Marzo 22, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Preoccupazioni per la sicurezza globale: la società tecnologica cinese Huawei è sotto pressione

Stato: 03/08/2023 02:08

La sfiducia nei confronti del gruppo tecnologico cinese Huawei sta crescendo in tutto il mondo. Ci sono anche problemi di sicurezza in Germania. La pressione sta crescendo su un’azienda che ha attraversato il mondo per molto tempo.

Scritto da Ruth Kirchner, ARD Studio a Pechino, attualmente Berlino

Ai presidenti cinesi non piace parlare con i giornalisti. Ma il fondatore di Huawei, Ren Zhengfei, è diverso. Le sue interviste sono tutte sul sito dell’azienda. Huawei vuole dimostrare: “Siamo trasparenti”.

Ruth Kirschner
ARD Studio Pechino

Durante i giri dei giornalisti, il 78enne respinge regolarmente le preoccupazioni sull’influenza del governo cinese sulla sua azienda. “La nostra missione è realizzare buoni prodotti”, ha detto Ren ai giornalisti tedeschi alcuni anni fa. Non hai la possibilità di avere discussioni politiche.

Entrate Huawei nel 2021? $ 100 miliardi

Ren Zhengfei è un tipico uomo d’affari cinese autodidatta. Secondo le sue stesse dichiarazioni, proveniva da circostanze molto povere e una volta vendeva sistemi telefonici da Hong Kong alla Cina. Oggi dirige un’azienda con 190.000 dipendenti in tutto il mondo. Nel 2021, Huawei ha raggiunto un fatturato di 100 miliardi di dollari USA.

Huawei è ora uno dei principali fornitori di infrastrutture di rete al mondo e fornisce ai propri clienti moduli di antenna e componenti per WLAN.

Tre anni fa, Huawei era anche il più grande produttore di smartphone al mondo, ma le sanzioni statunitensi hanno posto fine a tutto ciò. Huawei non è più autorizzata a utilizzare il sistema operativo Android dagli Stati Uniti e gli Stati Uniti hanno limitato l’accesso di Huawei ai componenti chiave. Gli smartphone Huawei non svolgono più un ruolo negli importanti mercati di Europa e Stati Uniti.

READ  Questi modelli sono pronti per la targa H.

Crescono i dubbi su Huawei

All’importante fiera delle comunicazioni mobili di Barcellona alla fine di febbraio, Huawei è stato uno dei maggiori espositori, occupando quasi un intero padiglione. I dirigenti Huawei hanno presentato gli ultimi prodotti: tecnologia cloud progettata per proteggere dagli attacchi degli hacker, sistemi di archiviazione dei dati alimentati dall’intelligenza artificiale e sistemi digitali progettati per migliorare le operazioni.

Ma mentre Huawei si presenta con aplomb, cresce lo scetticismo nei confronti dell’azienda. Si sospetta che la tecnologia di Huawei possa essere utilizzata per lo spionaggio e l’intercettazione di dati nelle reti mobili, affermazioni che non sono state ancora provate e che l’azienda nega.

La leadership cinese, a sua volta, accusa gli Stati Uniti di tentare di rallentare l’ascesa della Repubblica popolare cinese con le sue azioni contro le società tecnologiche cinesi. Solo la scorsa settimana, la portavoce del ministero degli Esteri Mao Ning ha parlato dell’abuso del potere economico per sopprimere imprese in altri Paesi.

Sempre più paesi escludono Huawei

Anche il fondatore di Huawei, Ren Zhengfei, ha confermato per anni che nessuna informazione verrà trasmessa alle autorità cinesi. Ma tali assicurazioni non possono cambiare le opinioni degli scettici. Negli Stati Uniti, in Canada e in Australia, Huawei è stata a lungo esclusa dalla costruzione di reti mobili 5G. In Gran Bretagna, gli operatori di rete devono rimuovere nuovamente tutti i componenti Huawei dalla rete 5G, a causa di problemi di sicurezza da parte del governo britannico.

Huawei: il gigante cinese delle telecomunicazioni sotto pressione

Ruth Kirchner, ARD Pechino, attualmente Berlino, 8 marzo 2023 06:00