Aprile 14, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Prezzi al consumo: perché la Svizzera controlla l’inflazione

Prezzi al consumo: perché la Svizzera controlla l’inflazione

Stato: 04/03/2023 15:14

In Svizzera l’inflazione è scesa al 2,9 per cento a marzo dopo essere salita nei primi due mesi dell’anno. Perché l’inflazione è molto più bassa che in Germania o nell’Eurozona?

L’Ufficio federale di statistica (UST) ha annunciato che il tasso di inflazione in Svizzera è sceso al 2,9% a marzo. A febbraio, il tasso di inflazione era ancora al 3,4%. È aumentato significativamente nei primi due mesi dell’anno, a causa, tra l’altro, dell’aumento dei prezzi dell’energia elettrica e dell’aviazione; Ora il tasso di inflazione è tornato al livello di dicembre.

Le merci importate, in particolare, sono ancora molto più costose in Svizzera rispetto a un anno fa, con un aumento del 3,8%, mentre le merci nazionali costano il 2,7% in più rispetto a marzo 2022. Tuttavia, entrambi i valori sono inferiori rispetto a febbraio. Anche l’inflazione core, che esclude le materie prime volatili come cibo, energia e combustibili, è scesa al 2,2% a marzo dal 2,4% di febbraio.

Il franco forte protegge la Svizzera

I prezzi al consumo sono recentemente scesi nuovamente in Germania e nell’Eurozona. L’inflazione nella zona euro è scesa dall’8,5% al ​​6,9% a marzo. In Germania, è sceso dall’8,7% di febbraio al 7,4% attuale. Tuttavia, è evidente che hanno raggiunto e mantenuto un livello molto più alto rispetto alla Svizzera.

Vi sono ragioni plausibili per la diversa gravità dell’impatto dell’inflazione sulle due regioni valutarie. Un fattore importante è la forza della moneta svizzera rispetto alla moneta comune europea. Il franco svizzero si è recentemente dimostrato più forte nei confronti del dollaro.

Ciò ha conseguenze sui prezzi all’importazione, perché le merci consegnate dall’estero sono più economiche: il tasso di cambio è una componente importante dell’inflazione svizzera, afferma Stéphane Meunier, finanziere della banca privata Lombard-Odier. Mounir ha affermato che una valuta forte rende le importazioni il più economiche possibile e riduce i prezzi al consumo.

Prezzi alti a causa del protezionismo

Un altro fattore sono le misure protezionistiche con cui la Svizzera protegge i suoi mercati. Secondo gli esperti, questo è particolarmente vero per i prezzi dei generi alimentari, che crescono meno che nell’Eurozona, dove sono aumentati notevolmente: un esperto finanziario svizzero sottolinea che le misure protezionistiche hanno disaccoppiato i prezzi dei generi alimentari svizzeri dall’andamento del mercato globale.

Gli svizzeri aumentano i prezzi dei prodotti agricoli stranieri che sono anche prodotti internamente al livello svizzero più alto attraverso i dazi all’importazione al fine di proteggere i coltivatori locali di grano, frutta e verdura dalla concorrenza straniera.

“Se il prezzo dei beni che produciamo noi stessi aumenta sul mercato mondiale, allora solo le tariffe diminuiscono”, afferma Alexander Rathke del Center for Economic Research dell’ETH University. Ma ci sono effetti collaterali: “I prezzi sono più stabili ora, ma il livello dei prezzi è sempre più alto”, afferma Rathke.

I prezzi dell’energia sono meno efficaci

Anche i diversi pesi nei carrelli della spesa tra la zona euro, la Svizzera e la Germania giocano un ruolo. I prezzi dell’energia, ad esempio, hanno meno peso in Svizzera, il che influisce direttamente sui calcoli.

Ma anche le differenze nella produzione di energia hanno effetti notevoli. Mentre la Svizzera copre la quasi totalità del suo fabbisogno di elettricità con l’energia idroelettrica e nucleare, in Germania, ad esempio, gran parte della sua elettricità viene prodotta utilizzando il gas. Ecco perché i prezzi del gas, che sono aumentati in connessione con la guerra in Ucraina, hanno avuto un effetto molto più evidente sull’inflazione in questo paese.