Novembre 27, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Prevista recessione: l’analista avverte di un grave crollo: “La Fed non salverà il mercato azionario” | newsletter

Grano: la risposta ritardata della Fed potrebbe portare alla stagflazione

Un crollo azionario è sicuramente nell’interesse della Fed
Il grano vede opportunità nelle grandi obbligazioni bancarie statunitensi

Terence Wheat è il co-presidente del Corporate Credit presso PGIM Fixed Income Investment Manager e ha vissuto molti attacchi di mercato. Tuttavia, la situazione attuale è particolarmente ingannevole e si prevede un calo significativo dei corsi azionari. In che modo un esperto di mercato giustifica la sua previsione pessimistica? Dove vede opportunità di investimento interessanti nonostante i numerosi fattori negativi?

Grano: l’inflazione rimarrà alta

Alla fine di maggio, gli osservatori del mercato hanno stimato la probabilità di una recessione in media del 15 percento, ha riferito Witt in un’intervista a Cash. A suo avviso si tratta di un eufemismo, ritiene che lo scenario della stagflazione sarà più probabile. Con ogni probabilità, l’inflazione non diminuirà nei prossimi mesi, le aziende hanno sempre più difficoltà a trovare dipendenti, i salari aumentano e di conseguenza l’economia potrebbe “collassare”.

Inoltre, l’inflazione effettiva è ancora superiore ai tassi ufficiali utilizzati sia negli Stati Uniti che negli Stati Uniti zona euro Circa l’otto per cento. Cibo ed energia non sono stati inclusi nei numeri della Fed: “l’inflazione percepita delle famiglie è più alta”, afferma il grano. Secondo gli americani, l’inflazione già elevata ha visto un impulso disastroso a causa della guerra in Ucraina e del conseguente aumento dei prezzi dell’energia.

La crescita degli utili aziendali statunitensi ha superato il suo picco

Nonostante gli elevati tassi di inflazione, i dati economici per l’economia statunitense sono ancora incoraggianti. Anche la disoccupazione negli Stati Uniti è storicamente bassa al 3,6%. Tuttavia, il grano è sicuro che i tempi migliori siano ormai passati. La crescita degli utili aziendali ha già raggiunto il picco nel terzo trimestre del 2021. Gli analisti temono che “i rivenditori hanno appena pubblicato i loro numeri e i loro margini di profitto ne stanno chiaramente soffrendo. Nel frattempo, le loro scorte sono troppo elevate. Se anche i consumi rallenteranno in futuro, le scorte più alte lo faranno portare anche a margini di profitto inferiori. L’ultimo rapporto economico della Federal Reserve statunitense (il Beige Book) ha rivelato una “crescita modesta o lieve” negli Stati Uniti.

READ  Inflazione: il mondo è impantanato nell'inflazione

Il consumo è attualmente ancora elevato, ma potrebbe cambiare

Il grano non vede più un calo dei consumi come una possibilità improbabile; In effetti, questo è nel frattempo maturato nel proprio scenario di base. Vede un legame diretto tra l’economia e lo sviluppo degli asset nei mercati internazionali: “L’economia e i bilanci delle imprese e dei consumatori sono in buone condizioni in questo momento. Ma questa è una visione retrospettiva. Perché allo stesso tempo i prezzi di le azioni e le obbligazioni e la criptovaluta al consumo netto sono in calo”. Prima o poi questo si rifletterà anche sul comportamento dei consumatori. Secondo NorthernFinance, più della metà degli americani possiede già azioni o fondi azionari. Lo sviluppo dei mercati azionari statunitensi ha quindi un impatto significativo sulla condizione finanziaria di milioni di persone nella più grande economia del mondo.

Grano: la Fed ha esitato troppo a lungo

Di recente, ci sono stati molti investitori che considerano la Federal Reserve statunitense responsabile dell’elevata inflazione e della possibilità di una recessione. Il gestore di hedge fund statunitense Bill Ackman ha accusato la Fed di non svolgere correttamente il proprio lavoro. Jim Kramer, analista di mercato della CNBC, ritiene che il presidente della Fed Jerome Powell abbia “torto sull’inflazione”. Anche Keith McCullough vede parallelismi storici e conclude: “La Fed sbaglia sempre”.

Anche il giudizio di Wheat sulla politica della Fed dal 2020 è stato negativo: “La Fed ha preso il problema troppo tardi. Ora sta cercando di andare avanti”. Il risultato potrebbe essere la stagnazione. Dopotutto, non è molto ragionevole presumere che la Fed si asterrà dall’aumentare drasticamente i tassi di interesse per proteggere l’economia. L’esperto di mercato conclude che “un atterraggio duro per l’economia è più probabile di un atterraggio morbido”.

READ  Da Vodafone, Telekom e O2: ora è molto più conveniente per i clienti

“La Fed è d’accordo con i mercati azionari che scendono ancora di più”

L’essenza della lotta contro l’inflazione della banca centrale statunitense: Wheat ritiene che il sell-off sui mercati azionari sia molto appropriato per la Federal Reserve. “Ma dal momento che la Fed vuole davvero combattere l’inflazione, sta bene con i mercati azionari che scendono ancora. La Fed ha tenuto sotto controllo l’inflazione negli ultimi 30 anni. Ed è fatta per un’economia fiorente. Penso”. Combatte l’inflazione così duramente che ci porterà sicuramente in una recessione”. simultanea carenza di materie prime.

Dove il grano vede un’opportunità

Date le sue cupe previsioni per il futuro, non sorprende che Wheat sia attualmente datato comprare azioni Abort Non si può ancora presumere che i mercati azionari abbiano toccato il fondo, ma piuttosto si aspettano livelli di prezzo più bassi. L’esperto di obbligazioni vede opportunità nelle obbligazioni delle principali banche statunitensi. “Questi sono molto più economici di qualsiasi altro settore con un rating simile. Pensiamo che queste obbligazioni possano essere preziose perché sono società molto forti con buoni bilanci”, raccomanda Wheat. A più lungo termine, ci sono anche “molti buoni valori nelle obbligazioni a 30 anni di società industriali con rating BBB”. Ma: “In questo momento è ancora troppo presto per un’acquisizione”. Prima di ciò, le prospettive economiche dovrebbero essere chiare.

redazione finanzen.net

Fonti delle immagini: conrado / Shutterstock.com, Immersion Imagery / Shutterstock.com