Febbraio 28, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Proteste in Ucraina per il ritiro dell’esercito: “Non c’è più alcuna forza per combattere”

Proteste in Ucraina per il ritiro dell’esercito: “Non c’è più alcuna forza per combattere”

A partire dal: 4 dicembre 2023 alle 7:20

I loro uomini combattono al fronte da 21 mesi e ora si sta formando la resistenza tra le mogli dei soldati ucraini. Molti chiedono quella che viene chiamata smobilitazione. Ma l’esercito è privo di riserve.

Manifestano in Piazza Indipendenza a Kiev con temperature sotto lo zero e nevicate. Sui loro manifesti si legge “È l’ora degli altri” e “Mio marito non è prigioniero”. Sono soprattutto le mogli dei soldati ucraini che ora protestano per la cosiddetta smobilitazione. “Chiediamo che venga data loro la possibilità di lasciare l’esercito”, spiega Hanna Bondar. Suo marito combatteva al fronte da 21 mesi. Adesso è esausto.

Come molti altri, il marito di Bondar si offrì volontario all’inizio della guerra d’aggressione russa. “Abbiamo ipotizzato che dopo un anno e mezzo avrebbe avuto la possibilità di essere smobilitato, come è avvenuto nel 2015”, spiega Julia Paulenko. Le donne hanno riferito che non era rimasto molto dell’alto livello di motivazione dei loro uomini. Il dispiegamento costante porta all’affaticamento delle truppe. Paulenko dice che suo marito vuole solo sopravvivere. Non aveva più la forza per combattere.

Le mogli dei soldati protestano a Kiev.

Problemi metodologici con il reclutamento

Ci sono problemi sistemici che la leadership ucraina deve ora affrontare. Anche se sul fronte c’è carenza di soldati ben addestrati, molti uomini si nascondono dalle autorità di leva o comprano la via d’uscita. Altri vengono arrestati per strada, talvolta utilizzando metodi duri, e inviati all’esercito. L’esperto militare veterano Yevhen Dykej afferma che il governo ucraino ora deve prendere decisioni impopolari.

Come le donne di Piazza Indipendenza, Dekej propone il servizio militare temporaneo. Due anni sono più che sufficienti. Secondo la normativa attuale non si vede la fine. Chiunque si offra volontario ottiene un biglietto di sola andata per la guerra. “Allo stesso tempo bisogna stringere le viti”, dice Dekej. “Nessun paese al mondo ha mai vinto una guerra così grande solo con i volontari”, afferma Dekej.

Aziende per l’impiego Deve aiutare

Molti uomini affermano di essere ancora pronti a difendere il proprio Paese con le armi in mano. Che il potenziale di mobilitazione della popolazione sia ancora sufficiente è dimostrato anche dal fatto che singole unità reclutano i propri soldati.

Spesso fanno pubblicità con manifesti dall’aspetto eroico. I volontari possono candidarsi per una posizione specifica e sottoporsi a un processo di selezione. La domanda per questi moduli è così alta che non tutti i candidati saranno accettati. Pertanto, la leadership ucraina vuole fare maggiore affidamento sull’assunzione di aziende come Lobby X.

“Da noi le persone possono candidarsi volontariamente per un posto di lavoro specifico in una determinata unità, a seconda della loro idoneità”, afferma Vladislav Hrysjo, capo della Lobby X. Ma coloro che vengono assunti dalle autorità spesso ricevono solo una breve formazione e le loro competenze individuali non vengono prese in considerazione, cosa che viene criticata.

L’uso dovrebbe essere limitato nel tempo

La Commissione Difesa del Parlamento ucraino lavora da mesi ad un nuovo disegno di legge per risolvere il problema. Inoltre, le società di caccia alle teste non sono in grado di reclutare il numero richiesto di 100.000 soldati. “La riforma deve avvenire e rapidamente”, afferma Yevhen Dekej. Ciò che è particolarmente importante è la limitazione della durata di servizio.

“In questo modo risolviamo due problemi contemporaneamente: il problema degli attuali schierati. E il problema dei nuovi candidati. Combattere una guerra per uno, due o anche tre anni è diverso dal combattere una guerra con un biglietto di sola andata . Guidare in luoghi incerti.”

Le proteste vengono accolte con il rifiuto

Difficilmente l’espansione della leva obbligatoria sarà accolta con entusiasmo dalla popolazione. Hanno riferito che le donne che manifestano in piazza subiscono molti rifiuti. “La gente capisce: affinché mio marito torni a casa, suo marito deve andarsene”, dice Julia Paulenko. Hanna Bondar posta anche commenti negativi sui social media: “Scrivono: Allora vai avanti”.

Ma le donne non vogliono lasciarsi scoraggiare da questo. Affinché l’esercito possa continuare a difendere l’Ucraina, ha bisogno di soldati nuovi e ben addestrati. Nessuna forza stanca e demotivata potrà fermare l’esercito russo.

Rebecca Barth, ARD Kiev, Tagesschau, 4 dicembre 2023, 6:00