Agosto 17, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Predappio in Italia: Mussolini ancora rispettato

Stato: 07/02/2022 11:19

Predappio, città natale di Mussolini, è un luogo di culto per i fascisti italiani. Più di 100 anni dopo la sua salita al potere, il dittatore viene ritratto sotto una luce più chiara e gli estremisti di destra sono in aumento nel Paese.

Di Jörg Seisselberg, ARD Studio Roma

È un viaggio che risale a quasi un secolo fa. Le insegne pubblicitarie di Forlì indicano la strada per Villa Mussolini. Dietro un alto cancello di ferro, con le bandiere italiane che sventolano a destra ea sinistra, Domenico Morosini lo saluta e si presenta come il “Guardiano della Storia Italiana”.

Georg Seiselberg
Studio ARD Roma

Nel 2000 l’imprenditore lombardo acquista la villa insieme alla moglie. Benito Mussolini lo costruì per la sua famiglia nel 1923 quando era ancora giovane.

Morosini attraversa il parco e l’edificio con i suoi numerosi alberi ad alto fusto. Una delle scrivanie di Mussolini, dice, mostra il letto nuziale, il soggiorno e una delle sue divise, con la maggior parte degli arredi originali conservati. E Morosini non faceva mistero di essere un estimatore di Mussolini. Ama la storia ei “grandi uomini”. E Mussolini era “uno dei migliori” e “spiritualmente 100 anni avanti ai suoi tempi”.

Così dice un ammiratore dell’ex dittatore in Italia nel 2022, 100 anni dopo la marcia su Roma, quando i fascisti presero il potere.

Un tifoso apre le porte: “Villa Mussolini” a Forlì

Immagine: Jörg Seiselberg

Una visita ai tifosi di Mussolini

Per quanto grande sia il gruppo dei tifosi di Mussolini – per lo più non segreto – ci sono ancora tifosi di Mussolini nel Paese a pochi chilometri di distanza. Predappio è un comune di 6.000 abitanti all’estremità settentrionale dell’Appennino, città natale di Mussolini e luogo di pellegrinaggio e pellegrinaggio di estremisti di destra, vecchi e nuovi fascisti.

READ  Dopo l'addio di Draghi, l'Italia si sta spostando in questo momento? - Podcast

In onore del centenario Francesco Minutillo ha organizzato una mostra sulla Marcia su Roma, ben visibile all’ingresso della città. Con più di 200 oggetti. Busto di Mussolini, medaglie, elmi, armi, bambole a grandezza naturale in divisa fascista.

Tutto il resto, insiste Minutillo, è nei salotti privati ​​- perché in Italia c’è un “fiorente interesse a collezionare tutto ciò che riguarda 20 anni di fascismo”. Minutillo indica un busto in bronzo di Mussolini – di proprietà di un collezionista privato; Dopo la mostra verrà nuovamente nascosta in un “luogo privato”.

Francesco Minutillo è contento del busto di Mussolini, che però dopo la mostra tornerà ad un ignoto proprietario.

Immagine: Jörg Seiselberg

I discendenti della zona sono inorriditi

Mussolini mostra con orgoglio la villa. Esporre spudoratamente materiale fascista. Miro Corrie scuote la testa alla possibilità che questo sia possibile in Italia a 100 anni dalla presa del potere dei fascisti – è inorridito e arrabbiato, e parla dell’incontro della figlia con “due teste pelate” che hanno fatto il “saluto romano”. Un incontro che ha sconvolto sua figlia.

Cory proveniva da una famiglia di partigiani che combatterono contro Mussolini e gli occupanti tedeschi. A Forlì dirige l’Anpi, Unione Nazionale Partigiani. È determinato a garantire che i crimini del fascismo non vengano dimenticati.

In Italia, Cory osserva che il fascismo è un “passato che non passa mai” – i tedeschi “hanno affrontato meglio il loro passato – d’altra parte, non abbiamo compreso adeguatamente il nostro passato”.

Amnistia con conseguenze

Nell’immediato dopoguerra vi fu un’ampia sanatoria per fascisti e collaboratori nazisti in Italia. Aveva lo scopo di riconciliare il paese, ma la maggior parte dei dirigenti amministrativi, giudiziari, di polizia e dell’istruzione fascisti furono trasferiti senza problemi alla Repubblica italiana.

Ancora oggi i giudici italiani lasciano intatte mostre come quella di Predappio perché, secondo la sentenza della Cassazione, in Italia la possibilità di svelare la “storia” è interpretata liberamente.

“Lo stomaco morbido”

Ancora più importante, Corey dice che c’è ancora una convinzione diffusa nel paese che non tutto fosse così male sotto Mussolini. Ha prosciugato le paludi pontine, ha ottenuto un approvvigionamento alimentare autonomo e ha introdotto un sistema educativo nazionale: queste sono finzioni diffuse, dice Cory.

Questo è caratteristico del clima del Paese, in cui non solo i fascisti estremisti:

Dopotutto, la società ha il ventre molle: “Oh, dai, se Mussolini non avesse approvato le leggi razziali nel 1938, sarebbe stato peggio di Hitler”. Non puoi aggirare questa storia in Italia.

Un’altra commemorazione: l’Italia commemora la rivolta del 1945 contro il fascismo il 25 aprile di ogni anno con il Giorno dell’Indipendenza.

Immagine: EPA

Cerca gli emblemi di Mussolini

Un partito con radici neofasciste sta attualmente celebrando il successo politico in Italia basato su un passato disfunzionale. I fratelli d’Italia, i Fratelli d’Italia, sono la forza politica più forte del Paese nei sondaggi.

Il loro simbolo del partito presenta una fiamma verde, bianca e rossa, un simbolo della destra italiana che rappresenta la fiamma sulla tomba di Mussolini. Fondato nel dopoguerra da un ex membro del gabinetto di Mussolini, il neofascista MSI risiedeva presso la sede della Fratellanza Italiana nel centro di Roma.

READ  Giove è il nuovo presidente della Conferenza episcopale italiana

Oggi i fratelli italiani sono guidati da Giorgia Meloni, che risponde alle domande su come il suo partito vede il fascismo con irritazione ed evasività. Non ha nulla nella sua vita per cui scusarsi, ma parlare di storia in due programmi TV su tre invece della politica attuale. Non pensava fosse giusto.

Vittoria ai sondaggi e alle elezioni amministrative

Il 45enne oratorio ha superato il boss della Lega Matteo Salvini come il politico di destra più popolare, secondo i sondaggi d’opinione. Dopo che i fratelli italiani erano andati bene al primo turno delle elezioni amministrative di metà giugno, Meloni ha dichiarato con sicurezza che il suo partito era “assolutamente pronto a governare”.

100 anni dopo l’inizio del fascismo in Italia, un partito con nuove radici fasciste è pronto a governare.