Maggio 22, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Quasi 40 paesi sono stati rimossi dall’elenco dei rischi Corona

Il governo federale domenica ha rimosso quasi 40 paesi dall’elenco delle aree ad alto rischio di Corona, inclusi i paesi dell’UE Italia, Polonia e Belgio. I viaggiatori provenienti da paesi non classificati come aree ad alto rischio hanno maggiori probabilità di tornare in Germania. Nessun Paese è stato riclassificato come area ad alto rischio.

Paesi dell’UE rimossi dall’elenco

  • Belgio, Bulgaria, Italia, Croazia, Lussemburgo, Polonia, Svezia, Ungheria. I seguenti territori stranieri della Francia: Guadalupa, Saint Barthelemy, Saint Martin – così come i seguenti territori stranieri dei Paesi Bassi: Aruba, Bonaire, Curaோao, Saint Eustatius, Sabah, Saint Martin.

Inoltre, sono stati rimossi dall’elenco dei rischi

  • Albania, Antigua e Barbuda, Argentina, Australia, Bangladesh, Belize, Bolivia, Bosnia ed Erzegovina, Colombia, Ecuador, Grenada, Guyana, Iraq, Kosovo, Madagascar, Montenegro, Macedonia del Nord, Panama, Perù. , San Marino, Serbia, Seychelles, Suriname e Ucraina.

Chiunque entri nel Paese da una zona ad alto rischio che non sia stato vaccinato del tutto – cioè il doppio della norma – o chi si sia ripreso dovrebbe rimanere in isolamento per dieci giorni e poter partire velocemente con un test negativo entro cinque giorni dopo l’ingresso. Per i bambini di età inferiore ai sei anni, l’isolamento termina automaticamente cinque giorni dopo il ricovero.

La classificazione delle aree ad alto rischio è collegata all’avviso di viaggio del Ministero degli esteri federale per turismo non essenziale. Ciò rende più facile per i turisti cancellare gratuitamente i viaggi già prenotati, ma ciò non significa che sia loro impedito di viaggiare. I paesi e le regioni particolarmente ad alto rischio di infezione sono classificati come aree ad alto rischio. Tuttavia, il numero di infezioni da solo non è fondamentale per questo. Altri criteri includono la velocità di trasmissione del virus, il carico sul sistema sanitario e la mancanza di dati sullo stato della corona.

READ  Vacanze in Italia Nonostante la Corona: valgono queste regole