Maggio 20, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Quest’estate: Market strategist avverte della recessione: ecco come dovrebbero posizionarsi gli investitori | newsletter

Rosenberg: Il mercato immobiliare e il mercato azionario sono in bolla
Lo stratega si interroga sui tempi dell’aumento dei tassi di interesse
Combatti l’inflazione elevata: l’esperto prevede la recessione

David Rosenberg, presidente, capo economista e stratega di Rosenberg Research & Associates Inc. La Fed con sede a Toronto dovrebbe tenere sotto controllo l’inflazione con una serie di aumenti dei tassi di interesse previsti, che mercoledì scorso hanno visto un aumento iniziale di 0,25 punti percentuali, ha riferito MarketWatch, ma a un costo elevato. Rosenberg crede che l’economia statunitense scivolerà in recessione e mette in dubbio i tempi della Federal Reserve per una politica monetaria più restrittiva perché sta già vedendo segni di rallentamento dell’economia. Pertanto, a suo avviso, l’unico modo per la Fed di frenare l’inflazione è attraverso la stagnazione. Ci vorrà la distruzione della domanda per ridurre l’inflazione, ha affermato lo stratega.

In un’intervista telefonica con MarketWatch, che secondo il sito di notizie è stata modificata per lunghezza e chiarezza, Rosenberg ha parlato di quella che si aspetta essere una recessione e ha offerto consigli su come gli investitori possono posizionarsi in queste circostanze.

Il mercato immobiliare è in bolla

Secondo Rosenberg, il mercato immobiliare è attualmente almeno in una bolla grande quanto il mercato azionario – che, secondo l’esperto, rischia di scoppiare. Il settore immobiliare, che ha beneficiato di anni di politica monetaria accomodante, è impantanato nel caos di una bolla dei prezzi. Secondo Rosenberg, il rapporto prezzo/reddito è più o meno lo stesso del 2006 e del 2007 e, proprio come all’epoca, nessuno vuole credere che il settore immobiliare sia attualmente bloccato in una bolla.

Sebbene i prezzi delle case siano stati storicamente uno o due punti percentuali al di sopra dell’inflazione, attualmente sono aumentati di 12 punti percentuali. Gli immobili residenziali sono una buona protezione contro l’inflazione, ma il surplus è praticamente senza precedenti, secondo l’esperto. “Avremo un mercato ribassista del 20%-30% nel settore immobiliare, che è moderato”, ha affermato MarketWatch cita Rosenberg. Ancora una volta, secondo lo stratega, nessuno sembrava crederci, per non parlare di prepararsi.

READ  La filiale Edica ritira l'olio dalla gamma - "ci sono limiti"

È la Federal Reserve che alla fine tira fuori il tappeto dal mercato immobiliare, poiché l’edilizia abitativa è il settore dell’economia più sensibile ai tassi di interesse. Qualsiasi scoppio di bolle immobiliari innescato dalla Fed ha anche giocato un ruolo importante nell’eventuale recessione, ha affermato Rosenberg, data l’importanza del settore e il suo impatto come moltiplicatore sull’economia in generale. Non si può presumere che il settore immobiliare reagisca a un ciclo dei tassi di interesse in aumento nello stesso modo in cui reagisce a un ciclo in calo.

I prezzi alti fanno male all’economia

Alla domanda su quanto sia fiducioso Rosenberg nel piano della Fed di aumentare i tassi di interesse per raffreddare l’inflazione e far scendere l’economia, Rosenberg ha detto a MarketWatch che gli aumenti dei tassi della Fed di solito arrivano in momenti difficili per l’economia. La capacità della Fed di portare l’economia al rallentamento senza causare deflazione è storicamente una scommessa su quattro. Attualmente, la Fed sta alzando i tassi su una curva dei rendimenti piatta in un contesto di rischi geopolitici eccessivi e un mercato dei capitali altamente volatile.

Secondo lo stratega, alcune componenti chiave economicamente sensibili del mercato azionario sono attualmente in forte correzione o in un mercato ribassista, compresi i titoli ciclici dei servizi di consumo; parti di automobili; Anche la pubblicità sui media e sui titoli Lettere minuscole, che sono sempre forieri del lavoro e veri e propri riflessi dell’economia locale. Secondo Rosenberg, questi indicano che una recessione è imminente. Come spiega l’esperto, il rapporto sull’occupazione di ADP mostra che le assunzioni nelle piccole imprese sono diminuite a febbraio: tutte le assunzioni erano nel settore delle grandi imprese.

READ  Messaggi vocali dall'abitacolo: Non toccarmi, sono Tesla!

Rosenberg crede che la Fed stia aumentando i tassi ora perché è preoccupata per la sua credibilità ed è sottoposta a un’enorme pressione politica: la Fed è sotto pressione da Wall Street, dal mondo accademico, dai media e dalla classe politica per aumentare i tassi. “Non invidio nemmeno un po’ Jay Powell”, ha detto Rosenberg. Ha detto a MarketWatch che se è alla Fed, farebbe meglio a spiegare perché ora non è il momento migliore per aumentare i tassi.

La risposta della Fed è troppo tardiva?

Per quanto riguarda il quantitative easing, Rosenberg afferma di averlo interrotto molto tempo fa perché non ha fatto nulla per Main Street, ma ha piuttosto arricchito le persone a Wall Street. Si potrebbe obiettare che forse il grande errore della Fed non è stato agire prima, ha detto Rosenberg. Secondo lui, il momento in cui il processo di normalizzazione della politica avrebbe dovuto iniziare è stato un anno fa, ma il treno è partito. “Non creerò più incertezza inasprindo la politica monetaria ora. Ma la Fed si è messa alle strette”, secondo MarketWatch Rosenberg. La vera domanda è fino a che punto la Fed vuole confermare i sette aumenti dei prezzi di mercato entro la fine dell’anno.

Come dovrebbero posizionarsi gli investitori

Se l’economia dovesse effettivamente girare nella direzione opposta, Rosenberg raccomanda agli investitori di avere una riserva di liquidità. I contanti forniscono risorse alle persone per acquistare beni che scoraggiano l’inflazione. “Vuoi essere molto strategico. Riduci la sensibilità economica del tuo portafoglio e sii molto difensivo”, consiglia l’esperto di consigliare agli investitori di investire nei settori dei servizi pubblici, dei beni di consumo e della sanità. Rosenberg ritiene inoltre che i titoli della difesa siano un buon modo per proteggersi dai crescenti rischi geopolitici ora con budget militari in aumento in tutto il mondo. Ci sono anche buone notizie per le esportazioni di GNL nordamericane e altre potenziali fonti di energia pulita, poiché la guerra in Ucraina costringe l’Europa a diversificare le sue fonti energetiche.

READ  t3n - Pionieri digitali | La rivista per il business digitale

Nel frattempo, c’è un caso insolito con le materie prime. L’indice CRB ha raggiunto nuovi massimi, secondo Rosenberg, mentre i titoli dei materiali S&P rimangono vicini al territorio di correzione. C’è una discrepanza tra stock di materiali e materie prime effettive. Pertanto, si consiglia agli investitori di essere molto selettivi sulle materie prime.

Rosenberg si aspetta anche un interessante punto di ingresso dopo la recessione economica che aveva previsto rendimenti sui titoli di stato statunitensi. Quindi i titoli di stato di solito producono rendimenti positivi durante le recessioni, indipendentemente dal fatto che vi sia o meno un ambiente inflazionistico recessivo.

Quando arriverà la recessione?

Rosenberg sottolinea che l’economia statunitense sta già ristagnando in termini di salari reali. Al momento dell’intervista, il reddito settimanale mediano reale era negativo per cinque mesi consecutivi. C’è una correlazione di oltre il 90 per cento tra spesa reale e reddito reale, ha detto lo stratega, e solo pochi mesi di ritardo separano i due.

“Abbiamo superato l’80% di questo ciclo. Quest’estate porterà a una recessione”, ha detto Rosenberg a MarketWatch. Secondo le sue previsioni, la recessione dovrebbe essere tra giugno e agosto, ovvero nel secondo trimestre o all’inizio del terzo trimestre del 2022.

redazione finanzen.net

Fonti immagine: Reha Mark/Shutterstock.com, conrado/Shutterstock.com