Aprile 18, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Previsioni cupe per il futuro di Putin: gli esperti prevedono rivolte

Previsioni cupe per il futuro di Putin: gli esperti prevedono rivolte
  1. Pagina iniziale
  2. Politica

creatura:

da: Patrick Mayer

Un esperto vede le tendenze indipendentiste della Russia come risultato delle sconfitte militari in Ucraina. Ci sono anche rivolte? Probabilmente le darà una posizione di partenza.

Monaco di Baviera/Donbass – L’Ucraina è diventata “ostaggio” dei Paesi occidentali che vogliono distruggere la Russia: è questa la successiva tesi confusa del sovrano di Mosca, Vladimir Putin, con la quale il presidente russo vuole giustificare l’attacco del suo esercito al suo vicino occidentale, Ucraina.

Vladimir Putin: il sovrano di Mosca perderà questo potere?

“Il tuo obiettivo (…) è la disintegrazione e la distruzione del nostro paese”, ha affermato Putin il 9 maggio 2023 durante le nuvolose celebrazioni del Giorno della Vittoria.

Ma: l’autocrate di 70 anni, che sembra visibilmente stanco nelle foto in questi giorni, sta autodistruggendo il suo governo con la guerra in Ucraina? Un esperto ha ora previsto la fine del potere di Putin e le rivolte associate nelle regioni autonome della Federazione Russa.

Vladimir Putin: Il sovrano di Mosca ha inviato migliaia di giovani soldati russi a uccidere in Ucraina.
Vladimir Putin: Il sovrano di Mosca ha inviato migliaia di giovani soldati russi a uccidere in Ucraina. © IMAGO / Vladimir Smirnov

La Russia è più vicina al collasso di quanto pensi. Le istituzioni dello stato russo, come il suo esercito, sono molto più fragili della propaganda che Mosca sta cercando di trasmettere ai suoi cittadini e agli stranieri. Declino economico, (…) il regime personale è diventato senza un piano di successione e imminente sconfitta militare in Ucraina conflitti all’interno dell’élite e tra il centro (Mosca, ed.) e molte repubbliche e regioni (parziali) ”, ha spiegato Janusz Bogajowski Posta di Kiev.

Un esperto americano ritiene che Vladimir Putin sarà rovesciato in Russia

Il politologo 68enne analizza gli sviluppi nell’Europa orientale per la Jamestown Foundation, un think tank americano. “Vediamo segni di conflitti tra le varie istituzioni di potere, la misteriosa morte di più di una dozzina di oligarchi e frequenti epurazioni della leadership militare”, ha detto il britannico in un’intervista al settimanale ucraino.

Bogayosky ha spiegato che l’influenza di Putin in Russia sarà notevolmente indebolita a causa delle perdite territoriali in Ucraina “che il Cremlino non può nascondere, e a causa del forte deterioramento delle condizioni economiche e dei servizi governativi, come previsto per il prossimo anno”, presentando la tesi: “Accelerare con il rovesciamento di Putin con l’intensificarsi dei conflitti interni.” Al potere e i leader regionali vedranno opportunità per creare nuovi stati, simili a quanto accaduto durante il crollo dell’Unione Sovietica (1991, ed.)”

I leader della regione vedranno l’opportunità di creare nuovi stati, simile a quanto accaduto con il crollo dell’Unione Sovietica

Rivolte all’interno della Federazione Russa? Un esempio è la repubblica autonoma della Cecenia, governata dall’autocratico “cane insanguinato di Putin” Ramzan Kadyrov. Un indicatore: si dice che i combattenti ceceni che combattono a fianco dell’esercito ucraino siano diverse centinaia, ha recentemente dichiarato a US Online Magazine. bestia vivaE che anche loro ei loro “fratelli ucraini” vogliono liberare la loro patria, la Cecenia.

Rivolte nella Federazione Russa? I combattenti ceceni minacciano Mosca

I soldati ucraini, a loro volta, avrebbero promesso ai loro sostenitori ceceni che in seguito avrebbero combattuto al loro fianco nel Caucaso settentrionale per l’indipendenza dal Cremlino. Un cittadino ucraino di 43 anni avrebbe detto: “Se fossi vivo, prenderei parte alla liberazione della Cecenia”. “Le reclute continuano ad arrivare qui. Si stanno tutti preparando a incontrare Ichkeria (Cecenia, i. editore) e altri territori occupati”, ha detto ad alta voce un ceceno La bestia quotidiana: “Perché c’è anche il Tatarstan, il Daghestan e l’Inguscezia”.

Bugajwski va oltre. Le prime (repubbliche) a dichiarare la propria sovranità e indipendenza saranno le repubbliche non russe etnicamente omogenee, regioni che si oppongono allo sfruttamento delle proprie risorse da parte di Mosca. e repubbliche e regioni che hanno confini terrestri o marittimi esterni con stati vicini, insieme con popolazioni affini”. Posta di Kiev.

Per contestualizzare: non solo in Cecenia è difficile il punto di partenza per chi è al potere fedele al Cremlino. Nell’Inguscezia a maggioranza musulmana (circa 400.000 abitanti), che confina con la Georgia e la Cecenia, ci sono stati lunghi sforzi per l’indipendenza. Nella prima metà del 2008, circa 70 poliziotti sono stati uccisi qui in attacchi armati da parte di sospetti islamisti.

Rivolte in Russia? Focus su Inguscezia, Tatarstan e Daghestan

alto Specchio Anche l’opposizione “Parlamento popolare dell’Inguscezia” ha chiesto l’uscita dalla Federazione Russa. Mosca ha installato il generale russo Yunus-bek Yevkurov come capo dell’esercito russo, che è sopravvissuto a un attacco terroristico al suo convoglio nel giugno 2009, è rimasto ferito. Tuttavia, alla fine del 2018, ci sono stati mesi di proteste di massa dopo che le regioni sono state cedute alla Cecenia.

Grande città sul Mar Caspio: Makhachkala nel Daghestan.
Grande città sul Mar Caspio: Makhachkala nel Daghestan. © IMAGO / Valery Sharifulin

alto Nuovo giornale di Zurigo (NZZ) Anche il Tatarstan (popolazione di circa 3,8 milioni) ha flirtato con l’indipendenza negli anni ’90. La repubblica autonoma con la città di Kazan (circa 1,24 milioni di abitanti) si trova al centro della parte occidentale della Russia. Piace Nuova Zelanda Scrive, la costituzione è stata rivista all’inizio di febbraio 2023 sotto la pressione di Mosca, secondo la quale il Tatarstan ora è solo una semplice regione russa. Il termine “sovranità” è omesso da tutte le parti della costituzione. Coincidenza nel tempo?

Daghestan in Russia: ripetuti attacchi contro politici filo-Cremlino

Un altro esempio: il Daghestan (circa 2,9 milioni di persone) ha una lunga costa sul Mar Caspio e confina con l’Azerbaigian e la Georgia. Ci sono stati attacchi terroristici contro membri del governo qui per più di 20 anni. Secondo l’agenzia di stampa tedesca dpa, nel 2012 il Cremlino si è sentito in dovere di inviare 30.000 truppe russe per riprendere il controllo della regione, compresa la città di Makhachkala (circa 600.000 abitanti). Bogajowski: “Non si dovrebbe presumere che il processo di sostituzione di Putin sarà pacifico”. (sera)