Dicembre 1, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

PM italiano: L’UE dovrebbe preoccuparsi di Meloni


Commento

Stato: 22/10/2022 17:33

Meloni, il nuovo presidente del Consiglio italiano, è stato recentemente più moderato. Tuttavia, non ha mai preso le distanze dalle sue radici neofasciste, anzi. Questo potrebbe essere problematico per l’Europa.

Commento di Jörg Seisselberg, ARD Studio Roma

La Repubblica Italiana ha già visto 67 governi. Ma non è come qualsiasi altro regime.

Georg Seiselberg
Studio ARD Roma

Con Georgia Meloni ha prestato giuramento come primo ministro una donna, una donna con radici politiche neofasciste e orgogliosa di loro fino ad oggi. Un messaggio che Meloni ha mandato al suo stesso popolo in campagna elettorale è stato quello di non rinnegare la loro storia, la storia della destra italiana. Una storia plasmata prima dal fascismo di Mussolini e poi dal neofascismo di MSI; Il partito in cui Maloney ha iniziato la sua carriera politica.

I peccati politici dei giovani sono perdonabili, anche se coloro che sono coinvolti provano rimorso. Con Meloni è diverso. Chiunque abbia letto la sua autobiografia l’anno scorso, che dovrebbe essere pubblicata presto in Germania, lo saprà di pagina in pagina. Il nuovo capo del governo italiano non prende le distanze dal suo passato in un partito neofascista, ma ne parla con orgoglio.

Tifoso di Mussolini come secondo uomo di Stato

Nelle settimane successive alla vittoria elettorale, il suo confidente Ignacio La Russa fu spinto alla presidenza del Senato e secondo uomo di Stato. Chi decora la sua stanza con statue di Mussolini e appende quadri di Mussolini è un “cancella la cultura”. Mussolini era una parte normale della cultura italiana e il fascismo era una corrente politica come nessun’altra.

READ  Parlamento in Italia: Mussolini diventa presidente del Senato nostalgico

Un primo ministro che appoggia una posizione del genere dovrebbe preoccuparsi dell’Europa. Qualcuno qui vuole cambiare l’Italia culturalmente.

Molti suggeriscono di prendere con le pinze questo cambio di governo in Italia. Dopotutto, Meloni ha posizioni su molte questioni rappresentate dai politici conservatori in Europa. Giusto. Ma nessun problema.

Dalla parte dei populisti di destra

In qualità di capo del governo, Meloni agirà in modo pragmatico su molte questioni di politica estera ed economica. È abbastanza intelligente, intelligente ed esperta politicamente da sapere quando è necessaria una vera politica, non un’ideologia. Meloni non metterà in discussione la NATO e sosterrà prontamente molti dei principi fondamentali della politica dell’UE, non il sostegno all’Ucraina. Meloney può sembrare un tipico conservatore.

Ma non era lei. Conta lo spagnolo Vox e i populisti di destra del PiS al potere in Polonia come suoi più stretti alleati e si schiera con l’ungherese Orban. Nel suo governo, il Ministero della Famiglia è ora anche Ministero della natalità, e il Ministero dell’Agricoltura è anche Ministero della Sovranità alimentare, seguendo il mito di Mussolini.

Una questione di valori fondamentali

Ancora oggi Meloni non è disposto a recidere le radici politiche delle sue origini neofasciste. Invece, sostiene una relazione rilassata con il fascismo. Questo è certamente l’approccio sbagliato per un primo ministro di uno stato dell’UE, per quanto pragmatico possa essere sotto molti aspetti. L’Europa ha bisogno dell’Italia e i risultati elettorali vanno rispettati. Ma questo non è un nitpick o una domanda da lezione di storia, come dice spesso Maloney. Si tratta di valori europei fondamentali.

Fino a quando il nuovo premier italiano non chiarirà la questione, non può e non deve essere trattato come il capo di nessun altro governo. Berlusconi come Primo Ministro italiano era un problema per l’Europa. Melony è ancora più vecchio.