Settembre 30, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Perdite di prezzo nel DAX: c’è un forte aumento dei tassi di interesse in futuro?


Rapporto di mercato

Stato: 29/08/2022 13:14

I timori sui tassi di interesse hanno continuato a esercitare pressioni sul DAX all’inizio della settimana. Nei mercati finanziari, sono aumentate le speculazioni su un imminente forte aumento dei tassi da parte della Banca centrale europea.

La prospettiva di una politica dei tassi d’interesse più aggressiva da parte delle principali banche centrali su entrambe le sponde dell’Atlantico ha rovinato l’appetito degli investitori per i titoli all’inizio della settimana. Durante la sessione mattutina, l’indice DAX è sceso a un minimo giornaliero temporaneo a 12.758 punti. Ciò corrisponde a un 1,6% negativo in cima.

Colpendo tecnicamente male il grafico DAX

“Ora si tratta di trovare rapidamente un punto d’appoggio nel mercato in modo da non saltare direttamente al traguardo successivo e forse più importante: il minimo dell’anno appena sotto i 12.500 punti. Da un punto di vista tecnico, il DAX è ora in rialzo e in esecuzione”, spiega Jürgen Molnar, stratega di RoboMarkets Capital Markets:

Le statistiche intanto parlano di ulteriori perdite di prezzo nel DAX, almeno a breve termine. Le perdite di prezzo di lunedì dopo il sell-off di venerdì sono un modello ricorrente nel mercato azionario. Solo il martedì, che in borsa viene anche chiamato “Turnaround Tuesday”, i prezzi possono salire di nuovo secondo le statistiche.

I mercati sono in preda ai timori sui tassi di interesse

Da un punto di vista fondamentale, all’inizio della settimana i timori sui tassi d’interesse hanno influito principalmente sui prezzi. Perché al simposio di un banchiere centrale a Jackson Hole, che ha attirato molta attenzione da parte dei mercati, il presidente della Federal Reserve Jerome Powell non è stato l’unico a chiarire agli investitori che combattere l’inflazione era la sua priorità assoluta, aumentando così l’interesse degli Stati Uniti aliquote. aspettative. Gli investitori interpretano anche i commenti delle guardie valutarie della BCE nel senso che la BCE potrebbe osare aumentare i tassi di interesse in modo molto drammatico nella sua prossima riunione del Consiglio l’8 settembre.

Elevato potenziale per un rialzo dei tassi della BCE molto ampio

Le quotazioni del mercato monetario mostrano che la probabilità di un aumento di 75 punti base del tasso di interesse di riferimento nell’Eurozona è ora stimata al 67%. Per fare un confronto: prima che i banchieri centrali si presentassero nel fine settimana, la probabilità di un così forte aumento dei tassi di interesse era stimata solo al 24%.

READ  Il gigantesco boom delle fabbriche del Texas: le azioni Tesla precipitano in un crollo tecnologico: l'analista prevede il secondo trimestre "brutale" per Tesla | newsletter

Sabato, il capo della Banca centrale europea Isabelle Schnabel e i capi delle banche centrali in Francia e Lettonia, François Villeroy de Gallo e Martins Kazak, si sono espressi a favore di aumenti dei tassi forti o elevati per combattere l’inflazione dilagante. Il tasso di inflazione nell’area dell’euro è salito a un nuovo massimo storico dell’8,9 per cento a luglio.

La Banca Centrale Europea più aggressiva nei prossimi mesi?

“Si noti inoltre che i futures prevedono che la BCE sarà molto più forte nei prossimi mesi rispetto alla settimana precedente. La scorsa settimana il tasso dell’1,5 per cento era il più alto previsto per l’estate del 2023, e ora è del 2,25 per cento”. conferma l’esperto di mercato Robert Rithfeld di Wellenreiter -Invest.

“Una Fed aggressiva e anti-inflazionistica – e una nuova – BCE che imita la Fed in una situazione in cui segnali come la curva dei rendimenti o l’aumento dei prezzi dell’energia in Europa stanno suonando campanelli d’allarme per la recessione non sono ciò che gli operatori del mercato apprezzano”.

Wall Street prima delle nuove perdite di prezzo

Anche a Wall Street, è probabile che i prezzi continuino a scendere nelle prime contrattazioni. Il futuro del principale Dow Jones Industrial Average negli Stati Uniti sta attualmente perdendo lo 0,9%. I titoli tecnologici in particolare sono sotto forte pressione: l’indice dei futures Nasdaq 100, ricco di tecnologia, è in calo dell’1,3%.

Il prezzo dell’oro è sceso al livello più basso in un mese

Sul prezioso metallo giallo pesano le aspettative di tassi di interesse più elevati negli Stati Uniti, che di per sé non apportano alcun beneficio. Il prezzo di un’oncia d’oro è sceso a 1.720 dollari al London Commodity Exchange. Questo è il livello più basso in circa un mese. Rispetto a venerdì, le perdite sono state di circa 15 dollari, da giovedì il prezzo è sceso di oltre 60 dollari.

Il prezzo del petrolio continua a salire

I prezzi del petrolio hanno esteso i loro ampi premi la scorsa settimana. Il prezzo di un barile (159 litri) di Brent North Sea 101,36 dollari USA a mezzogiorno. Questo è l’1,2 per cento in più rispetto a venerdì. I prezzi del petrolio sono rimbalzati a causa della possibilità di un calo dell’offerta negli ultimi giorni. La scorsa settimana ci sono stati segnali corrispondenti dal gigante petrolifero saudita e da altri membri della rete OPEC+ del greggio.

Si spera che Bayer continui a sviluppare Asundexian

In DAX, l’attenzione è rivolta alle azioni Bayer. L’azienda farmaceutica ora vuole testare il suo farmaco candidato Asundexian contro l’ictus in studi di approvazione pertinenti su un’ampia gamma di pazienti. Il Gruppo DAX ha annunciato domenica, sulla base dei dati della Fase 2, che inizierà il programma di sviluppo della Fase III oceanica.

Hapag-Lloyd vede la normalizzazione delle catene di approvvigionamento

Rolf Habben Jansen, presidente della compagnia di navigazione di Amburgo Hapag-Lloyd, vede chiari segnali di normalizzazione delle catene di approvvigionamento tese. “Sei mesi fa, ciascuna delle nostre navi è stata prenotata tre o quattro volte, e ora le navi potrebbero essere sovraffollate del 20%. Questo è un indicatore importante”, ha detto Habin Jansen a Welt am Sonntag.

RTL acquisisce nuovi manager finanziari e risorse umane

La società di media RTL Germania continua a rimescolare il suo personale senior. Ingrid Heisserer, che proviene dal produttore di cosmetici L’Oreal, diventerà il nuovo direttore finanziario il 1° dicembre. Xenia Meuser, che assumerà la carica di nuovo capo delle risorse umane dal 25 ottobre, sarà responsabile delle risorse umane presso RTL Deutschland. Il manager stava lavorando con la madre di Job Network Xing, New Work.

READ  I timori sui tassi di interesse sono tornati a crescere: i mercati azionari statunitensi sono nuovamente scesi

Lufthansa: I requisiti per le mascherine rappresentano un forte svantaggio competitivo

Lufthansa si vede in una situazione di svantaggio economico a causa del previsto inasprimento dei requisiti delle maschere sugli aerei. “I passeggeri che hanno la possibilità di viaggiare per diverse ore con o senza maschera di solito scelgono l’opzione più comoda”, ha scritto la compagnia nella sua lettera sulla politica pubblicata oggi.

Lufthansa riceve il suo primo Boeing Dreamliner

Con un ritardo di quasi due anni, Lufthansa prenderà in consegna domani il primo Boeing 787-9 a lungo raggio. Il suo portavoce ha riferito oggi che il Dreamliner da 294 posti dovrebbe atterrare all’aeroporto di Francoforte verso le 11:00 da Seattle. Lufthansa ha ordinato 32 velivoli bimotore per l’intero gruppo, destinati a sostituire i modelli Airbus obsoleti con quattro motori nella flotta del gruppo.

L’allenatore Bulgari spera in un 2022 da record

Il produttore di gioielli e orologi Bvlgari punta a un nuovo anno record: “Il 2021 è già stato un anno record per Bvlgari e quest’anno sarà notevolmente migliore. Stiamo crescendo nella fascia percentuale alta a due cifre sia per gli orologi che per i gioielli”, ha affermato Il presidente della Bulgari Jean-Christophe Papin in un’intervista al quotidiano “Nuova Zelanda”. Le misure di Corona in Cina rimangono una sfida.

Ericsson ha gradualmente smesso di operare in Russia

Il fornitore di rete svedese Ericsson ridurrà gradualmente le sue attività commerciali in Russia nei prossimi mesi. Ericsson ha affermato che la società impiega circa 400 persone in Russia e le sosterrà finanziariamente. La rivale di Nokia aveva già mandato i suoi dipendenti in congedo retribuito all’inizio dell’anno.