Maggio 26, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Provocazione: gli aerei russi continuano ad avvicinarsi ai piloti americani

Provocazione: gli aerei russi continuano ad avvicinarsi ai piloti americani

Di recente, aerei da combattimento russi e americani si sono pericolosamente avvicinati l’uno all’altro sopra la Siria. Ora la parte statunitense sta facendo accuse serie.

Quando la provocazione diventa una rissa? E quando il combattimento si trasforma in guerra? Queste due domande stanno ora preoccupando il Comando Centrale degli Stati Uniti. Nelle ultime settimane ci sono stati frequenti scontri tra combattenti americani e russi sulla Siria. E possono diventare pericolosi a un certo punto.

Entrambi i paesi sono attivi militarmente nell’aria lì. E la rete americana CNN ha citato un portavoce del Comando centrale Usa, secondo cui i piloti russi hanno più volte cercato di provocare in aria gli americani nelle ultime settimane. Questo è un modello di comportamento nuovo e più aggressivo.

Secondo il colonnello americano Joe Buccino, i russi non erano interessati ad abbattere direttamente gli americani. La CNN ha affermato che si trattava solo del coinvolgimento degli Stati Uniti in un “incidente internazionale”. L’emittente ha anche riportato un video del 2 aprile di un caccia russo SU-35 che intercetta un caccia statunitense con un comportamento “non sicuro e poco professionale”.

Un riavvicinamento pericoloso che i russi cercano espressamente

Si dice che un altro video, questa volta del 18 aprile, mostri un jet russo che emerge da uno spazio aereo concordato e si avvicina a un aereo statunitense a una distanza di poco più di 600 metri: una distanza che i caccia possono coprire in pochi secondi.

Pericolosamente vicino: si dice che una foto dell’aeronautica americana mostri lo schianto del caccia russo Su-35 il 2 aprile. (Fonte: Centro aeronautico degli Stati Uniti)

È una vicinanza pericolosa che i soldati russi cercano nello spazio aereo. Che viene osservato con grande preoccupazione in America. Principalmente perché gli incidenti fanno parte di una catena di incidenti. Dall’inizio di marzo negli Stati Uniti sono state registrate 85 violazioni dei protocolli concordati da parte di aerei russi. Si tratta di alcune aree concordate che le parti non dovrebbero effettivamente abbandonare. Tuttavia, sembra che i russi non sempre vi si attengano.

La CNN ha citato il funzionario dicendo: “Sembra essere coerente con il nuovo modo di lavorare”. I piloti americani si sono rifiutati di partecipare alle battaglie. Il funzionario ha aggiunto che si impegnano a rispettare i protocolli che sono stati concordati.

A marzo, un jet da combattimento russo si è scontrato con un drone statunitense sopra il Mar Nero, riferisce la CNN. L’impatto ha danneggiato le eliche del drone, facendolo cadere in acqua. Gli Stati Uniti all’epoca descrissero l’incidente come “pericoloso e poco professionale” e “spericolato” da parte russa.