Giugno 29, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Philip Baker Hall Matt: Con ‘Seinfeld’ diventa una cult star – People

I cento uomini erano un ruolo ausiliario…

Dopo essere apparso in più di 150 film e serie, il veterano di Hollywood Philip Baker Hall è morto domenica all’età di 90 anni. Sua moglie, Holly Wolfe Hole, ha detto che Baker ha avuto problemi ai polmoni alcune settimane fa e ha salutato la sua famiglia per il fine settimana.

Philip Baker Hall non è mai stato uno di quegli attori i cui nomi sono stampati in maiuscolo sui cartelloni pubblicitari, ma esiste da decenni quando è stata fatta la storia della televisione e del cinema: dalle sue apparizioni con The Waltons (1979), a Ghostbusters II (1989), “The Truman Show.” (1998), “Magnolia” (1999), “Bruce Onnipotente” (2003) e “Argo” (2012).


Il regista Paul Thomas Anderson (a sinistra) ha affittato più volte la Philip Baker Hall per i suoi film.Foto: Photo Alliance / The Everett Group

Ricorda anche il suo ruolo come ospite nella sitcom cult Seinfeld nel 1991: Hall ha interpretato il detective della biblioteca Joe Buckman, che ha perseguitato Seinfeld per una copia del libro Tropic of Cancer che non veniva restituito da anni. Hall ha interpretato il snoozer privato nei panni di un cinico, stanco del mondo e dagli occhi duri come Humphrey Bogart nel film noir.

Ti piace il gusto? Hall: “Sì, il ’71 è stato il mio primo anno di attività. Brutto anno per le biblioteche, brutto anno per l’America. Gli hippy hanno bruciato le loro tessere della biblioteca, Abby Hoffman ha detto a tutti di rubare i libri. Non giudico nessuno dalla lunghezza dei loro capelli o la musica che ascoltano. Ma è meglio che indossi un paio di scarpe quando vai alla Biblioteca pubblica di New York, amico mio”.

Anche registi famosi come Paul Thomas Anderson, 51 anni, hanno osservato il talento di Hall. Ha anche dato all’attore il ruolo principale nel suo primo film importante, Hard Eight, che ha aiutato i due. Ha anche recitato un anno dopo in Boogie Nights, la satira di Anderson sull’industria del porno.

L’uomo dai cento ruoli secondari, con la sua voce profonda, gli occhi tristi e le spalle inclinate, è stato più volte ingaggiato per interpretare personaggi autorevoli: avvocati, ministri, medici o presentatori di giochi come nel film di Anderson “Magnolia”.

O nelle parole dello stesso Hall: “Anziani molto stressati e sull’orlo del collasso a causa della sofferenza, dello stress e del dolore”.

READ  Lutto per Vicente Fernandez: è morto il re di Ranchera in Messico