62)!


Presidente della Federcalcio tedesca dal 27 settembre 2019 al 17 maggio 2021: Fritz KeelerFoto: picture alliance / SvenSimon

Keeler lo accusa di “perdere ogni bussola morale”. Koch, giudice di professione, è uno che “ha truccato le sue macchinazioni per anni. Mette un’enorme pressione sulle persone dentro e fuori la DFL con le squadre di corda”.

Continua Keeler: “Nella stragrande maggioranza dei casi, il problema con la DFB sono i funzionari che non vedono il calcio, ma solo se stessi. Quelli che considerano la DFB un negozio self-service (…) e che si sconfiggono a vicenda. . “

Koch, secondo Keeler nella rivista SPORT BILD, “ha trasformato il DFB in una fossa di serpenti. Un capo dopo l’altro è stato portato dentro e ucciso”.

Quindi Koch ha sulla coscienza gli antenati Reinhard Grindel (60) e Wolfgang Niersbach (70) oltre a Keller?

In BILD, entrambi affrontano il presidente ad interim della FA!

Grindel (in carica 2016-2019): “Fritz Keeler ha ragione. La cosa brutta è che le macchinazioni di Rainer Koch hanno sempre distrutto l’integrità della Federcalcio tedesca. Pertanto, un nuovo inizio nella Federcalcio tedesca non può che essere credibile se non lo è più Koch è un membro della Presidenza UEFA e del Comitato Esecutivo.


Presidente della Federcalcio tedesca dal 15 aprile 2016 al 2 aprile 2019: Reinhard Grindel

Presidente della Federcalcio tedesca dal 15 aprile 2016 al 2 aprile 2019: Reinhard GrindelFoto: Photo Alliance / augenklick / firo Sportphoto

In SPORT BILD, Keeler ha parlato delle “sporche campagne contro i miei predecessori e contro di me”, che Koch almeno ha contribuito a lanciare attraverso il media advisor Kurt Dieckmann promosso dalla Federcalcio tedesca”.

Grendel ha dichiarato: “Il croupier Kurt Dieckmann ha causato ingenti danni alla DFB e sta ancora ricevendo un contratto da 360.000 euro poco dopo il mio mandato. Non capisco perché il comitato etico della DFB non abbia indagato sulla rete dei rapporti tra Koch e Dieckmann per tanto tempo”.

Keeler fornisce anche un esempio dei suoi rapporti con il suo ex capo ufficio Sami Hamama (37).

Keeler: “Gli è stato detto che la sua carriera non sarebbe stata danneggiata se avesse disegnato qualcosa che mi condannasse. Quando ha rifiutato, è stato licenziato senza preavviso poche ore dopo (perché aveva accesso non autorizzato a un disegno di legge di Dickman; ndr).”

Niersbach tira forte anche contro Koch! L’ex presidente (dal 2012 al 2015) si sente tradito nel corso della rivelazione della sua fiaba dell’estate 2006.

Niersbach: “È vero che i membri del Comitato Esecutivo mi hanno detto all’epoca che Rainer Koch avrebbe dovuto avere informazioni in anticipo su una prevista pubblicazione di Spiegel sulla Coppa del Mondo 2006. È vero che Rainer Koch non mi ha detto nulla e invece mi ha accusato di non aver informato la Presidenza.


Presidente della Federcalcio tedesca dal 2 marzo 2012 al 9 novembre 2015: Wolfgang Niersbach

Presidente della Federcalcio tedesca dal 2 marzo 2012 al 9 novembre 2015: Wolfgang NiersbachFoto: picture alliance / AP Photo

Contro il tesoriere d. Stefan Osnabruge (50 / “A volte decide di invertire il consiglio esplicito di esperti interni ed esterni”) e l’ex segretario generale Friedrich Curtius (45 / “Lascia che troppe cose vadano sprecate e si toglie la responsabilità”) consegna Keller.

Come reagisce Koch?

Non vuole commentare le accuse riguardanti l’applicazione BILD. Reinhold Beyer, vicepresidente della Federcalcio bavarese, guidata da Koch, salta al suo fianco: “Forse i pugni verbali completi di Keeler aiuteranno a superare il proprio fallimento”.

Cosa dice la Federcalcio tedesca?

In una dichiarazione a “Spiegel”, la Federazione tedesca ha dichiarato che “le accuse di Fritz Keeler e la sua visione del passato sono state prese con indignazione. Molte delle affermazioni del sig. Keeler nella suddetta intervista sono affermazioni di fatti non suffragate da alcun fatto e quindi infondate, nonché valutazioni che non condividiamo”.

Cosa succederà nella Federazione tedesca?

Il nuovo presidente sarà eletto nel prossimo Bundestag l’11 marzo a Francoforte (dalle federazioni statali e regionali e dalla Federcalcio tedesca).

Keeler: “Può avere successo solo dopo che Koch se ne sarà andato”.

Il presidente del consiglio di sorveglianza della lega calcistica tedesca Peter Peters (59) ha annunciato la sua candidatura. Secondo informazioni BILD, le associazioni regionali e statali favoriscono l’ex segretario di Stato Bernd Neuendorf (60).

Ma secondo le affermazioni di Keeler, probabilmente c’è di più che un semplice scambio di persone.

READ  Manchester United: solo Ronaldo in panchina, Rangnick non in campo