Maggio 18, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Perché alcuni vengono infettati più velocemente di altri? – Conoscenza SWR

Geni, gruppo sanguigno o solo fortuna? Perché alcune persone si ammalano di corona dopo uno stretto contatto con persone infette e altre no?






Scarica file audio (3,1 MB | MP3)

Il Lo studio è controversoTuttavia, i loro risultati sono interessanti: dopo che i ricercatori britannici hanno instillato la variante originale del virus Corona nel naso di 34 volontari, solo più della metà di loro si è ammalata. Sebbene la quantità di virus fosse piccola, era la stessa per tutti i partecipanti.

Ci sono molte ipotesi sul motivo per cui alcuni vengono infettati più velocemente di altri, indipendentemente dalla vaccinazione. La spiegazione è spesso semplice, tuttavia, e il sistema immunitario di alcune persone combatte il virus così rapidamente dopo il contatto con una persona infetta che i test antigenici non funzionano, ha spiegato l’immunologa Martina Prelog a Deutschlandfunk Nova.

Una spiegazione del perché alcune persone non vengono infettate: la carica virale è così bassa che i test rapidi non funzionano.






Immagini di imago/lubeca


Un’altra possibile spiegazione: le persone che non sembrano essere state contagiate sono state contagiate prima, ma senza rendersene conto.

Inoltre, sono attualmente in discussione altri fattori indipendenti dalla vaccinazione:

attraverso l’immunità

Quando il sistema immunitario viene infettato da un virus, reagisce a determinate proteine ​​di superficie del patogeno estraneo. Se il virus è ancora sconosciuto, la reazione spesso richiede più tempo.

Tuttavia, se il corpo viene nuovamente infettato, il sistema immunitario può reagire più rapidamente, perché l’infezione precedente è stata immagazzinata nella memoria immunitaria. Il sistema immunitario può trarne beneficio anche se ha già combattuto virus simili o correlati. Quindi i virologi parlano di immunità crociata.

Uno Studio condotto da ricercatori dell’Università di Münster Di conseguenza, questo potrebbe essere anche il caso del Covid-19. Se i partecipanti hanno già contratto uno dei quattro coronavirus, tendono a seguire un corso più mite. Tuttavia, la variante omicron, attualmente prevalente in Germania, non era presente durante il periodo di osservazione.

I ricercatori sospettano che chiunque sia stato infettato da determinati virus in passato potrebbe essere protetto meglio dal Covid-19.  (Foto: IMAGO Images, IMAGO / Panthermedia)

I ricercatori sospettano che chiunque sia stato infettato da determinati virus in passato potrebbe essere protetto meglio dal Covid-19.






IMAGO / Panthermedia


I ricercatori svedesi sono giunti a una conclusione simile: nel loro studio precedentemente pubblicato, sono giunti alla conclusione che una precedente infezione con il virus che causa l’influenza suina può anche aiutare il sistema immunitario con l’infezione da Covid19. Tuttavia, il team ipotizza anche che questa protezione sia inferiore con la variante Omicron rispetto alla variante originale.

DNA

Per alcune malattie, come la malaria, è già noto che alcune mutazioni genetiche proteggono dalle malattie meglio di altre. Nel caso di infezione da HIV, tubercolosi o influenza, ad esempio, alcune varianti genetiche possono aiutare a determinare la gravità del decorso della malattia.

Tali studi sono già stati condotti in relazione al Covid-19. È stato confrontato il DNA di persone che avevano diversi gradi di sintomi dopo l’infezione. Finora sono stati osservati diversi geni in persone con cicli particolarmente gravi. A Lo studio attuale I ricercatori hanno trovato una relazione tra otto caratteristiche genetiche e il rischio di infezione da corona.

Anche la genetica può avere un ruolo.  Tuttavia, i collegamenti esatti necessitano ancora di ulteriori indagini.  (Foto: Immagini Imago, Imago)

Anche la genetica può avere un ruolo. Tuttavia, i collegamenti esatti necessitano ancora di ulteriori indagini.






imago


gruppo sanguigno

Stimolare alcuni gruppi sanguigni per l’infezione non è un’idea nuova in sé e per sé. I ricercatori sono già entrati in contatto con altri tipi di coronavirus studi Alla conclusione che le persone con gruppo sanguigno 0 si ammalano meno spesso delle persone con altri gruppi sanguigni.

Anche per quanto riguarda il Covid-19, molti ricercatori concordano sul fatto che il rischio di infezione tende a essere più basso nelle persone con gruppo sanguigno 0. Tuttavia, sembra effetto molto piccolo Essere.

Anche il gruppo sanguigno sembra avere un effetto sulla facilità con cui una persona viene infettata, ma, secondo i ricercatori, è piuttosto piccolo.  (Foto: Immagini Imago, Imago / Foto 2000)

Anche il gruppo sanguigno sembra avere un effetto sulla facilità con cui una persona viene infettata, ma, secondo i ricercatori, è piuttosto piccolo.






immagine / foto 2000


Tuttavia, al momento non esiste un consenso scientifico su quale gruppo sanguigno comporti il ​​rischio più elevato.

Tuttavia, non solo il tuo gruppo sanguigno gioca un ruolo importante. Il gruppo sanguigno di una persona colpita influisce anche sulla probabilità che venga infettata.

“Qui ho visto che se i gruppi sanguigni sono diversi qui, e se sono incompatibili, per così dire, la trasmissione è molto rara”.

Contrariamente ai gruppi sanguigni compatibili, negli studi il rischio di sviluppare gruppi sanguigni incompatibili era inferiore del 40%. Ciò significa che il rischio di infezione varia da individuo a individuo a seconda di come i gruppi sanguigni sono distribuiti nella popolazione.

Tuttavia, non è ancora chiaro fino a che punto i fattori genetici influenzino in generale. È ancora difficile generalizzare i risultati dello studio.

“Non si può quantificare (…). Non si può dire che questa percentuale di persone con questa caratteristica non si ammali”.

Tuttavia, i ricercatori sperano che i risultati aiuteranno nello sviluppo di nuovi farmaci e approcci terapeutici.

READ  Un nuovo esame del sangue rileva il morbo di Alzheimer - MANN.TV