Aprile 16, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Perché il Kundalini Yoga riduce il rischio di malattia di Alzheimer?

Perché il Kundalini Yoga riduce il rischio di malattia di Alzheimer?

Il Kundalini Yoga offre una serie di benefici cognitivi e di memoria nelle donne anziane.

Questi includono il ripristino dei percorsi neurali, la prevenzione del deterioramento della materia cerebrale, l’età di recupero e i biomarcatori associati all’infiammazione. Lo dimostra uno studio condotto da Helen Lavretsky da Università della California, Los Angeles. Ha studiato se il Kundalini Yoga potesse essere utilizzato precocemente per prevenire il declino cognitivo e lo sviluppo della malattia di Alzheimer nelle donne in postmenopausa.

Alto rischio nelle donne

Le donne hanno il doppio del rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer rispetto agli uomini, a causa di diversi fattori, tra cui l'aspettativa di vita più lunga, i cambiamenti nei livelli di estrogeni durante la menopausa e la predisposizione genetica. Al nuovo studio hanno partecipato circa 60 donne di età pari o superiore a 50 anni, che hanno affermato di soffrire di problemi di memoria e di fattori di rischio per malattie cerebrovascolari. Le donne erano divise in due gruppi. Il primo gruppo ha frequentato sessioni settimanali di kundalini yoga per dodici settimane, mentre l’altro gruppo ha completato esercizi di memoria settimanali durante lo stesso periodo.

Il team di Lavretsky ha valutato le capacità cognitive delle donne, la memoria soggettiva, la depressione e l'ansia dopo le prime dodici settimane, e di nuovo dopo altre dodici settimane per determinare quanto fossero stabili i miglioramenti. I ricercatori hanno anche prelevato campioni di sangue per esaminare l'espressione genetica dei marcatori dell'invecchiamento e delle molecole associate all'infiammazione, che contribuisce alla malattia di Alzheimer. Un piccolo numero di pazienti è stato anche scansionato utilizzando la risonanza magnetica per rilevare cambiamenti nella materia cerebrale.

Migliorare la neuroplasticità

“Questo è ciò a cui serve lo yoga: ridurre lo stress, migliorare la salute del cervello e la memoria soggettiva, ridurre l'infiammazione e migliorare la neuroplasticità”, spiega Lavretsky. La neuroplasticità è la capacità del cervello di modificare la sua struttura e le sue funzioni in modo da poter rispondere in modo ottimale a nuovi stimoli e richieste esterne. (presstext.editoriale)