Aprile 21, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Hamilton “non porterà molto sviluppo” alla Ferrari

Hamilton “non porterà molto sviluppo” alla Ferrari

(Motorsport-Total.com) – Toto Wolff non è preoccupato che Lewis Hamilton possa portare con sé importanti segreti tecnici alla Ferrari quando lascerà la Mercedes per Maranello a fine 2024: “Penso che i piloti abbiano meno input in termini di sviluppo” di qualsiasi ingegnere “, dice in uno il capo del team Mercedes incontrandosi con ORF.

Toto Wolff non è preoccupato che Lewis Hamilton possa portare con sé il know-how tecnico alla Ferrari

È un mito comune nella comunità della Formula 1 che alcuni piloti abbiano talento non solo per stabilire tempi sul giro veloci, ma anche per sviluppare le proprie auto.

Esistono infatti conducenti il ​​cui feedback è particolarmente accurato e quindi più facile da interpretare e implementare per gli ingegneri nel modificare il comportamento di guida. Ma il fatto che i piloti stessi comprendano le sfumature del design tecnico è probabilmente esagerato nella mente di molti fan.

A questo proposito Wolff si è mostrato rilassato sul tema del trasferimento di tecnologia quando Hamilton ha lasciato la squadra: “Il pilota può rimanere in macchina fino alla fine. A parte le emozioni e alcune piccole cose che porta con sé, non potrà Fai quello.” Non apportate molti sviluppi alla prossima vettura.”

È ancora più doloroso quando gli ingegneri pienamente coinvolti nella progettazione del veicolo passano a un team concorrente. Ecco perché a questo scopo di solito esistono le cosiddette norme “congedo di giardinaggio”: in altre parole: se un ingegnere senior passa a un nuovo datore di lavoro, di solito gli viene impedito contrattualmente di assumere immediatamente il nuovo lavoro per almeno sei mesi.

Un argomento che Wolff trova a questo proposito più controverso rispetto al cambio di un pilota, anche se si tratta di un uomo con l'esperienza di Hamilton: “Abbiamo sempre certe fluttuazioni, dove le persone da noi vanno alla Ferrari o alla Red Bull,” o viceversa. “Queste sono le cose a cui dovresti prestare attenzione”, sottolinea.

Tuttavia, arriverà un punto – presumibilmente molto presto nella stagione 2024 – in cui Hamilton non sarà più coinvolto nelle decisioni tecniche in vista del futuro. Quando gli ingegneri Mercedes finiranno i primi progetti per l’auto del 2025, Hamilton quasi certamente non si vedrà. George Russell lo fa.

E la domanda numero 1 può anche portare a situazioni difficili nel fondo. Ad esempio, se Hamilton e Russell combattessero l'uno contro l'altro per la vittoria. “Non devi illuderti”, ammette Wolf. “Naturalmente, quando un pilota cambia squadra, può crearsi una certa dinamica, soprattutto quando le cose non vanno bene”.

“Ma ho sempre cercato di gestire la cosa in modo molto trasparente. Entrambi hanno le stesse possibilità. Vogliamo avere successo quest'anno, sia nel Campionato Piloti che nel Campionato Costruttori. E quindi abbiamo bisogno di due piloti che stiano registrando davvero buoni risultati”, spiega l'austriaco.