Febbraio 26, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Pioneer”: ricercatori tedeschi scoprono pianeti a vapore | Vita e conoscenza

“Pioneer”: ricercatori tedeschi scoprono pianeti a vapore |  Vita e conoscenza

Quasi il doppio della Terra e pieno di vapore: il pianeta GJ9827d delizia gli scienziati di Heidelberg. L'hanno scoperto a 97 anni luce di distanza. Questa scoperta potrebbe ora indicare un altro mondo ricco di acqua nella nostra galassia.

Gli astronomi hanno scoperto che l'esopianeta è circondato da un'atmosfera di vapore acqueo. Questo ha aiutato Telescopio spaziale Hubble. “La presenza di acqua su un pianeta così piccolo è una scoperta rivoluzionaria”, ha affermato Laura Kreidberg. Istituto Max Planck per l'astronomia (MPIA) di Heidelberg. “Ci avvicina più che mai alla caratterizzazione di mondi veramente simili alla Terra”.

Il termine “esopianeta” si riferisce a “un pianeta al di fuori del sistema solare”. Gli esopianeti orbitano attorno a una stella diversa dal nostro sole.

Clima caldo e umido con una temperatura di 400 gradi

Sfortunatamente nessuno può volare lì e limitarsi a guardare: tra loro ci sono 97 anni luce che non possono essere superati. Un anno luce è la distanza percorsa dalla luce in un anno, ovvero 9,46 trilioni di chilometri.

Molti scienziati sperano che la vita dipenda dall’acqua anche in luoghi diversi dalla Terra. È una delle molecole più comuni in essendo. GJ9827d è rumoroso Ricercatori Il più piccolo pianeta extrasolare dove finora sono riusciti a trovare vapore acqueo nell'atmosfera. Tuttavia non è ancora chiaro se si tratti di una piccola quantità di vapore acqueo nell’atmosfera o se sia composto principalmente da acqua.

Tuttavia, le condizioni sul sito sono estremamente scomode: la temperatura di 400 gradi è simile a quella trovata su Venere. Un mondo inospitale, umido e caldo.

Alla ricerca dei mondi acquatici

GJ9827d è stato osservato recentemente anche utilizzando il telescopio spaziale James Webb. Ciò significa che la ricerca dell’acqua deve essere effettuata più intensamente. I risultati sono ancora in sospeso. “Non vediamo l'ora di vedere cosa riveleranno questi dati”, afferma Kreidberg. “Speriamo di poter ora risolvere la questione dei Regni dell'Acqua una volta per tutte.”