Gennaio 27, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Più di 14.000 punti: il DAX riconquista una quota importante


Rapporto di mercato

Stato: 29/12/2022 18:48

Poco prima della fine dell’anno, il DAX è salito nuovamente sopra la soglia dei 14.000 punti. Nonostante l’incertezza sulla situazione del coronavirus in Cina, gli investitori sono ottimisti, anche a Wall Street.

Grazie alla ripresa di Wall Street e al lento timore delle conseguenze della situazione Corona dopo l’ultimo allentamento in Cina, gli investitori sono tornati all’azione nel penultimo giorno di contrattazioni dell’anno. Il principale indice tedesco è riuscito a riconquistare la soglia psicologicamente significativa di 14.000 punti, intorno alla quale si aggirava da quasi due settimane.

DAX più di 14.000 punti

Il DAX si è rapidamente scrollato di dosso le perdite iniziali e alla fine è salito dell’1,05% a 14.072 punti. Ha chiuso al livello più alto in una settimana. I rivenditori hanno attribuito la maggiore volatilità al calo delle vendite. Molti investitori sono già in vacanza e hanno per lo più chiuso i conti. Pertanto, anche pochi ordini più grandi possono garantire più traffico.

Si prevede una fine anno tranquilla

Jochen Stanzl, analista del brokeraggio online CMC Markets, si aspetta che l’indicatore complessivo del mercato azionario finisca tranquillamente in un intervallo compreso tra 13.800 e 14.200 punti. Nei primi giorni di contrattazione del 2023 si potrà poi determinare il trend per le prossime settimane se uno dei due brand si incrocia o scende al di sotto. Poco prima dell’inizio dell’anno, l’incerta situazione Corona in Cina continuerà a far pendere la bilancia.

Secondo Stenzel, “gli investitori non sanno come valutare la situazione in Cina”. Ha indicato la mitigazione e il rapido aumento associati ai casi di corona. Questa combinazione crea incertezza nei mercati. Si sperava già che la fine dei blocchi e la riapertura della seconda economia mondiale sarebbe stata un vantaggio per l’economia globale e avrebbe evitato una profonda recessione, afferma Stephen Innes, managing partner di SPI Asset Management.

Invece, di recente sono emerse nuove preoccupazioni, con rapporti che indicano che il numero di contagi giornalieri in Cina ha raggiunto i 40 milioni. Con la revoca delle restrizioni ai viaggi, le autorità sanitarie di altri paesi temono un aumento dei nuovi casi. Gli operatori di mercato temono anche che un nuovo virus più pericoloso possa emergere e diffondersi in tutto il mondo, afferma Innes.

READ  La paura dell'interesse è tornata - Dax cala drasticamente

I mercati azionari statunitensi si stanno riprendendo dalla debolezza del giorno precedente

Questa situazione mista ha causato ieri perdite alle borse statunitensi, che sono riuscite a recuperare da oggi. Il principale indice Dow Jones è salito di circa l’1,2% a 33.261 punti in prima serata. L’S&P 500 è salito di circa l’1,9%. Il Nasdaq 100, fortemente tecnologico, è salito del 2,65%.

Le richieste di disoccupazione iniziali negli Stati Uniti sono aumentate come previsto

Nel pomeriggio non ci sono state notizie dannose per i prezzi dal mercato del lavoro statunitense. Al contrario, le richieste iniziali di sussidi di disoccupazione sono aumentate con la stessa forza prevista a 225.000 rispetto alle 216.000 della settimana precedente. “È sicuramente un segno di un rallentamento del mercato del lavoro”, ha affermato Peter Cardillo, capo economista della società di investimenti Spartan.

Gli investitori sperano che un mercato del lavoro in qualche modo in raffreddamento induca la Federal Reserve statunitense, che orienta la sua politica monetaria strettamente verso i dati sull’occupazione, e altre importanti banche centrali ad effettuare aumenti dei tassi di interesse minori. In caso contrario, il trading continua il penultimo giorno di negoziazione dell’anno senza driver importanti.

L’euro è leggermente più alto

Il tasso di cambio dell’euro è leggermente aumentato. La valuta condivisa è stata scambiata a $ 1,0666 in prima serata, leggermente superiore a ieri. Gli osservatori del mercato hanno sottolineato la debolezza del dollaro, che a sua volta ha dato un po’ di slancio all’euro. La prima valuta mondiale ha ceduto il passo nei primi scambi a tutte le altre valute delle principali nazioni industrializzate. In un contesto successivo, si prevede che ci sarà poco slancio per il trading nel mercato dei cambi.

Le società Internet sono minacciate da costose aste di frequenza

Tra i singoli titoli, oggi sono al centro dell’attenzione i titoli di società Internet come 1 & 1, United Internet, Telefonica Deutschland o Deutsche Telekom. Lo riferisce la Frankfurter Allgemeine Zeitung da un documento interno di Deutsche Telekom relativo all’asta delle frequenze radiomobili nel 2024.

Poiché 1&1 verrà aggiunto come offerente, questo diventerà probabilmente il processo di offerta più costoso per gli operatori di rete dall’aggiudicazione UTMS nel 2000, che all’epoca costava 51 miliardi di euro. Tuttavia, i titoli del settore tedesco delle telecomunicazioni sono riusciti a chiudere leggermente al rialzo grazie al miglioramento dell’umore del mercato.

Sartorius è in anticipo di due anni rispetto al suo piano di crescita

Anche le azioni del Gruppo Sartorius, che sono aumentate dell’1,0%, hanno attirato l’attenzione. Il fornitore del laboratorio sta facendo progressi più rapidi sui suoi piani di crescita, ha annunciato. Attualmente, l’azienda è in anticipo di circa due anni rispetto al suo piano, ha affermato il CEO Joachim Kreuzberg dell’agenzia di stampa dpa. Il 2022 è stato il terzo anno di un’intensa fase di crescita. “Quella è stata una fase di grande successo”, ha detto Kreuzberg. Con un aumento del 4,1%, le azioni sono state tra i valori più forti dell’indice principale.

ExxonMobil sta intraprendendo un’azione legale contro l’Unione Europea

Il gigante energetico Exxon Mobil Procedi in giudizio contro la tassa sugli utili in eccesso approvata dall’Unione Europea. “Prestiamo di mira solo l’imposta sui profitti improduttivi in ​​eccesso e non altri elementi del pacchetto di riduzione dei prezzi dell’energia”, ha dichiarato il portavoce Casey Norton, confermando un rapporto del Financial Times. Secondo la società, la tassa mina la fiducia degli investitori, scoraggia gli investimenti e aumenta la dipendenza dai prodotti energetici e combustibili importati.

READ  Divisione 4: suddivisione delle azioni Amazon: ecco quanto costano le azioni Amazon ora | newsletter

Apple rimane l’azienda più preziosa in borsa

Gli Stati Uniti hanno abbandonato l’Europa nonostante le enormi perdite di prezzo delle società tecnologiche americane in borsa. Delle 100 società quotate di maggior valore al mondo, 61 provengono dai soli Stati Uniti, solo una in meno rispetto all’anno precedente, secondo uno studio della società di consulenza EY. Al 27 dicembre, Apple rimane in cima alla classifica con una solida capitalizzazione di mercato di $ 2 trilioni, davanti a Saudi Aramco e Microsoft. La Germania non è affatto rappresentata nella top 100 Il produttore di software SAP ha il valore più prezioso nel DAX a solo 106esimo.

ProSiebenSat.1 produce le notizie stesse

ProSiebenSat.1 rafforza la sua offerta informativa. “Produrremo e trasmetteremo notizie dal nostro team editoriale dal 1 gennaio”, ha detto all’agenzia di stampa dpa il caporedattore di Seven.One Entertainment Group, che appartiene al gruppo di media quotato in borsa Sven Pietsch. In futuro, i programmi dei canali ProSieben, Sat.1 e Kabel eins saranno prodotti in un grande studio che è attualmente in costruzione presso la sede principale del gruppo multimediale a Unterföhring vicino a Monaco.

Niente più telegrammi: la Posta termina una vecchia offerta

La fine di un’era: Deutsche Post Telegram si spegne alla fine dell’anno. Un portavoce dell’azienda ha giustificato la mossa dicendo che l’offerta non era stata utilizzata di recente. Pertanto, la Posta segue l’esempio di molte altre aziende postali in tutto il mondo.

Novartis risolve il caso antitrust statunitense pagando milioni

La società farmaceutica Novartis sta pagando 245 milioni di dollari per risolvere un caso antitrust negli Stati Uniti. La casa farmaceutica è stata accusata di voler ritardare l’introduzione di prodotti generici per il suo farmaco per l’ipertensione Exforge negli Stati Uniti. Citando l’annuncio di Novartis, Bloomberg News ha scritto che l’accordo con gli operatori delle farmacie, tra gli altri, deve ancora essere confermato da un giudice federale di New York.