Maggio 20, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Barare è facile: come l’Italia arricchisce ancora di più i cittadini ricchi: l’economia

“Madonna Santa!” Dice Emilia Romagna, imprenditore edile. “Il governo italiano è matto! Vuole imbrogliare”. Secondo quanto riferito, ha detto a un partner al telefono che stava piovendo incredibili quantità di denaro. Ma gli avvocati lo chiedono di nascosto. Sono sospettati di essere il capo di una banda diffusa che avrebbe sottratto 278 milioni di euro in cinque mesi in una serie di truffe. “Non sai nemmeno in quale parte del mondo aprire conti”, si vanta l’uomo d’affari, chiedono gli investigatori.

In effetti, il governo distribuisce denaro generosamente. Nella primavera del 2020, durante il blocco della Grande Corona, il governo romano ha introdotto un piano per aumentare l’efficienza energetica degli immobili residenziali. All’epoca, l’Italia era coinvolta in un coprifuoco di due mesi, con l’economia che crollava e il presidente del Consiglio Giuseppe Conte aiutava finanziariamente. Chiamare la sovvenzione generosa sarebbe un aspetto negativo. Il costo del cambiamento climatico è interamente a carico dello stato, più un rimborso fiscale del dieci per cento.

“Consentiamo a tutti di ristrutturare edifici gratuitamente. Gratuitamente”, ha annunciato Conte l’8 maggio 2020. Il popolare capo del governo ha promesso che nessuno avrebbe dovuto spendere un centesimo per la ricostruzione. Isolamento termico, impianti di riscaldamento, moduli fotovoltaici, finestre e colonnine di ricarica per veicoli elettrici: tutto è gratis. Nasce il “superfonus 110 percento” italiano. Andrà bene? No.

Adesso Mario Draghi vuole almeno fermare l’eccesso. In due mesi, gli investigatori fiscali di tutto il paese hanno scoperto un totale di 4,4 miliardi di crediti fasulli. I pubblici ministeri sono riusciti a sequestrare 2,3 miliardi di euro. Le società Shell scrivevano fatture per lavori che non avevano mai svolto prima e poi riscuotevano crediti d’imposta. I macellai hanno anche emesso fatture per la ristrutturazione degli appartamenti. Il ministro delle finanze Daniel Franco ha definito la frode “una delle più grandi truffe che la Repubblica abbia mai visto”. Significa qualcosa in Italia. Una cosa è certa: il cambiamento di energia sta procedendo lentamente.

READ  La barca di Putin minacciata di sequestro in Italia

33 miliardi di euro, a vantaggio principalmente dei ricchi

Adesso a Roma il governo ha tirato il freno d’emergenza. Ha inasprito le regole dei super bonus. La possibilità di rivendere è limitata ogni volta che si desidera una detrazione fiscale del 100%. Perché ha portato a un commercio vivace e opaco nei pagamenti dei bonus. Tragi ignorò con rabbia coloro che avevano causato il caos. “Siamo in questa situazione ora perché volevano stabilire un sistema con pochissimo controllo”, ha sottolineato.

Ma lo strappo illegale non sarà il peggior risultato del piano statale da ப 33 miliardi. Il flusso di cassa da solo sta avendo un impatto duraturo. Perché: il paese fortemente indebitato sta facendo profondi buchi nel bilancio nazionale promuovendo il settore delle costruzioni, che è già afflitto dall’inflazione. Anche la straordinaria campagna gratuita non è buona per il futuro. La bolla artificiale nel settore edile sta condizionando il successo degli investimenti dell’European Recovery Fund.

Il progresso dell’Italia è interessante anche per i suoi vicini. Nell’UE, tre quarti degli edifici sono efficienti dal punto di vista energetico. Allinearli può ridurre le emissioni dannose per il clima fino al cinque percento. Ma nemmeno l’uno per cento degli elementi costitutivi nell’UE viene modernizzato ogni anno. Se gli europei vogliono raggiungere il loro obiettivo climatico di ridurre le emissioni di gas serra del 55% in meno rispetto al 1990 in questo decennio, devono essere compiuti grandi sforzi anche nel settore immobiliare. Sono richieste efficaci misure di sostegno.

Il “Superphone” romano è un esempio di prevenzione di stimoli economici ingannevoli nei libri di testo economici.

READ  Guerra in Ucraina: Italia e Spagna trasferiscono le ambasciate a Kiev

Mentre i proprietari di case erano entusiasti, la politica del tutto gratuito ha capovolto il mercato. L’eliminazione del conflitto di interessi tra proprietari e costruttori ha aumentato i costi di ristrutturazione. Perché controllare le offerte? Perché negoziare? “Tando, Baga Lo Stado” – Il governo paga comunque. In altre parole: generazioni future. Perché il programma di stimolo economico è finanziato dal debito. Il boom della domanda di tempesta ha fatto il suo dovere. I ponteggi non sono stati scoperti in Italia. Il loro costo è triplicato. Secondo l’Enea, i prezzi degli impianti di riscaldamento sono aumentati del 286 per cento e quelli degli infissi del 208 per cento.

Come risultato del programma di sostegno, i costi per tutti i progetti di costruzione sono aumentati

Il progetto non solo ha aumentato il costo della ristrutturazione rispettosa del clima, ma ha anche aumentato il costo di tutti i progetti di costruzione. “Stiamo somministrando farmaci a un’industria in cui l’offerta è bassa e l’inflazione è dilagante”, ha affermato Giancarlo Giorgi, ministro dell’Industria a Drake. Altri settori di importanza strategica per il futuro economico dell’Italia, invece, sono lasciati a se stessi.

Il “super bonus” non può nemmeno essere valutato come un grande contributo alla protezione del clima. L’efficienza degli investimenti in sovvenzioni è diminuita del 28% rispetto ai precedenti schemi di incentivi. Dal punto di vista sociale, l’effetto della campagna di donazioni finanziarie per prestiti è altamente discutibile. Ciò favorirà unilateralmente i migliori. Tradizionalmente, più della metà dei sussidi nel settore immobiliare va a beneficio del 15 per cento dei contribuenti italiani. Secondo il rapporto mensile dell’Agenzia per l’energia Enea, in Piemonte esiste addirittura un forte, ricostruito per oltre un milione di euro. «Utilizziamo fondi pubblici per aumentare il valore della proprietà privata e lasciamo la città per costruire alloggi comunitari», lamenta Pierre Francesco Maran, capo dell’Edilizia di Milano.

READ  Italia: Elettrificazione e Robot | Gabot.de

L’equilibrio intermedio del piano di ristrutturazione è distruttivo. “Ristrutturare lo 0,9 per cento del patrimonio immobiliare italiano ci è costato 20 miliardi di euro”, ha affermato CGIA, società economica con sede a Maestro. Ci vorrebbero due trilioni di euro per convertire il patrimonio immobiliare totale del Paese. Quanto segue si applica alla maggior parte degli edifici in Italia: Necessità di ristrutturazioni urgenti. Ma sfortunatamente questo non è più finanziariamente fattibile.