Aprile 17, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Putin prima della guerra nucleare? Più è probabile che lo faccia.

Putin prima della guerra nucleare?  Più è probabile che lo faccia.

Henry Kissinger è uno che conosce Vladimir Putin da molto tempo e lo ha incontrato spesso. Il diplomatico americano parla delle motivazioni del sovrano del Cremlino e della possibilità di una guerra nucleare.

Henry Kissinger è uno dei politici più influenti del ventesimo secolo. Il professore dell’Università di Harvard ed ex Segretario di Stato degli Stati Uniti ha prestato servizio sotto i presidenti repubblicani Richard Nixon e Gerald Ford ed è stato in gran parte responsabile delle grandi linee della politica estera americana. Kissinger, che compie 100 anni il 27 maggio, è un importante stratega politico.

In un’intervista con Zeit, ora commenta la guerra in Ucraina, i suoi incontri con il sovrano russo Vladimir Putin e la possibilità di una guerra nucleare. “Non credo che Putin userà armi nucleari per difendere le sue conquiste in Ucraina. Ma più si arriva al cuore dell’identità russa, più è probabile che lo faccia”.

Kissinger e Putin a un incontro al Cremlino, 2008.
Henry Kissinger e Vladimir Putin (a destra) durante un incontro al Cremlino nel 2008. (Fonte: AFP)

Kissinger ha detto delle motivazioni di Putin per invadere le sue forze nel paese vicino, distruggendo intere città e commettendo i crimini più gravi contro la popolazione civile: “Penso che si sia esagerato. Penso che abbia avuto l’impressione di non aver preso la cosa sul serio. Per lui, l’Ucraina è un simbolo di umiliazione per la Russia.” .

“Sarebbe molto pericoloso per la Russia usare armi nucleari”.

Il sentimento di umiliazione sembra essere accompagnato da un’inaspettata arroganza, osserva lo scrittore russo Vladimir Sorokin. Vede la “principale tragedia del nostro Paese” nell’eccessiva identificazione del despota con il suo popolo. Putin si considera uguale alla Russia e, come Ivan il Terribile, lo spietato sovrano del Medioevo, ha incoronato l’uomo del Cremlino in cima alla gerarchia di potere della Russia.

“L’essenza della piramide del potere è che la persona seduta in cima trasmette la psicosomatica all’intero paese”, afferma Sorokin. Una parte importante della psicosomatica è il modo in cui pensa un ufficiale del KGB, che Putin “non è uscito da se stesso”.

L’ex diplomatico probabilmente ha condiviso l’analisi di Kissinger. Conosce personalmente Putin e ha incontrato per la prima volta negli anni ’90 l’ex ufficiale del KGB, ancora sconosciuto al di fuori della Russia. Putin ha detto a Kissinger di aver iniziato la sua carriera nell’intelligence. Kissinger ha risposto: “Tutte le brave persone iniziano la loro carriera nell’intelligence. Anche io”.

Il presidente degli Stati Uniti Richard Nixon (a sinistra) con il segretario alla Difesa Kissinger a bordo di AirForceOne (foto d'archivio).
Il presidente degli Stati Uniti Richard Nixon (a sinistra) con il segretario alla Difesa Kissinger a bordo di AirForceOne (foto d’archivio). (Fonte: Batman)

Kissinger è uno dei pochi americani con accesso esteso all’autocrate russo. Fino alla fine, ha incontrato Putin regolarmente per colloqui, a volte al Cremlino, a volte a casa di Putin. Sa cosa fa battere Putin e cosa lo preoccupa. Quando l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha voluto allineare la politica degli Stati Uniti verso la Russia più strettamente con il Cremlino nel 2016, Kissinger si è offerto di mediare.

Di recente, ci sono stati segnali da Mosca per coinvolgerlo come mediatore nella guerra in Ucraina. Ma Kissinger ha rifiutato. Non vuole interferire con l’attuale governo.

Riguardo alle ripetute minacce di Putin nei primi mesi della guerra contro l’Ucraina, che violava il diritto internazionale, di usare armi nucleari se necessario, Kissinger ha detto a Die Zeit: “Sarebbe molto pericoloso per la Russia usare armi nucleari. Perché l’Occidente non può consentire alle armi nucleari di diventare un fattore decisivo nella guerra.

Il dubbio ruolo di Kissinger in Vietnam e Cile

Se dovesse verificarsi un tale scenario nucleare, vede davanti a sé un’era oscura. Kissinger, nato a Fürth in Franconia nel 1923 e fuggito negli Stati Uniti con la sua famiglia dai nazisti all’età di quindici anni, parla in questo contesto di una nuova dimensione dell’armamento globale. “Questo porterebbe all’armamento nucleare di tutte le nazioni. Quindi le armi nucleari diventerebbero convenzionali”. L’Occidente deve chiarire che le armi nucleari non possono essere una soluzione ai problemi politici. Solo la politica stessa, cioè la diplomazia, può farlo.